Il settore dell’aviazione punta a passare alle emissioni nette di gas serra entro il 2050, le reazioni al piano sono contrastanti

Il segretario ai trasporti britannico Anne-Marie Trevelyan ha parlato alla BBC di una “pietra miliare storica”: la Gran Bretagna è stata uno dei primi paesi a includere le emissioni dell’aviazione nei propri obiettivi climatici nazionali. Alla conferenza sul clima dell’anno scorso, hanno fatto una campagna per inondare il settore dell’aviazione con la creazione di Aviation Climate Ambition Alliance.

Ma l’accordo non contiene obiettivi specifici per paesi o compagnie aeree. “Il lavoro non è finito”, ha affermato Mark Brownstein dell’Environmental Defense Fund. Alcuni gruppi climatici lo vedono favorevolmente e credono che potrebbe portare rapidamente a combustibili più rispettosi del clima per gli aerei. Ma avvertono che sarà difficile frenare e “spingere” i paesi.

L’intento, tra le altre cose, è quello di allontanarsi dal cherosene come combustibile e lavorare di più con biocarburanti a base di grassi, vegetali o energia rinnovabile. L’industria aerea statunitense è soddisfatta dell’accordo, ma descrive la scadenza del 2050 come “ambiziosa”. Vuole muoversi rapidamente per ottenere combustibili più rispettosi del clima, ma non dice una parola sul volare di meno.

READ  Segreto oltre i 100? Flora intestinale - Wel.nl

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24