Il telescopio spaziale James Webb invia le prime immagini nitide della galassia

Il James Webb Space Telescope ha inviato le sue prime immagini accurate da quando è arrivato a destinazione a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra alla fine di gennaio. Ciò significa che gli specchi del telescopio si sono allineati ed sono entrati in una nuova fase.

Il telescopio è stato diretto verso la Grande Nube di Magellano, una delle galassie più vicine, per i test. Migliaia di stelle possono essere distinte individualmente nelle immagini. Il telescopio ha già inviato immagini in precedenza, ma non sono ancora così nitide.

I test hanno dimostrato che tutti e quattro gli strumenti che analizzano la luce raccolta nel telescopio sono ora in grado di produrre immagini nitide. Uno di questi strumenti è la macchina MIRI in parte olandese. Ewen van Dyschewek, professore di astronomia all’Università di Leiden, afferma: Radio NOS 1 Notizie

“solo rumore”

Van Dishoeck ha contribuito a sviluppare lo strumento e ha affermato che il suo raffreddamento era “emozionante”. “La nostra macchina doveva essere più fresca delle altre tre macchine sull’aereo. Perché se MIRI non fosse stato freddo, avremmo visto solo rumore nelle immagini”.

Nelle fotografie, quindi, le stelle possono essere distinte individualmente per la prima volta. Van Dishoeck: “Ma il nostro strumento MIRI vede anche di più. Vede anche la polvere delle nuvole interstellari. Puoi vederlo molto bene nella prima immagine. Quando l’ho visto, il mio cuore ha iniziato a battere un po’ più velocemente”.

James Webb è il telescopio spaziale più grande e potente mai costruito. Il telescopio è in grado di raccogliere luce da stelle e galassie, consentendo uno sguardo indietro negli ultimi 13 miliardi di anni. Prima che i primi risultati scientifici siano attesi quest’estate, devono ancora essere effettuati numerosi test.

READ  L'OMS cerca un altro nome per il vaiolo delle scimmie perché è uno "stigma"

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24