In Francia Le Pen e Macron non vincono da nessuna parte, i vecchi partiti sono un po’ ovunque

Il presidente Emmanuel Macron esce dall’aula elettorale tra le tende del Covid-19. Le elezioni non hanno avuto successo per il suo partito. Sulla destra è sua moglie, Brigitte.Foto Reuters

Per più di una settimana, tutti gli occhi sono puntati su Marine Le Pen e il suo Rassemblement National (RN): arriverà finalmente al potere in una regione francese o forse anche in diverse? I sondaggi di opinione prevedevano che il Fronte Nazionale avrebbe vinto le elezioni, una novità assoluta per il partito, che sarebbe anche servito da importante trampolino di lancio per le elezioni presidenziali del prossimo aprile.

Due turni di votazione dopo, erano rimaste solo alcune di quelle grandi aspettative. Dopo il primo round, domenica scorsa, la vittoria di Le Pen sembrava circoscritta alla regione meridionale della Provenza-Alpi-Costa Azzurra. Ma a giudicare dai primi risultati dei sondaggi, la RN ha perso ancora una volta contro l’attuale presidente regionale Renaud Muselier, che è supportato dalla squadra di Les Républicains e Macrons La République en Marche (LREM).

Scala

In anticipo, le elezioni regionali sono state descritte come un indicatore importante della lotta per la presidenza. Fino ad ora, ci si aspettava che questo avrebbe portato di nuovo a un duello tra il presidente Macron e Marine Le Pen. Ciò si è riflesso nella campagna elettorale regionale: sebbene le regioni non avessero poteri in materia di sicurezza e immigrazione, sono stati proprio questi due temi nazionali a prevalere.

Ma invece di una prima dimostrazione di forza, le elezioni regionali sono diventate essenzialmente una sconfitta sia per il Raduno Nazionale che per LREM. Come previsto, anche LREM non ha potuto ottenere la vittoria in nessuno dei territori.

Sorprendentemente, il presidente Macron non ha potuto nemmeno votare per il suo partito domenica. Nella regione settentrionale dell’Hauts-de-France, dove doveva votare Macron, Lrem era già stato eliminato al primo turno delle elezioni regionali. Lo stesso vale per l’Occitania nel sud, dove il primo ministro Jean Castix è stato costretto a votare per un rivale dopo l’eliminazione del Lrem al primo turno.

In effetti, il presidente Macron potrebbe aver aiutato il suo futuro avversario in sella domenica. In Hauts-de-France, Xavier Bertrand ha vinto la rielezione come presidente regionale nella sua lista. Bertrand si è scontrato con un candidato del Raduno Nazionale, il partito che Macron vuole tagliare a tutti i costi. Inoltre, il famoso Bertrand ha precedentemente affermato che si candiderà alla rielezione alle elezioni presidenziali dell’aprile del prossimo anno.

Totalmente insostenibile

A cinque anni dalla sua fondazione, LREM deve ancora radicarsi a livello locale. Il partito ha anche ottenuto scarsi risultati nelle elezioni comunali dello scorso anno. La nuova sconfitta a livello regionale pone la questione del futuro di LREM.

Lo stesso Macron in precedenza aveva affermato di non voler trarre conclusioni nazionali dai risultati delle elezioni regionali. Ma con questi risultati, si tratta di una “posizione assolutamente insostenibile”, ha detto al quotidiano francese uno dei suoi ministri. parigino. Principalmente per la perdita del partito, ma anche per l’affluenza significativamente inferiore. E il ministro ha dichiarato anonimamente che nessuno ha imparato alcuna lezione anche in quel momento, dando ai francesi la sensazione di non aver capito il loro doppio avvertimento.

È difficile spiegare esattamente cosa significhi questo avvertimento, proprio perché l’affluenza alle urne ha superato le già basse aspettative. Anche al secondo turno un francese su tre si è recato alle urne.

Ma con l’avvicinarsi delle elezioni presidenziali, all’interno del LREM si specula sul fatto che il partito debba fondersi in un movimento più ampio. Ad esempio, attraverso un’ulteriore cooperazione con i partiti che ora sostengono il presidente, come il Partito di Centro, il Movimento Democratico.

Per i partiti “tradizionali” di sinistra e di destra, il Partito Socialista e Les Républicains, il risultato di domenica è stato considerato promettente. In tutte le regioni, i presidenti regionali in carica sono stati rieletti e provengono principalmente da questi partiti. La destra ha già detto che le carte delle elezioni presidenziali possono essere cambiate di nuovo. Secondo Xavier Bertrand, ex membro dei Les Républicains, dopo oggi sarà chiaro a tutti che questa battaglia non sarà un duello, ma una battaglia a tre.

READ  Il presidente haitiano ucciso a colpi di arma da fuoco nella sua casa his

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24