In Italia anche le ex zone umide si stanno prosciugando

L’agricoltore Stefano Boschetto (40) non può irrigare i suoi campi due giorni alla settimana. Per i contadini della zona latina, settanta chilometri a sud-est di Roma, il tubo è inesorabilmente chiuso. “E’ un’estate molto calda e secca che richiede un intervento”, ha detto Boschetto, direttore del Consorzio locale per la gestione delle acque che ha preso la decisione. “Vedi quanta poca acqua c’è nei canali? Non piove qui da novembre.

Durante un viaggio accidentato nel suo pick-up rosso, Boschetto indica gli stretti canali della regione. Sono l’eredità del fascismo. Fino agli anni ’30 era ancora una palude infestata dalla malaria, la Palude Pontina, poco abitabile. Dopo i primi tentativi degli antichi romani e papi, l’area non fu completamente prosciugata fino al regno di Benito Mussolini. I fascisti fondarono la città di Litoria, attorno alla quale si sviluppò una comunità contadina. La città in seguito cambiò nome in latino. Oggi la zona è un’importante area agricola, nota per la produzione di kiwi, ortaggi e del latte con cui si producono le mozzarelle di bufala.

Sparsi nel paesaggio c’erano canali destinati a drenare l’acqua in eccesso nel mare. Novant’anni dopo, la situazione è completamente cambiata. L’Italia sta vivendo la peggiore siccità degli ultimi 70 anni. Lo stato di emergenza è stato dichiarato in cinque regioni del nord e il governo italiano ha già svincolato milioni di euro in aiuti di emergenza. Secondo il ministro Stefano Patuanelli (Agricoltura, Cinque Stelle). Un terzo della produzione agricola italiana è a rischio.

Maniche lunghe

Alle dieci e mezza del mattino, una volta usciti all’ombra, il caldo soffocante dei campi di Stefano Boschetto è difficile da sopportare. I lavoratori agricoli indossano abiti larghi a maniche lunghe per fornire una certa protezione dal sole. “La gente, i campi, le piante: tutti vogliono acqua e aria”, dice Boschetto. “Non puoi irrigare abbastanza per stabilizzare il terreno come una buona pioggia”.

READ  Opportunità per i talenti Jumbo-Wisma in Italia: 'I buoni risultati non contano'
Il contadino Stefano Boschetto nel suo camion.
Foto di Francesca Leonardica

Gestendo l’acqua con saggezza, compreso il razionamento, il consorzio di Latina è stato in grado di garantire che ogni agricoltore abbia acqua a sufficienza, anche in questa stagione agricola molto secca, afferma Boschetto. “Ma ti chiedi subito come sarà il prossimo anno. L’ultima pioggia della stagione è stata a novembre, ma l’anno prima ci sono state due inondazioni qui – non è mai successo prima.

Gli agricoltori devono adattarsi a condizioni meteorologiche sempre più estreme e imprevedibili. Non è facile, ma gli agricoltori della regione latina ci stanno provando. In novembre Stefano Boschetto ha realizzato una grande serra in cui coltivare lattuga e rucola. La serra aiuta a mitigare l’effetto del calore, ma riduce anche le piogge eccessive sui suoi ortaggi.

Boschetto ha realizzato una grande serra per assorbire le grandi fluttuazioni climatiche.
Foto di Francesca Leonardica

Chi possiede una serra a Latina deve raccogliere l’acqua piovana che defluisce in una vasca d’acqua. Boschetto non ne aveva uno – come previsto dalla legge – ma ne ha subito scavati due. La pioggia che cade sul tetto della serra viene abilmente raccolta nelle grondaie e drenata attraverso tubi in due grandi ‘piscine’ in mezzo ai suoi campi. Quei due bacini pieni d’acqua, che coprono una superficie di un ettaro e mezzo, lo aiutano molto nell’irrigare la sua terra durante questa grave siccità.

