Ingoia un po’ dopo l’1-0 in anticipo, ma i Red Devils lisciano il libro…

Leggi anche: Il nostro verdetto. Serata Lukaku, ma anche qualche demone con cinque

Non ti aspetteresti che la differenza tra il numero uno al mondo e il numero 110 sia maggiore? O i detriti italiani sono ancora appesi nei panni? Il Belgio ha dimostrato ancora una volta di essere un gigante sui piedi fangosi. Il gigante si chiama Romelu Lukaku, i piedi d’argilla sono la difesa. Il tecnico della Nazionale Roberto Martinez ha fatto cadere due nomi sorprendenti tra i titolari, anche perché Tillmans si è infortunato alla caviglia durante l’allenamento. Le cose sono andate subito storte tra i due. I Saelemaeker interpretano male Vanaken, causando l’obiezione di Kate. Alderweireld sbaglia molto, lasciando Courtois senza possibilità nell’angolo più lontano: 1-0 dopo meno di due minuti.

Nessuno sembra davvero preoccupato. Hazard è subentrato immediatamente. Senza un vero taglio nelle sue azioni, vagava da una parte all’altra, avvicinandosi alla profondità della palla. Ben fatto Vanaken, l’iperattivo Saelemaekers ha voluto rimediare al suo torto con il suo stile noto e impulsivo. I belgi hanno circondato l’obiettivo estone e hanno dato questa possibilità. per Carrasco. Per Vanaken, che è stato bannato due volte. Era già in parità a metà del primo tempo. Hazard ha attraversato e Vanaken ha segnato il suo terzo gol da internazionale. Dopo che Carrasco si è avvicinato di nuovo, le cose erano già sistemate mezz’ora fa.

Vanno in guerra per questi estoni, ma anche con il pallone. I Mets hanno colpito la palla contro uno dei suoi compagni di squadra e hanno fornito l’aiuto di Lukaku, che si è girato ed è andato in porta: 1-2. Ancora più bello è come è arrivato al 66° posto, 1-3. Kuusk pendeva dalla sua schiena, ma Lukaku si voltò e lo mise in porta come se niente fosse. Il difensore estone ha alzato in aria le braccia stordite. I banchieri belgi, Batshuayi in testa, si scontrano ridendo. Nessuna Estonia può competere con Lukaku.

READ  Le caviglie gonfie possono indicare insufficienza cardiaca

cosa è successo?

A quel punto la partita è finita e Martinez ha potuto mettere la sua squadra in modalità risparmio. Tuttavia, non dovrebbe essere accecato da ciò che è andato storto. Perché questo rassicurante progresso non è stato certo tutto tranquillo. Come due corner nel primo tempo in cui Trossard ha lasciato andare facilmente Anner. Fortunatamente i piedi del ragazzo non erano molto precisi al primo tentativo. E questo ha spinto Courtois con la testa lontano, nella rete di Boyeta e così nell’angolo. A proposito di Boyata. Con la sua velocità, il difensore dell’Hertha potrebbe nascondere qualcosa, ma nemmeno lui si è comportato al meglio. Si è anche permesso di rinunciare a se stesso molto facilmente. Furono i Saelemaeker a essere responsabili del fatto che Bure avesse quasi sorpreso i belgi. Tanti i buoni propositi, quasi anche il gol – il milanista colpisce traversa e portiere – ma in fase difensiva, nonostante il periodo in Italia, c’è ancora del lavoro da fare. E dov’era la pressione sulla palla? È stato molto facile per gli estoni attraversare il campo. Questo è più pericoloso contro i già potenti cechi che contro il nano del calcio Estonia.

© BELGA

note a piè di pagina

Anche l’ultima mezz’ora ha dato dei margini. Witsel ha segnato 1-4, dopo una buona combinazione di Carrasco e Trossard. Benteke è stato autorizzato a riempire questa volta, per caso dopo essersi lamentato del campionato europeo che lo ha frustrato. Debutta anche Sambi Lokonga. Il sostituto Thomas Phuket ha segnato per la prima volta il gol dell’1-5 del Diavolo. Sorga ha addirittura segnato 2-5, con Alderweireld che ha affrontato due (!)

Dodici anni fa i Devils se ne andarono nudi a Tallinn: 2-0, fallo. Successivamente, Dick Advocaat si è ingrassato così tanto che ha morso così forte che alcuni dei ragazzi non hanno obbedito. Poco dopo si è conclusa la carriera internazionale di de Satre, Sewert, Lamah, Molimo, ma anche Modingayi ed Emile Penza. Proprio come allora, i demoni erano ora in una fase di rigenerazione, anche se con meno pericolo. Il talento offensivo è molto maggiore rispetto all’epoca – fortunatamente già – ma ancora una volta Tallinn offre al tecnico della nazionale l’opportunità di tirare le somme.

Leggi anche: Prenditi una pausa dopo l’1-0 in anticipo, ma i Red Devils ottengono una vittoria regolare in Estonia

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24