Il terzo smiley e socialdemocratico Olaf Schulz ha improvvisamente la possibilità di essere di nuovo cancelliere tedesco

Un mese prima delle elezioni del Bundestag tedesco, nessuno dei tre candidati alla cancelliera è riuscito a fare progressi convincenti. Il mercurio politico va in tutte le direzioni. Ad esempio, non è ancora previsto chi succederà ad Angela Merkel tra sedici anni e chi determinerà il corso della Repubblica Federale nei prossimi anni. La Germania sceglierà conservativamente il democristiano Armin Laschet (CDU), il verde e progressista di Annalena Baerbock (The Greens), o sarà considerata, fino a poco tempo fa, il disperato socialdemocratico Olaf Scholz (SPD)?

Questo martedì, i Verdi sono stati oggetto di scherno per la seconda volta in tre giorni. Domenica è stata accolta con ironia una proposta per sostenere l’acquisto di una bicicletta da carico da 1.000 euro, un mezzo di trasporto culturalmente carico in Germania come nei Paesi Bassi. Martedì, il Climate Party ha lanciato una campagna cinematografica in cui i protagonisti del film – tra cui un cappellano, una donna anziana con un tablet e un gruppo attorno a un barbecue – cantano una canzone sul clima sulle note del vecchio inno nazionale. Riguarda, tra l’altro, buoni collegamenti di autobus e treno e connettività Wi-Fi – ‘WLANCon le rime, non abbastanza Bahn.

Indicando il vecchio inno nazionale, marmocchi al barbecue, cantando insieme: il video della campagna esprime il desiderio dei Verdi di essere un “partito popolare”, un partito per tutti, non elitario o urbano, ma anche per i cittadini rurali che non odiano l’orgoglio nazionale . Questa ambizione per i Verdi, questa antica ambizione climatica, pone la domanda su come conciliare la loro agenda climatica in definitiva progressista con l’elettore medio amante della carne. “Stiamo combattendo la crisi climatica, ma non dovrai sacrificare nulla per essa”, suona come il messaggio irragionevole dei Verdi.

READ  La Cina delimita i suoi confini sulla vetta del Monte Everest | all'estero

Leggi anche questo articolo sui verdi tedeschi: Robert Habeck è il secondo asso nella manica dei Verdi

Plagio

Resta da vedere se il video danneggerà la campagna del Climate Party. La verità è che l’ondata di entusiasmo scatenata dai Verdi quando la leader del partito Annalena Barbock è entrata in carica si è rapidamente placata, a seguito del caso di plagio e di una serie di errori fatali di Barbock.

In un primo momento, il democristiano Armin Laschet sembrava trarne profitto. Ma Laschet manca di tenacia e di un messaggio chiaro, così che ogni passo falso si aggrappa a lui.

Inoltre, Laschet non ha potuto trarre vantaggio politico dalle inondazioni nel Nord Reno-Westfalia, dove ricopre la carica di Primo Ministro. Le sue risate durante la sua visita alla condannata Erftstadt, durante il discorso ufficiale del presidente federale Frank-Walter Steinmeier, hanno apparentemente superato il suo impegno per il fondo di costruzione di 30 miliardi di euro. La scelta sbagliata delle calzature (scarpe da scrivania al posto degli stivali di gomma) e le conclusioni politiche poco chiare (la Democrazia cristiana cambierebbe la loro politica climatica in risposta al disastro o no?) hanno fatto cadere il partito di Laschet nei sondaggi.

Tuttavia, il terzo sorridente sembra ora essere il ministro socialdemocratico e delle finanze Olaf Scholz (SPD). Martedì, l’agenzia di sondaggi d’opinione Forsa ha pubblicato gli ultimi numeri: i socialdemocratici sono al 23 per cento, davanti alla Cdu per la prima volta in 15 anni, al 22 per cento. La percentuale di verdure è del 18%.

armadietto sinistro

Con l’alito caldo della SPD sul collo, Laschet si è scagliato contro i socialdemocratici durante una manifestazione elettorale questo fine settimana. Un voto per i socialdemocratici, ha detto Laschet, porterebbe a un governo di sinistra (con i Verdi e il piccolo partito socialista D-Link). Ha detto che avrebbe combattuto “con tutto quello che aveva” per impedire che “gli ideologi prendessero il controllo del Paese”.

READ  I paesi dell'ASEAN chiedono la fine delle violenze da parte della giunta in Myanmar

Questa affermazione è più che notevole perché il leader del Partito socialdemocratico, Olaf Schulz, è visto come un tecnocrate tra i socialdemocratici mascherati. Schulze è meno ideologico di Reilo, così come lo sono più socialdemocratici che hanno iniziato la loro carriera politica negli anni ’90 e negli anni 2000. Schulz è un candidato di compromesso tra i membri della SPD. Schulz, che è stato ministro delle finanze nel quarto governo Merkel dal 2018, dà l’impressione di essere un contabile decente, piuttosto che una cattiva immagine tra i tedeschi. Nella crisi di Corona, Schultz è stato in grado di aiutare perché prima era molto frugale, come ha sottolineato lui stesso. Questo sembra anche essere il motivo per cui molti elettori hanno trovato Schulz un candidato adatto, non a causa del suo partito ma nonostante esso.

Ma Scholz ha alcune ammaccature sul cerchio. Come ministro delle finanze, ad esempio, è responsabile del supervisore finanziario Bafin, responsabile di massicce frodi Nella società di servizi finanziari Wirecard per anni trascurata. Come sindaco di Amburgo, ha dovuto fare i conti con disordini durati giorni intorno al vertice del G-20 nel 2017. In questa posizione, Schulz ha incontrato più volte il direttore della Warburg Bank, coinvolto in una grande evasione fiscale, chiamato scandalo dell’ex vicepresidente .

Queste carenze saranno ampiamente riportate sul curriculum di Scholz se continuerà a guidare nelle prossime settimane. Dal momento che la CDU non vorrebbe essere un partner di coalizione junior, una vittoria di Schulz o una vittoria di Barbock significherebbe un posto in opposizione alla CDU. L’ultima volta che la Germania è stata cancelliere della SPD è stata tra il 1998-2005, sedici anni dopo il membro della CDU Helmut Kohl. Durante quel periodo, Angela Merkel ha visto la sua opportunità di riformare la CDU dall’opposizione.

READ  751 bambini indigeni trovati in Canada: "un vergognoso promemoria del razzismo sistemico"

Colonna Luuk van Middelaar pagina 19

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24