Indagine palestinese: gli israeliani hanno sparato deliberatamente a un giornalista

Le autorità palestinesi hanno concluso che i soldati dell’occupazione hanno sparato deliberatamente alla giornalista Shireen Abu Oqla. Il pubblico ministero palestinese ha rivelato i risultati dell’indagine sull’uccisione di un giornalista di Al-Jazeera.

Abu Okla, 51 anni, è stato colpito alla testa l’11 maggio. All’epoca era conosciuta come giornalista e indossava indumenti protettivi. L’incidente è avvenuto durante un raid militare israeliano nella città di Jenin, nella Cisgiordania occupata.

“Solo le forze di occupazione hanno sparato con l’intento di uccidere”, ha detto il pubblico ministero palestinese in una conferenza stampa. Secondo lui, non c’erano uomini armati nelle vicinanze, come affermano le autorità israeliane. Il pubblico ministero ha concluso che la donna è stata colpita a colpi di arma da fuoco durante la fuga e che i militari armati devono averla vista come una giornalista.

L’esercito israeliano rifiuta con forza i risultati della ricerca. Il ministro della Difesa Gantz parla di una “palese bugia”. Secondo le autorità le opzioni sono due: il ferimento della donna da parte di militanti palestinesi, o per errore un soldato israeliano che voleva eliminare questi militanti.

impasse

Il comando dell’esercito crede di conoscere la pistola che potrebbe aver colpito il giornalista, ha riferito l’Associated Press. Per essere sicuri, il vantaggio dovrebbe essere confrontato e controllato. Ma le autorità palestinesi si rifiutano di consegnare i proiettili a Israele. Questo è il motivo dello stallo: senza un proiettile non è possibile determinare chi ha sparato il colpo mortale.

La CNN ha anche recentemente concluso che i soldati israeliani avevano preso di mira Abu Akleh. Il canale di notizie americano lo afferma sulla base di conversazioni con esperti e testimoni oculari e un’analisi dell’audio e del video disponibili.

READ  Putin risponde "in modo soddisfacente" ai colloqui con Biden | l'interno

Ecco un riassunto del rapporto della CNN:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24