Il salvatore afgano di Joe Biden si nasconde dai talebani all’estero

Il presidente uscente Biden era in visita in Afghanistan con altri due senatori, Chuck Hagel e John Kerry. L’elicottero su cui si trovavano è stato costretto ad atterrare in una zona remota durante una tempesta di neve. Muhammad ha lavorato per anni con unità speciali degli americani. È andato in montagna con una piccola squadra per salvare i senatori bloccati. Quella missione è riuscita.

Ma tredici anni dopo, Muhammad non riuscì a completare tutte le pratiche burocratiche per entrare negli Stati Uniti in tempo. Per un anno ha lottato con la burocrazia americana per portare se stesso, sua moglie ei suoi quattro figli fuori dal paese. Quando gli americani hanno lasciato l’aeroporto di Kabul lunedì, Muhammad non era ancora stato riconosciuto come rifugiato o immigrato. Parlando al Wall Street Journal, si è rivolto a Biden e ha detto: “Ehi, signor presidente, salva me e la mia famiglia, non dimenticarmi!”

Una portavoce della Casa Bianca ha risposto, dicendo che non sarebbe stato dimenticato. “Siamo grati per i tuoi 20 anni di lotta al nostro fianco e onoreremo i tuoi servizi e te ne tireremo fuori”.

La portavoce di Biden, Jen Psaki, ha dichiarato in una conferenza stampa la scorsa settimana che è disponibile per gli americani abbandonati nel bisogno e può inviarle messaggi dopo che l’amministrazione ha promesso “di non lasciare indietro nessuno”. Tuttavia, secondo Washington, centinaia di cittadini sono ora lasciati indietro.

READ  Sospetto rilasciato dopo il panico per gli aghi di fragola in Australia | all'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24