In Danimarca, il numero di contagi è diminuito dopo l’emanazione delle regole Corona

Un pub di Copenaghen.Foto AFP

1. Qual è il vantaggio di 1,5 metri?

La principale rivista scientifica bisturi NSHa messo le prove su una scala l’anno scorso ed è giunto alla seguente conclusione: ogni metro di distanza da qualcuno provoca una “riduzione significativa” del rischio di infezione. Approssimativamente, secondo il British Journal, la possibilità di lesioni è circa cinque volte inferiore a un metro e dieci volte inferiore a due metri. È stato poi il ministro di Medicare Bruno Bruins ad annunciare approssimativamente un terzo punto nella conferenza stampa del 15 marzo 2020, che ha anche affermato che le scuole e il settore della ristorazione sarebbero stati chiusi. “Chiediamo inoltre a tutti gli olandesi di mantenere una distanza adeguata l’uno dall’altro ove possibile, anche quando si fa la spesa. È possibile utilizzare circa 1,5 metri come linea guida”.

Laddove l’influenza messicana nel 2009 riguardava ancora lo stare lontano dai malati di influenza, ora per la prima volta nella storia viene consigliato di stare lontano dalle persone sane. Nonostante importanti studi dimostrino che 1,5 milioni funzionano, ci sono anche altri ricercatori rispettabili, come quelli dell’Università di Oxford, che hanno scoperto che non è sempre così. Ci sono anche casi in cui il coronavirus si diffonde nell’aria tramite minuscole goccioline (aerosol). Queste minuscole goccioline possono viaggiare fino a 8 metri.

2. Che differenza fa il mantenimento delle distanze?

Se permettiamo ai ricercatori bisturi Potresti pensare che la possibilità di infortunio “dipende fortemente da quanta distanza mantieni”. Vicino a un paziente con corona, il rischio di infezione è del 12,8 percento. Ad una distanza di almeno 1 metro il rischio di contaminazione si riduce di 10,2 punti percentuali. La tua possibilità di contrarre un’infezione dopo è ancora del 2,6%. E ogni metro che vai oltre, la percentuale si dimezza. Il fatto che 1,5 metri sia un po’ lontano dal blu è evidenziato dal fatto che la regola viene interpretata diversamente ovunque. Laddove Italia e Francia pensavano che 1 metro fosse sufficiente, i Paesi Bassi e i paesi vicini Belgio e Germania hanno scelto 1,5 metri e gli Stati Uniti 6 piedi, ovvero più di 1 metro e 82 centimetri. Con due metri, la Spagna era piuttosto sul sicuro.

3. Cosa è successo altrove dove è stato annullato il distanziamento?

La Danimarca è già passata da due metri a un metro nel maggio 2020, ma il 10 settembre, essendo uno dei primi paesi, ha completamente abbandonato le distanze. Il Paese scandinavo è considerato un Paese pilota per l’Europa nella pandemia di Corona. Nel marzo 2020 è stato uno dei primi paesi europei ad annunciare un severo blocco, il che significa che è stato anche il primo paese ad aprire lentamente nel maggio 2020. I danesi sono ora i primi in termini di copertura vaccinale e più di due settimane fa, come uno dei primi paesi, hanno buttato in mare gli ultimi provvedimenti Corona.

Le cose sono migliorate in Danimarca dall’uscita. Poco prima della cancellazione delle ultime misure Corona, c’erano ancora circa 450 nuovi casi di corona al giorno e circa 125 danesi erano in ospedale, di cui 25 nel centro internazionale. Attualmente, più di trecento danesi vengono testati per la corona ogni giorno e ci sono novanta pazienti affetti da corona negli ospedali danesi, di cui meno di venti si trovano nel centro internazionale. Ciò è dovuto principalmente all’elevata copertura vaccinale, con l’84,5% di tutte le persone di età superiore ai 12 anni completamente vaccinate.

In confronto: la Danimarca ha una popolazione di 5,9 milioni, che è un terzo della popolazione dei Paesi Bassi. Al momento, sono circa 1.800 gli olandesi che risultano positivi al test ogni giorno e ci sono meno di seicento pazienti con il virus negli ospedali olandesi, 185 dei quali nel centro. Questo di per sé non è sorprendente, perché la Danimarca è intervenuta prima e non ha avuto l’ondata “Ballando con Jansen” in estate, dove molti giovani sono stati contagiati quando non avevano anticorpi dopo la vaccinazione, ma sono usciti a fare una passeggiata. Nei Paesi Bassi, molte meno persone sono completamente vaccinate. Il contatore si ferma al 79,6 per cento di tutte le persone di età superiore ai 12 anni. Quindi non c’è alcuna garanzia – se la distanza tra te e te non è più qui – i numeri diminuiranno rapidamente come i danesi.

4. Quanto è importante per te stare al fianco di qualcuno che è vaccinato o meno?

Il grado di trasmissione del coronavirus tra le persone dipende dalla quantità di disturbi respiratori e da quanto tempo si è diffuso il virus, ha analizzato l’Health Board a maggio. Se sei stato con qualcuno in uno spazio ristretto per troppo tempo, è più probabile che tu lo prenda in braccio che se fosse corto. Le persone con gravi disturbi respiratori sono più contagiose delle persone con disturbi lievi. La possibilità di contrarre un’infezione è strettamente correlata al fatto che qualcuno sia stato vaccinato o meno. Il vaccino più utilizzato nei Paesi Bassi, il vaccino Pfizer-BioNTech, previene in media l’80% delle infezioni. Lo dimostra un ampio studio britannico sull’efficacia dei vaccini per la variante delta, che è attualmente la più comune.

Ciò significa che se, diciamo, dieci persone vengono infettate a una festa, quel numero scenderà a due solo con la vaccinazione di Pfizer. Alla stessa festa con la vaccinazione AstraZenecage, non si verificheranno dieci infezioni, ma in media si verificheranno poco più di tre. Nei Paesi Bassi, la ricerca sulla fonte e sui contatti ha consentito alle persone risultate positive al test di identificare la fonte dell’infezione. Questi dati mostrano che gli olandesi che hanno ignorato i colpi di corona hanno maggiori probabilità di infettare gli altri rispetto alle persone che sono state vaccinate.

Ma chi ottiene il massimo dallo scatto è colui che lo ottiene. La possibilità di finire in ospedale come un virus corona a tutti gli effetti è venti volte inferiore a quella di una persona non vaccinata. Ad esempio, RIVM ha calcolato questa estate dopo aver condotto una ricerca su più di 15.000 persone. Il rischio di finire con IC come persona completamente vaccinata è 33 volte inferiore. Poiché altri tipi di vaccini Janssen e Moderna vengono somministrati più spesso, è difficile determinarne con precisione l’efficacia. Quello che già sappiamo: la possibilità di ricovero e ricovero in terapia intensiva per le persone di età inferiore ai 70 anni che hanno subito le iniezioni di Pfizer non è inferiore a cinquanta volte quella delle persone non vaccinate.

READ  Samsung svela una nuova interfaccia Galaxy Watch basata sul sistema operativo Wear – tablet e telefoni – news

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24