Ingeborg ha un tumore al cervello: dopo nove anni è ancora lì

Nel 2016, Ingeborg ha scritto il libro Corri alla vita† Ci hai letto che le è stato trovato un cancro nel cervello, dopo di che ha iniziato a vivere intensamente come una matta. Salta fuori dagli aerei e balla fino al mattino alle feste in casa. Divertimento al suo meglio, ma è stata anche una fuga dalla realtà. Qualche anno fa ho capito: non è questo. Ma allora cosa? Questa è stata seguita da una ricerca lunga e complessa.

Ingeborg ha scritto le sue nuove idee, aneddoti e risultati in un secondo libro, Coraggio per la vita Presto ho capito che il titolo doveva essere “qualcosa del genere”. “Desiderio per la vita, audacia per la vita, coraggio per la vita. Qualcosa del genere. Si tratta di catturare e accettare la vita, piuttosto che raggiungere l’orgasmo istericamente”, dice de Ingeborg, che ha giocato con l’idea che qualcun altro scrivesse il libro per a volte. Una volta iniziato, è andato veloce. “Nel giro di quattro mesi tutto era sulla carta”.

caduta lenta

Dopo aver avuto una scansione cerebrale positiva l’anno scorso, Ingeborg ha scherzato: “Ora sto bene, ma la verità è che c’è un cancro nel mio cervello e non starò mai meglio. Da qui sta peggiorando e devo riprendermi lentamente se è giù . I resti del tumore stanno ancora crescendo, anche se così lentamente. Era ora o mai più”.

Al momento le cose stanno andando bene. Il cancro è rimasto fuori dai riflettori e ha ricevuto radiazioni poco più di un anno fa. “Il trattamento ha avuto successo. Ho perso parte dei miei capelli, ma ora me li sto riprendendo. A parte le lamentele per la stanchezza e qualche altro inconveniente, non posso lamentarmi. Concentro la mia vita su ciò che funziona. Ogni tanto fare un pisolino: dopo il mio lavoro di volontariato in ospedale, ad esempio, mi sdraio un po’. Vado anche a letto tutte le sere alle 21:30”.

READ  Filosofia vs. Biologia - NRC

La stanchezza a volte rende Ingeborg un po’ peggiore per le sue parole. “Poi si è confuso tutto. Un po’ goffo. Un momento comico per i miei bambini di 9 e 11 anni. Mi hanno fatto dire ogni tipo di parola impossibile e poi noi tre rideremo due volte. Vediamo l’umorismo dentro. È proprio così com’è.”

Deve essere diverso

Mentre Ingeborg cercava di trarre il massimo dalla vita per i primi anni completando la propria lista di cose, ho scoperto gradualmente che non funzionava. “Questa fuga, pensando di poter sfuggire al problema, mi ha portato ad alienarmi. Da me stessa, ma anche dai miei cari. Alla fine mi è costata la mia relazione e ho capito: le cose devono davvero cambiare”.

“Ho iniziato a lavorare su me stessa”, ha detto Ingeborg, che è andata in terapia, ha imparato a conoscere l’ayahuasca e ha letto libri sullo sviluppo personale. “Volevo ricominciare da capo e l’ho fatto. La ricerca della felicità è stata lunga, ma la guardo di nuovo con un senso di soddisfazione. Non significa che mi alzo dal letto ogni giorno felice”.

“Forse era qualcosa di più della semplice lotta per essere Sinang. Non più correre in giro alla ricerca di qualcosa che non troverò, sperando di dare un significato ai miei ultimi anni, ma essere in pace con ciò che sarebbe successo, qualunque cosa accada. Da quando ho accettato la morte, ne sono meno preoccupato e la mia mente è più calma. La vita sembra più leggera.

Durante la sua ricerca, Ingeborg si è posta domande del tipo: cosa è veramente importante? “Non ho dovuto pensarci a lungo. Questi sono i miei figli. Imparo ancora da loro ogni giorno. Vivono solo nel presente. Non c’è niente per i bambini se non quelle ambite caramelle da un barattolo di caramelle. TV. Oppure non essere autorizzato a guardare. Stare al passo con It aiuta a mettere in prospettiva i miei problemi “.

