In che modo Boskalis è riuscito a salvarsi: “È libero, è così libero”

Una nave portacontainer parcheggiata delle dimensioni di quattro campi da calcio chiude il Canale di Suez a marzo. L’impatto economico è enorme e il panico è grande. Il libro appare in tutto questo ritmo frenetico, le società di soccorso Boskalis mantengono la calma Salvare il sempre donatore.

Robert Meset

Lunedì 29 marzo Peter Berdovsky, CEO della società di dragaggio e fornitore di servizi offshore Boskalis, ha visto un punto del Canale di Suez muoversi lentamente sullo schermo di fronte a lui. Chiama immediatamente la squadra di soccorso di Smit Salvage per scoprire se la nave naufragata Ever Given è stata salvata. “Ho sentito applausi e piramidi, non ho dovuto chiedere se ha funzionato. Ho un ragazzo al telefono che ha quasi pianto e ha detto: è finita, è finita.

Royal Boskalis Westminster NV ha pubblicato il libro questo mese, specialmente per i suoi 10.000 dipendenti Salvare il sempre donatore Sembra la sceneggiatura di un film. In cinque scene, Berdovsky descrive la “Madre di tutti i salvatori” che ha affascinato il mondo per quasi una settimana, rivelando anche la fragilità del commercio globale. “Non ho mai dubitato che avrebbe funzionato, ma Madre Natura ha dato una mano”.

Scena prima: La balena

Con 400 metri di lunghezza, 59 metri di larghezza e quattro campi da calcio, l’Ever Given è una delle navi portacontainer più grandi del mondo. Compreso il carico, la nave del gruppo Evergreen con sede a Taiwan pesa 240.000 tonnellate. Ha a bordo 18.350 container e 1 miliardo di euro di merci. Berdovsky parla di un “grattacielo a vela”, che deve passare attraverso lo stretto canale di Suez di 300 metri.

Le cose vanno male durante una tempesta di sabbia. Il fiume Ever Geffen finisce a prua ea poppa nel fango delle sponde est e ovest, bloccando il Canale di Suez. I campanelli d’allarme suonano in tutto il mondo. Berdovsky si rende conto che la velocità è necessaria per liberare la “balena spiaggiata”. Contatta immediatamente un team di Smit Salvage per risolvere il problema il prima possibile luogo del crimine Portata.

È sempre una corsa contro il tempo per vedere chi arriva per primo, la paragono alle spiagge. Chi arriva per primo ha il meglio. Ecco perché abbiamo una vasta rete e controlliamo il traffico navale 24 ore su 24, 7 giorni su 7. A volte capita di sapere prima dell’armatore che la nave è in difficoltà. primo arrivato, primo servito. Di solito viene chiamato in soccorso.

“Un simile viaggio in Egitto durante una pandemia è sicuramente come una tappa per Max Verstappen. Veloce, veloce, veloce è il motto. Chi possiamo mobilitare, qual è il percorso più veloce? In collaborazione con l’Erasmus Hospital di Rotterdam, abbiamo stabilito strutture per sottoporre immediatamente il nostro personale a un test di reazione sequenziando la polimerasi per portarli a bordo il più rapidamente possibile.

Qui la nave era molto simile al modo in cui si generava una pressione unica. C’era una necessità economica per liberare quella nave. Chiediamo subito il piano di costruzione e carico, una nave come la Ever Given è più fragile di quanto si creda. Questa nave può rompersi se la scarichi male, sarà un disastro se si rompe in due.

Scena seconda: ogni parola è su una scala d’oro

L’Autorità del Canale di Suez (SCA) è responsabile del salvataggio e riferisce direttamente al presidente egiziano. Dopotutto, il Canale di Suez è la principale fonte di reddito per l’Egitto. “Davanti al podio, la SCA ha dimostrato di essere in cima”, afferma Berdowksi. Dal libro: “Oltre alla prua gigante di Ever Given, gli escavatori ricordano i bambini piccoli che vogliono svuotare il mare con i loro giocattoli”.

Il salvataggio diventa un gioco geopolitico, dove ogni parola viene messa su un piatto da portata. Berdovsky: Agli armatori non piace pubblicizzare una nave che ha avuto problemi. All’inizio non ci era permesso connettere nulla, fino a quando il proprietario giapponese di Ever Given ha detto che il problema era stato risolto.

La Securities and Commodities Authority ha esaminato la questione, dicendo: La nave è già rotta. Alla fine Boskalis ha avuto il permesso di occuparsi della connessione e volevamo raccontare la storia onesta. Ever Given era bloccato e sarebbe stato un inferno essere smantellato.

I disordini mondiali sono aumentati e il blocco ha interrotto un’ora di merce per un valore di 400 milioni di dollari. È diventato un gioco da tavolo con la stessa domanda ogni volta: quanto tempo ci vorrebbe? Dopo un rapido inventario, il nostro team ha già stabilito che sono necessari due rimorchiatori pesanti per rimorchiare Ever Given off. Ma le guardie olandesi e italiane dell’ALP, Carlo Magno, hanno impiegato almeno cinque giorni per raggiungere il Canale di Suez.

