Il sindaco Sharon Dijksma ha inaugurato una mostra fotografica dal titolo “50 Years of Migration in the Netherlands” alla stazione centrale

Il sindaco Sharon Dijksma aprirà la mostra fotografica itinerante “50 Years of Migration in the Netherlands” il 24 giugno alla stazione centrale (all’ingresso dell’ufficio municipale).
Negli anni ’50 e ’60 c’era un’enorme carenza di lavoratori nei Paesi Bassi. Dopo aver attirato per la prima volta lavoratori (ospiti) da paesi come Italia, Spagna, Jugoslavia, Grecia e Turchia, alla fine degli anni ’60 iniziò un afflusso di lavoratori dal Marocco. Hanno lavorato in grandi aziende come Philips, Ford, Fokker, Melkunie, Thomassen & Drijver, Hoogovens e fabbriche tessili di Utrecht. Senza di loro, l’economia olandese non sarebbe stata così forte come lo è oggi.

La grande diversità culturale dei Paesi Bassi oggi è radicata in questo periodo. L’identità e la cultura urbana a Rotterdam, Amsterdam, L’Aia e Utrecht sono modellate dalla storia del lavoro. Lo vediamo riflesso nel loro modo di vivere, nella loro vita familiare, nel loro uso della lingua e nella loro diversità sociale e culturale. Ad esempio, secondo i dati diffusi dal comune, Utrecht aveva una popolazione di 357.719 abitanti nel gennaio 2020, di cui il 36% (130.000) aveva un background di immigrati.
Quest’anno celebriamo anche che Utrecht ha goduto dei diritti di città per 900 anni. Il tema è “City Without Walls”: aperta, condivisa, ospitale e connessa. Per questo motivo il Centro Culturale Atlas vuole prestare attenzione alla storia dei lavoratori migranti a Utrecht, parte della città di Utrecht 900, con un programma ristretto da giugno a dicembre 2022. Lo vogliono fare ampliando la foto attuale galleria “50 anni di migrazione per lavoro nei Paesi Bassi” Con storie e storia locale, e combinandoli con un pacchetto educativo, conferenze, talk show, serate di letteratura, serate di cucina, workshop, serate di film, eventi musicali, podcast, conferenze per gli ospiti presso scuole, ricerche e documentari, catturando le storie dei lavoratori ospiti locali, realizzando cortometraggi, sollecitando nuovo materiale d’archivio e svelando un monumento ai lavoratori ospiti.
Per la galleria fotografica, il numero totale di persone è di 50 persone, di cui 25 sono ex lavoratori in visita provenienti da paesi come Spagna, Italia, Grecia, Turchia, Marocco e 25 nativi olandesi come colleghi, datori di lavoro, vicini, traduttori, insegnanti e finalmente. Non ultimi i volontari delle chiese. Inoltre, alla mostra è associata una componente locale.
La mostra “50 Years of Migration in the Netherlands” svela ai visitatori l’identità dei Paesi Bassi. Ciò avviene sulla base di diversi temi (lavoro, ricongiungimento familiare, cultura, politica, sport e religione) che si sovrappongono. Il modello di visualizzazione selezionato, il design e la programmazione periferica si basano sul principio che i Paesi Bassi possono contribuire alla mostra con la propria competenza ed esperienza.
L’iniziatore e leader del progetto Şahin Yıldırım: “Il sogno dei lavoratori ospiti temporanei era guadagnare soldi a breve termine e tornare nel loro paese. Ma quando i lavoratori ospiti hanno avuto l’opportunità di stabilirsi in Olanda, molti di loro hanno portato le loro famiglie in Olanda Una volta arrivati ​​i bambini in Olanda, la preferenza era la residenza permanente.
Parliamo ora della terza e quarta generazione radicata in Olanda. I figli ei nipoti degli allora “lavoratori ospiti” erano rappresentati ovunque nella società. Sono politici, medici, giudici, assistenti sociali, insegnanti, giornalisti, volontari ecc. Abbiamo una storia collettiva nei Paesi Bassi e questa storia non deve essere persa. Attraverso questo progetto, Atlas vuole mettere in luce i pionieri da un lato e, dall’altro, svolgere il ruolo di ponte all’interno dei diversi gruppi, perché c’è un maggiore bisogno di comunicazione, solidarietà e tolleranza.

READ  Non ti allontaneresti troppo come Segretario di Stato con un "no".

La mostra è visitabile dal 24 giugno al 24 ottobre 2022 presso la stazione centrale di Utrecht, all’ingresso del City Office, Stadsplateau 1, 3521 A

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24