Il Ringraziamento è una festa per alcuni negli Stati Uniti e un giorno di lutto per altri

“Vogliamo che la vera storia venga raccontata nelle scuole. Non è stato carino e non dovremmo descriverlo in modo orribile nei libri di testo, ma i bambini hanno bisogno di sapere cosa è successo veramente durante e dopo ringraziamento. “

Secondo i Wampanoag, gli indigeni che 400 anni fa accolsero i pellegrini dall’Europa, i tacchini non esistevano. Né indiani con il velo. Infatti, contrariamente alla credenza popolare, la tribù non fu nemmeno invitata alla prima festa del raccolto nel 1621. Quando questi devoti profughi – che furono perseguitati in Inghilterra – celebrarono per la prima volta il Ringraziamento 400 anni fa, le cose sembravano molto diverse. negli Stati Uniti oggi.

Per Wampanoags, che hanno padri del pellegrinaggio Quel primo anno portò all’inizio del genocidio, all’occupazione delle loro terre e alla cancellazione della loro cultura. Quella che è una festa nazionale per il resto dell’America è un giorno di lutto nazionale per i Wampanoag e altre tribù indigene.

“Siamo le prime persone in questo Paese. E il ricordo di quello che è successo può essere doloroso. Siamo emarginati e distorti. A volte ci sentiamo invisibili. Ma vogliamo mostrare alle persone che siamo ancora qui, non siamo nascosti”, ha detto. Il presidente Hering Bond Wampanoag Melissa Ferretti.

READ  Israele prevede di costruire più di 1.300 case per i coloni in Cisgiordania

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24