Il vecchio non mangiava paleo



Prove archeologiche indirette: gli uomini preistorici non mangiavano paleo


© “Emmer” Pikist
Prove archeologiche indirette: gli uomini preistorici non mangiavano paleo

Le idee su ciò che le specie umane preistoriche mangiavano devono essere riviste man mano che nuove informazioni emergono da antichi fossili. I cibi ricchi di amido, non solo frutta, tuberi e piante, ma anche cereali, fanno da sempre parte della dieta quotidiana. Tuttavia, cuocere una pagnotta di grano selvatico era un atto infernale.

La ricerca tecnicamente avanzata degli archeologi olandesi, tra gli altri, renderà difficile comprendere la teoria alla base della dieta Paleo. Gli esseri umani non sono evolutivamente destinati a non mangiare carboidrati, affermano i sostenitori del Paleo. L’uomo preistorico già mangiava farinata e pane ogni giorno e beveva birra dai cereali selvatici prima di passare all’agricoltura, prima del periodo neolitico 10.000 anni fa.

Nell’articolo “L’Antica Rivoluzione dei Carboidrati”, Rivista Scientifica natura Una panoramica dei nuovi sviluppi nell’analisi dei reperti fossili. Resti di origine animale sono sempre stati trovati. Ciò ha dato origine all’immagine di un uomo preistorico, che masticava bistecche giganti attorno a un fuoco da campo. “La vecchia idea che cacciatori e raccoglitori non mangiano carboidrati è spazzatura”, ha detto un ricercatore sulla rivista Nature.

Archeologi

Il problema principale per gli archeologi, specializzati nella (ri)ricerca dei resti di piante antiche, è che la pianta è ancora decimata. In Nature, l’archeologa olandese Lucy Kubik-Martens lo chiama “l’anello mancante” nella conoscenza delle diete primitive.

Solo prove circostanziali mostrano che i cereali e le verdure erano nel menu all’inizio. Si conservavano i resti carbonizzati della farinata bruciata e dei pezzi di pane finiti nei fornelli. Si può dimostrare che la (sottile parete cellulare) di alcuni di questi residui è stata fermentata per la fermentazione della birra. Tracce trovate in un piatto di teschi umani preistorici indicano una dieta parzialmente vegetariana. Migliaia di pietre simili si sono rivelate macine di grano selvatico.

READ  Il biostatistico Geert Mullenbergs: “No Corona per tre giorni…

il Mulino

Queste macine sono state ignorate, poiché sono state messe insieme durante gli scavi a Göbekli Tepe, un tempio su una montagna in Turchia, a cinquanta chilometri dalla Siria e con 11.600 anni. Non ci sono prove della coltivazione del grano, ma ci sono resti di animali che indicano che gli abitanti erano cacciatori. Ma con il numero crescente di manufatti in pietra portati alla luce, gli archeologi hanno messo in dubbio il loro scopo. Per macinare il grano, e poi il grano selvatico, perché non era ancora coltivato. C’erano grandi tini di pietra per fare la birra.

Il gran numero di macine indica che gli abitanti preparavano molto porridge e stufati. Gli archeologi in cucina hanno sperimentato cereali antichi, come il farro, e li hanno bruciati, confrontando i resti in laboratorio con i resti carbonizzati trovati. Sebbene non fossero disponibili cereali coltivati, la lavorazione dei cereali selvatici era comune. “Le persone a Gobekli Tepe sapevano cosa stavano facendo e cosa potevano fare con le pillole”, ha detto l’archeologa tedesca Laura Dietrich. Ricostruisce meticolosamente utensili, come le macine, e prepara il cibo come faceva lui all’epoca.

il pane

La scoperta di resti animali (compresi branchi di animali) e la mancanza di prove botaniche nei fossili hanno rafforzato l’idea che gli uomini preistorici mangiassero pochi cereali fino alla Rivoluzione Agricola. Scavi precedenti come quelli effettuati nella città turca Catalhoyuk 7.000 anni fa, era evidente una transizione relativamente rapida all’agricoltura.

Si presumeva che a quel tempo venissero cotte le prime pagnotte di pane. Ma I resti carbonizzati di un sito di 14.500 anni in Giordania Sembravano sospettosamente le croste di pane di Cataluyuk al microscopio elettronico. Ciò ha portato all’introduzione del pane cotto 5000 anni fa, prima ancora della coltivazione dei cereali. Fare il pane con i cereali selvatici deve essere stato un lavoro infernale.

READ  La vergogna della magra non è accettabile: "anche i commenti sull'essere sottopeso significano"

piastra dentale

Le ossa e i denti dei Neanderthal preistorici contengono anche informazioni che indicano una dieta parzialmente vegetariana. Da quando il fuoco è stato introdotto nella cottura delle pentole, non solo i tuberi, i gambi e le foglie sono stati resi commestibili, ma anche i cereali. “Le piante sono onnipresenti e non sorprende che le abbiamo usate”, afferma Amanda Henry, di Leida, che ha trovato tracce di amido nella placca dentale di 40.000 anni.

Il paleontologo israeliano Miki Ben-Dor ha trovato prove della crescita della parte vegetale della dieta primitiva alla fine dell’era glaciale, 12.000 anni fa. Rack che a quel tempo la selvaggina grossa si era già estinta a causa della caccia eccessiva e che la selvaggina piccola non era sufficiente per la popolazione in crescita. Abbiamo dovuto mangiare porridge e pane.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24