In Israele ‘Augmented’ tutto è aperto, ma ci sono preoccupazioni

In Israele è tutto aperto, anche nei locali si fa festa fino a tarda notte. Questa società aperta è possibile, tra le altre cose, perché Israele ha effettivamente iniziato a usare le iniezioni di richiamo quest’estate. Tuttavia, il Paese sta ora adottando ulteriori misure, poiché i numeri dei contagi sono in aumento.

Per la prima volta da ottobre, domenica ci sono stati più di 1.000 contagi e il numero r è ora 1.2. Ha una popolazione di 9 milioni, che è ancora bassa se si confrontano i numeri con quelli dei Paesi Bassi. Ma il governo si sta impegnando. Anche se non ci sono problemi di chiusura.

Tuttavia, ci sono altre limitazioni. I turisti non sono più i benvenuti. C’è anche una quarantena obbligatoria per i viaggiatori provenienti dai paesi inclusi nella “lista rossa”. Ora ci sono 58 paesi su di esso, inclusi Stati Uniti e Canada ad oggi. I Paesi Bassi non sono ancora in quella lista.

Quarto colpo

La politica israeliana, che ha già rafforzato milioni di persone e anche bambini La possibilità di ottenere un’istantanea ha reso il paese aperto finora. Per ora rimarrà così, anche se il governo sta valutando se siano necessarie ulteriori misure. Il primo ministro Bennett chiede ai suoi residenti di ottenere un vaccino di richiamo. Anche il quarto colpo fa parte della strategia Corona.

Sembra certo che il quarto colpo arriverà. Un alto funzionario di Corona ha indicato che ciò accadrà “molto probabilmente” e l’unica domanda è quando. È già in corso una sperimentazione tra 150 operatori sanitari per vedere gli effetti della quarta iniezione. Quel processo si è svolto nell’ospedale del noto virologo israeliano Eyal Leshem.

READ  Berlusconi presidente? Il blocco di destra in Italia non vede obiezioni

i guinzagli reagiscono ora delle notizie Anche su suggerimento del leader del movimento nazionale della Croce Rossa Jaap van Diesel che Israele ha iniziato molto presto il rinforzo. Dice che sicuramente non si pentono dell’inizio dell’estate. “Puoi scegliere tra un buon casco ora o un ottimo casco tra tre mesi. E sai che avrai un incidente in moto tra una settimana. Allora è meglio che prendi quel casco un po’ meno adesso.”

Il potenziale effetto decrescente dei rinforzi non è l’unica ragione citata in Israele per l’aumento del numero. La richiesta di rinforzi del premier non è vana. Quattro milioni di residenti hanno già ricevuto un’iniezione, ma circa un milione di israeliani non ha ancora una dose di richiamo. Un altro motivo per i numeri elevati è il numero di bambini vaccinati. Molti genitori sono riluttanti a vaccinare i propri figli di età compresa tra i 5 e gli 11 anni. Anche Omikron è stato menzionato come possibile causa, sebbene la variante sia stata incontrata raramente.

Dennis Mok Kanamori, epidemiologo presso LUMC e medico generico, afferma a ora delle notizie Che il numero crescente in Israele non può in alcun modo essere direttamente correlato a una diminuzione delle prestazioni dei rinforzi. Pensa che potrebbero esserci molte ragioni per cui i numeri sono “un po’” più alti e cita un’altra possibile ragione. “Anche lì è inverno. La gente sta più in casa.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24