Il regista Paolo Sorrentino: I fantasmi di Napoli sono reali

Il famoso regista italiano Paolo Sorrentino diventa un personaggio nel suo nuovo film la mano di Dio. Il film ruota attorno a Fabito, un ragazzo che cresce a Napoli negli anni ’80 in una famiglia vivace e caotica con una madre dominante e calorosa e un padre affascinante e inaffidabile. La sua eccitazione aumenta quando uno dei migliori calciatori del mondo, Diego Maradona, arriva in città nel 1984 per giocare per il suo club, il Napoli.

Fabito ha una ricca vita fantasy, che include già temi di film successivi come celebrità (2008) in grande bellezza (2013) può essere identificato. Vuole essere un regista, non un’ambizione ovvia nell’ambiente in cui è cresciuto. “Ho avuto un momento molto difficile crescere”, ha detto Sorrentino al Festival del Cinema di Venezia a settembre. La mia filosofia è: se non riesci a risolvere un problema, concentrati su un altro problema che potresti essere in grado di risolvere. Per me questo era fare film”.

Napoli è conosciuta come una delle città più belle d’Italia, ma per un motivo è anche la più dura d’Italia. Il crimine non è mai troppo lontano. Fabito vive per metà nella realtà, per metà nelle sue fantasie, e il confine tra loro non è sempre chiaro, finché la tragedia non colpisce la famiglia.

Sorrentino ora vive a Roma, ma Napoli rimane la città a cui si sente più legato. “Napoli è una città che conosco fino in fondo, perché ci sono nato e cresciuto. Conosco ogni pietra. Roma mi è stata presentata solo quando era già formata. A Roma farò sempre il turista. Sono a casa a Napoli».

Non volevo in alcun modo impantanarmi nel mio dolore

Sorrentino non riesce a superarlo la mano di Dio Un film dai forti connotati autobiografici. Ma sa che il genere del film biografico ha molte insidie. “Certo, ciò che è molto importante per me, non dovrebbe essere così importante per lo spettatore. Dovresti sempre tenere a mente questa realizzazione. La mia vita è ovviamente importante per me, perché questa è l’unica vita che ho. Ma volevo per evitare di fare un film che interessa solo a me.” Non volevo essere retorico in alcun modo, né indulgere nella mia stessa sofferenza. Volevo raccontare una storia personale, ma nel modo più cinematografico possibile”.

READ  Charles ha parlato con William e Harry per due ore dopo il funerale di Philip Reali

personaggi del padre

I personaggi di Vader giocano un ruolo importante nel film. in un la mano di Dio È un ruolo importante per il regista napoletano Antonio Capuano, che ha aiutato Sorrentino nei suoi primi passi da regista. Interpreta una versione di se stesso nel film.

“Antonio è una persona molto intelligente e allo stesso tempo molto contraddittoria”, dice Sorrentino. “Per quasi tutto quello che dice, dopo un po’ può anche dire il contrario. Questa è forse una caratteristica delle persone più intelligenti. Da lui ho imparato soprattutto che per un buon film o un buon libro bisogna trovare una forma d’arte. Tu devo trovare un modo per dare una dimensione poetica agli eventi. Allo stesso tempo, non volevo usare troppi stili in questo film. Volevo soprattutto fare un film semplice e onesto”.

Il padre di Sorrentino è interpretato nel film dal grande attore Tony Cervello, che ha recitato in tutti i film di Sorrentino fino ad oggi. “Tony è come un fratello maggiore per me. È stato qualcuno che mi ha capito fin dall’inizio e mi ha aiutato nel mio cammino. Credeva davvero in me come regista quando ho dovuto realizzare il mio primo cortometraggio. Ecco perché è stato così naturale e per me è normale che Tony interpreti mio padre. È sempre stato un personaggio paternalistico nella mia vita. “

ho letto qui Recensione del film “La mano di Dio”

Allo stesso tempo, Servillo ha dovuto scoprire da solo più o meno come voleva ritrarre il padre del regista. “Mio padre è ancora un po’ un estraneo per me, un uomo che ancora non capisco del tutto. Non riuscivo a spiegare chiaramente a Tony cosa fosse esattamente mio padre. Sono rimasto bloccato più e più volte. Fortunatamente, Tony stesso aveva le idee molto chiare su come il suo desiderio di interpretare il ruolo. Gli ho dato tutto lo spazio per farlo. Tony in realtà ha fatto tutto il lavoro”.

READ  Måneskin ha speso un sacco di soldi dopo aver vinto l'Eurovision Song Contest

fenomeni quasi religiosi

Racchiudere un ricco immaginario Fabito la mano di Dio Si inserisce perfettamente nel folklore cattolico della città, dove leggende, santi e miracoli svolgono un ruolo di primo piano. Diego Maradona è più di un semplice idolo o di un eroe: è quasi venerato come un santo che può fare miracoli. “Per molte persone a Napoli è abbastanza naturale confondere la fede con ogni tipo di superstizione. Prendo molto sul serio questi fenomeni quasi religiosi.

“Nella mia famiglia si raccontavano costantemente storie di fantasmi e spiriti. Per la classe operaia a Napoli questo è molto comune. Se qualcosa di brutto è successo nella vita e ti dà ancora fastidio, puoi sempre portare un fantasma per spiegare gli eventi. Questo è come sono cresciuto. Da bambino ne ero totalmente immerso. In una terra così fertile, una persona come Maradona poteva trasformarsi in una figura religiosa, in un dio.

“C’erano sempre così tante storie che non ero sicuro se fossero state inventate o accadute davvero. All’inizio del film c’è la storia di una donna che afferma di aver incontrato un santo alla fermata dell’autobus. Ho sentito quella storia me stesso da mia zia quando avevo diciassette anni, mi ha lasciato questa grande impressione.

“La mia immaginazione era molto nutrita lì. Questo è anche l’aspetto dei miei film. Il bello del cinema è che puoi effettivamente inventare eventi che non possono essere spiegati razionalmente immaginandoli. Ecco perché la storia di mia zia sull’incontro con un santo è così vero per me, almeno nel film”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24