READ  Malo, a causa del lungo Corona virus: "Mi sto allenando per camminare più di 200 metri"

Ingeborg è felice di aver perso la ruota della vita qualche anno fa. “Di conseguenza, ho sempre avuto l’idea che dovevo fare qualcosa. Ha portato a pensieri negativi che non mi avrebbero lasciato. Durante il mio trattamento ho imparato che non sei i tuoi pensieri. Può sembrare vago, ma è vero. ” Pensi di avere paura, ma non lo sei. Se riesci a controllarlo. Su questo, puoi cambiare in un respiro da qualcuno con la testa piena e impegnata, a qualcuno che si sente calmo e accetta per il bene della situazione. Ora Penso: finché non so cosa accadrà, non devo preoccuparmene”.

sempre paura

Più facile a dirsi che a farsi, ecco. “Ogni malato di tumore al cervello ha una spada di Damocle appesa sopra la testa e penso di parlare a nome di molti malati di cancro quando dico che la paura è quasi sempre lì. Non puoi fare nulla per il fatto di essere malato terminale. Accettando e mettendo le cose a posto puoi stare sicuro che quella paura diminuisce e nel migliore dei casi scompare.

Ingeborg descrive nel suo libro, tra le altre cose, che beve ayahuasca con sua madre. “Voleva davvero venire con me. Ho pensato che fosse molto speciale. È stata un’esperienza intensa, ma gratificante. Quella povera settantenne è stata inciampata su una stuoia, vomitando per almeno sei ore. Sono così orgoglioso di noi. Ci ha portato dove dovevamo essere”.

abbracciando la morte

Ingeborg ha sentito da altri che l’ayahuasca ha portato grandi esperienze con unicorni e arcobaleni. “Non è stato il mio caso. Ho solo sperimentato la morte, la morte e ancora la morte. Questa morte doveva essere vista, ascoltata e sentita. All’inizio ho combattuto contro di essa, ma quando ho smesso, le cose sono andate meglio. È stato un volo di carnevale festivo no, ma ha portato qualche intuizione. Da quel viaggio non ho più paura della morte. Sono diventato suo amico e ho imparato ad abbracciarla. “

READ  Laurent Simmons, 12 anni, ora ha anche un master in Fisica

Il senso di pace di Ingeborg con la situazione è evidente anche dalla sua recente visita in ospedale. “Dovevo tornare per la scansione e ho pensato: se ottengo un brutto risultato più tardi, va bene. Ne avevo così paura. Ma non cadi morto per un tumore al cervello. Succede raramente, ma la possibilità è che non sarai lì dall’oggi al domani a causa del cancro. Troppo piccolo.

Oltre all’accettazione, ogni tanto ci sono ancora momenti di confronto. “Quando penso ai miei figli o li guardo, mi raggiunge. Ogni volta. L’idea che non posso vivere con i miei figli quanto voglio è potente. Non sarò mai quella vecchia nonna. Fa male. Contrariamente alle mie aspettative, sono ancora qui”. Nessuno lo avrebbe pensato. Ma non mi illudo che avrò sessant’anni”.

indigesto

“Posso dire addio alla vita abbastanza facilmente ora, ma per i miei figli, mi piacerebbe rimanere lì più a lungo”, dice Ingeborg. “So che staranno bene. Hanno un padre meraviglioso e fino a quel momento posso dare loro così tanto. Ma verrà il giorno in cui dovrò dire: ‘Mamma se ne andrà presto’. Questo è sgradevole. “

Ingeborg spera di poter supportare e ispirare le persone attraverso il suo libro. “Non sei solo malato di malattie come il cancro. Hai persone intorno a te che sono tristi a causa del tuo dolore, ed è bello condividere quel dolore l’uno con l’altro, trovando riconoscimento nelle reciproche storie. Voglio anche lasciare qualcosa di valore dietro quando non ci sono più.” Spero di farlo in questo modo.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24