Il Regno Unito può trasferire i richiedenti asilo in Ruanda, regolano le regole

Il Regno Unito e il Ruanda hanno annunciato ad aprile un accordo che ospiterà migliaia di richiedenti asilo in Ruanda. Le persone che sono entrate illegalmente nel Regno Unito dal 1° gennaio possono essere inviate in Ruanda. Il piano per ridurre l’immigrazione clandestina costa 144 milioni di euro.

Amnesty International ha affermato che il governo britannico “ha preso le distanze dall’umanità e dalla realtà”. Anche altre reazioni a casa non sono state lievi. “Impraticabile, immorale e stravagante”, dice il Partito Laburista di centrosinistra. Un portavoce l’ha definita una “vergognosa” distrazione dallo scandalo “Party Door”.

Alla fine di aprile, anche la Danimarca ha annunciato di voler inviare immigrati clandestini in Ruanda. Ma i danesi non hanno ancora raggiunto un accordo con il Ruanda su questo.

Le misure del Regno Unito mirano in parte a dissuadere le persone dalla pericolosa traversata della Manica dalla Francia, spesso su piccole imbarcazioni gestite da trafficanti. Di conseguenza, la Corte d’Appello si è pronunciata a favore del governo britannico, dopo che venerdì un tribunale di grado inferiore a Londra ha dato il via libera alle deportazioni. Lunedì, il giudice ha affermato che la sentenza non poteva essere nuovamente impugnata.

paesi più poveri

L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati Filippo Grandi ha descritto lunedì il piano britannico come “assolutamente sbagliato per molte ragioni”. Grandi ha osservato che ci sono molti paesi in Africa e altrove che sono molto più poveri del Regno Unito e tuttavia ospitano centinaia di migliaia, a volte milioni di rifugiati. L’Alto Commissario delle Nazioni Unite teme che tali paesi faranno qualcosa di simile. “Il precedente per questa situazione è catastrofico”, ha detto Grandi.

READ  Harry consegna i premi ai veterani e ai Bon Jovi | Reali

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24