Il “Santo Graal” dell’archeologia può essere visto nei Paesi Bassi per un po’

Tavoletta Nabra celeste. “Molto bello”, dice Luke Amkrutz del National Museum of Antiquities.Immagini del patrimonio dell’immagine / Getty Images

O meglio, uno strumento: non puoi guardare le stelle con esso, ma non c’è davvero dubbio che i vari corpi celesti fossero raffigurati su un disco da 12 pollici.

“Il disco di Nebra è la più antica rappresentazione del cielo sulla Terra”, afferma Luke Amkrutz, curatore preistorico al Museo Archeologico Nazionale di Leida. L’ho visto dieci volte ormai, ma ho ancora la pelle d’oca ogni volta che lo vedo. E `veramente forte.

Il disco Nebra di colore verde marino ha un’età compresa tra 3600 e 3750 anni. È necessaria un po’ di immaginazione per conoscere il sole, la luna e le stelle nel cerchio dorato, nella falce e nei punti. Forse il gruppo di sette stelle più sorprendente rappresenta la costellazione dei Sette, un noto gruppo di stelle che può essere visto soprattutto in inverno.

Archeologi dilettanti

Il disco, insieme a spade e asce di bronzo, è stato scavato nel 1999 dagli archeologi dilettanti Henry Westphal e Mario Renner a Mittelberg, una collina vicino al villaggio di Nebra, a circa 60 chilometri a ovest di Lipsia, nello stato tedesco della Sassonia-Anhalt. . È stato scambiato più volte al mercato nero, prima di essere confiscato dalla polizia in un’operazione sotto copertura nel 2002.

Le staffe sui bordi furono aggiunte al quadrante in una fase successiva; Anche l’oro ha una composizione leggermente diversa. Non si sa esattamente cosa rappresenti l’arco inferiore (secondo Amkrutz, può simboleggiare la barca solare che trasporta il sole attraverso il mondo della notte e del giorno), ma i due archi sui bordi destro e sinistro formano un angolo di 82 gradi , che fornisce esattamente la differenza tra le albe e i tramonti più settentrionali e più meridionali. Il disco costituisce quindi una sorta di rappresentazione grafica delle stagioni.

Sebbene la data (e persino l’autenticità) del disco di Nebra fosse inizialmente messa in dubbio, è ora accertato che fu sepolto cerimoniosamente con altri oggetti di valore tra il 1600 e il 1560 a.C. Il disco potrebbe aver avuto diversi decenni a quel punto.

Santo Graal

“L’origine dei metalli speciali – rame dalle Alpi orientali, oro e stagno dalla Cornovaglia e dalla Romania – mostra quanto fossero estese le reti a quel tempo, non solo per le materie prime e le cose, ma anche per le persone e la conoscenza”, afferma Amkreutz .

Strutture preistoriche come Stonehenge e le piramidi egizie, anch’esse orientate verso il cielo stellato, sono più antiche, ma il Disco di Nebra è il più antico oggetto “tenuto in mano” di importanza astronomica. Dal 2013 è stato inserito nella Lista della Memoria del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Amkreutz: Archeologicamente, è una specie del Santo Graal.

Fino a metà luglio, il disco Nebra è stato esposto temporaneamente al British Museum di Londra. Prima di tornare alla sua “base di partenza” al Landesmuseum für Vorgeschichte di Halle, in Germania, sarà il capolavoro della mostra fino al 18 settembre. Disco Nibra: la scoperta del paradiso Nel Museo Drenthe.

READ  626 pazienti COVID in terapia intensiva (NL+D), 2134 in clinica (NL), 3 rinvii

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24