Lavori di scavo sulla nave in stallo.AP . immagine

Terza scena:

La pressione del tempo è così grande che Boskalis non può sopportare di aspettare il Piano A, ridurre il peso e rimorchiare la nave, perché abbia successo. Il Piano B prevede l’utilizzo di tecniche di dragaggio per “lavare” la nave, nel Piano C vengono svuotati almeno un migliaio di container per ridurre il peso dell’Evergift. Smit Salvage gioca intenzionalmente a scacchi su tre scacchiere contemporaneamente.

Berdovsky: “Non vedevamo l’ora che un cavallo fosse zoppo, abbiamo messo in gara diversi cavalli per assicurarci di arrivare al traguardo. Piano C, per liberare i contenitori, ho chiamato lo scenario horror. Confrontalo con i contenitori al sedicesimo piano di un appartamento, alto quanto l’Arco di Trionfo.”

“C’è un forte vento, devi farlo da una chiatta galleggiante. Siamo stati in grado di decollare dalla nave con più di tre-sei container all’ora, mentre più di mille container dovevano essere svuotati. Raccogliere i container per settimane ha portato a un lamento globale, le cose dovevano essere cambiate». Potevo sbattere la testa contro il muro e dovevamo aspettare che arrivassero quelle locomotive.

L’Ever Given assume un valore quasi allegorico: è il gigante addormentato immobile. E Berdovsky non ha alcun messaggio ottimista dopo sei giorni. “C’è una probabilità del 50 percento che possiamo liberare la nave.”

Scena quattro: cavi in ​​fiamme

Ogni volta, il team di recupero e gli specialisti della sede centrale di Boskalis a Papendrecht effettuano nuovi calcoli sulla base dei dati. Berdovsky: “Siamo giunti alla conclusione che non l’avremmo raggiunto solo con quei rimorchiatori marini. La marea primaverile ha portato un’enorme massa d’acqua sotto la nave, ma l’effetto di questa spinta è stato inaspettato. Non era scienza, eravamo a la misericordia della natura.

I rimorchiatori del mare sono arrivati ​​il ​​settimo giorno del salvataggio. Carlo Magno è legato e la guardia dell’ALP è già installata per mantenere Ever Given al suo posto. Il miracolo avvenne e la nave esplose. Poi l’Autorità del Canale di Suez commette un errore di giudizio semi fatale.

Berdovsky: ‘Nella SCA c’è stato un cambio di guardia, una squadra non ha diretto completamente l’altra. L’uomo sul ponte vede Ever Geffen liberarsi e ordina ai motori di avviarsi. Funziona alla grande, dopodiché comanda di navigare a tutta velocità. Non si rende conto che ci sono altre due barche dietro di lui che vanno nella direzione opposta e non può tornare indietro così velocemente.

Finora siamo stati preparati se agli egiziani non sarà permesso di attenersi al piano. Fortunatamente, abbiamo sempre una procedura di emergenza in atto. Quindi il nostro personale a bordo prende subito i torce da taglio per staccare i cavi. Posso assicurarti che a bordo ci sono giuramenti severi, non te lo stai inventando. Queste due locomotive avrebbero potuto essere tirate se i cavi non fossero stati scollegati, la forza sarebbe stata troppo grande. Era questione di secondi, non di minuti.

Il maestro di salvataggio Jules Martina ottiene un fascino quasi da James Bond nel libro con il suo “Piano galleggiante”, in cui il suo dipendente Peter Smits brucia i cavi. Berdovsky ride, mostrando parte del cavo. “Come ricordo della nostra collaborazione.”

Scena 5: Il momento di Verstappen

Berdovsky ora sa come si è sentito il capo del team Red Bull Racing Formula 1 Christian Horner quando Max Verstappen ha superato Lewis Hamilton all’ultima curva nell’ultima gara ad Abu Dhabi e ha conquistato il titolo mondiale. Pelle d’oca, questo era il momento di Verstappen. Era la gloria olandese, era come se fossimo diventati campioni del mondo.

Tecnicamente il salvataggio non è stato difficile, anche se non sarebbe stato possibile senza la marea primaverile. Con il piano A siamo strisciati per la cruna dell’ago, la natura ci ha aiutato. Tuttavia, non ho mai dubitato di un lieto fine, anche se avessi investito i miei soldi nel piano B. E poi abbiamo avuto bisogno di qualche giorno in più. Ma come Verstappen, non abbiamo mai dubitato di noi stessi.

Se si pensa da cosa dipende economicamente, è stata la madre di tutti i soccorsi. Abbiamo raggiunto miliardi di visite sui social media, dopo una settimana di salvataggio abbiamo registrato il più alto livello di brand awareness mai misurato nei Paesi Bassi. Il giorno dopo abbiamo messo un annuncio con lo slogan: “Boskalis ha agitato troppo le cose”. Pensalo come un occhiolino.

Guardando indietro, non è stato irresponsabile inviare una cattedrale galleggiante come la cattedrale di Ever Geffen attraverso il collo di bottiglia nel Canale di Suez? Berdovsky: Secondo una dichiarazione, l’organizzazione internazionale che emette linee guida su corsi d’acqua e porti, il Canale di Suez è troppo stretto per navi come l’Ever Geffen. E se vuoi passare, metti una locomotiva davanti per evitare incidenti del genere. Quindi era al limite.

READ  Il futuro ministro della Giustizia, Yesilgoz, vuole più potere per il governo contro la criminalità

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24