Sistema a pompa

Boschetto crede fermamente nell’utilità della raccolta obbligatoria dell’acqua piovana, ma ritiene che sarebbe sciocco lasciarlo ai singoli agricoltori. In quella che un tempo era una zona umida, sta emergendo un modo completamente nuovo di gestire l’acqua. La Confederazione Latina ha chiesto 18 milioni di euro all’Unione Europea per garantire che l’acqua non venga deviata verso il mare, ma possa invece essere conservata nei campi in caso di grave siccità. Il progetto prevede anche grandi bacini pubblici per la raccolta dell’acqua piovana.

READ  Ceramica: Opere Non Dipinte - Dolcevia.com

L’irrigazione intelligente ha salvato il raccolto di Pochetto quest’anno. Ma anche prima della guerra in Ucraina, carburante ed energia erano molto costosi in Italia. Inoltre, ci sono costi aggiuntivi associati alla gestione dell’acqua. “Le mie spese sono raddoppiate in oltre un anno, ma vendo ancora le mie verdure allo stesso prezzo. Questo non è sostenibile. I prezzi dei generi alimentari continueranno a salire”, ha previsto.

In tempi di scarsità d’acqua, i coltivatori sono spesso accusati di consumare troppa acqua, dice Boschetto. Gli piace elaborare: “Non irrighiamo i nostri campi con acqua potabile e utilizziamo l’acqua in modo efficiente. Inoltre, l’agricoltura impedisce l’accumulo di materiali secchi e combustibili e la combustione. “Non c’è ancora nessun fuoco nella mia terra”, ha detto. Accanto alla sua fattoria, vediamo vaste aree di terreno annerito a causa dei frequenti incendi in Italia durante queste calde estati.

Tubi dell’acqua

Nemmeno una goccia d’acqua dovrebbe essere persa durante una grave siccità. Tuttavia, anche l’Italia deve affrontare un serio problema con la sua acqua potabile. Il 40% di questo viene perso ogni anno, principalmente a causa di condutture dell’acqua vecchie e mal mantenute. Con una perdita del 55 per cento, la provincia latina è andata molto peggio della già triste media nazionale. Come è successo?

Secondo Marco Lombardi, amministratore delegato dell’azienda idrica locale Aqualina, per anni l’acqua è stata considerata un bene quasi gratuito, vale a dire poco valore. L’azienda idrica perde il 55% dell’acqua potabile a causa di tubazioni che perdono e mal tenute, e un altro 15% deriva da “perdite amministrative”: coloro che prelevano segretamente l’acqua da qualcun altro e non la danno via, o che si rifiutano di lasciare che gli ispettori controllino l’acqua, paghi solo il contatore dell’acqua e il prezzo stabilito. Per Aqualina, secondo Lombardi, questo significa una perdita di reddito, di cui l’azienda ha un disperato bisogno per la manutenzione.

READ  'Divertiti in Italia, ho già chiacchierato con i Koopmeiners e Dumfries'

Inoltre, ha detto il direttore, per molti anni è stata seguita una politica industriale sbagliata. Sottolinea l’espansione della rete, non la manutenzione o la sostituzione di parti. “Di conseguenza, oggi dobbiamo sostituire completamente i 3.500 chilometri di condutture dell’acqua a Latina”, afferma Lombardi. “Questo da solo ci costerà 700 milioni di euro. Possiamo investire dai 20 ai 25 milioni di euro all’anno. Quindi abbiamo bisogno di decenni per trasformare l’intera rete.

Ogni anno Aqualina effettua diecimila riparazioni d’urgenza, ovvero da trenta a quaranta interventi al giorno lavorativo. È una guerra contro il grano: “Se abbiamo riparato una perdita in un punto, i nostri tecnici devono passare immediatamente al problema successivo”. Anche le società idriche latine si stanno rivolgendo all’Europa per ottenere finanziamenti. Aqualina cerca 40 milioni di euro dall’Ue di prossima generazione, il Fondo europeo per la ristrutturazione post-Covid, per rimediare alle carenze più urgenti della rete idrica di Latina.

Il sostegno europeo dovrebbe consentire la completa digitalizzazione della rete idrica latina, in modo che le perdite possano essere rilevate e affrontate rapidamente. Ma il capo d’acqua Lombardi ha già prefissato le sue aspettative: “Nel migliore dei casi, siamo in grado di ridurre le nostre perdite dal 4 al 5 per cento”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24