Inizia un nuovo ciclo di 11 anni di tempeste solari potenzialmente devastanti. Secondo alcuni astrofisici, diventa intenso

Siamo di fronte a un nuovo ciclo di 11 anni di attività solare. Quel nuovo ciclo di tempeste solari potrebbe iniziare da un giorno all’altro e gli astrofisici sono divisi su quanto siano attivi o minacciosi. Il Sole potrebbe essere in procinto di stabilire record per il numero di macchie solari e tempeste violente, o potremmo avere a che fare con qualcosa come il minimo di Maunder, dal 1645 al 1715, quando le macchie solari apparivano a malapena – un periodo che divenne noto in Europa come il Piccolo Ghiaccio Età. Cosa sappiamo?

Prima di tutto: possiamo essere felici con il nostro Sole, che, per gli standard galattici, è piuttosto noioso come una stella. Basta chiedere agli abitanti (se ce ne sono) dei pianeti in orbita attorno alla stella vicina Proxima Centauri, a soli 4,2 anni luce di distanza da qui. Proxima Centauri, una piccola stella nota come M nana, ospita almeno due esopianeti, uno dei quali è grande quanto la Terra e abbastanza vicino alla stella da essere abitabile se non immerso nelle radiazioni. Ad aprile, gli astronomi hanno annunciato un enorme lampo di luce in eruzione dalla superficie di Proxima Centauri nel 2019. Per sette secondi, la giovane stella ha ingrandito la sua emissione ultravioletta di 14.000 volte, in uno dei bagliori più feroci mai visti nella nostra galassia.

Il tempo spaziale su questa scala può sterilizzare pianeti potenzialmente abitabili e prevedere cattive notizie per la ricerca di vita al di fuori di questo sistema solare. Anche il clima spaziale mite può disturbare gli organismi che si sono già evoluti e si sono insediati. Le macchie solari e le tempeste solari, che aumentano e diminuiscono in un ciclo di 11 anni, possono mettere a rischio veicoli spaziali, astronauti e sistemi di comunicazione.

Il nostro sole è sorprendentemente coerente

Come civiltà, diamo per scontata la nostra stella. A 150 milioni di chilometri dalla stella più vicina – che chiamiamo il nostro sole – esistiamo e di solito prosperiamo sull’orlo di una violenza quasi incomprensibile. Il nostro Sole è una stella di medie dimensioni, una sfera di gas ionizzato caldo e incandescente con un diametro di circa 1,5 milioni di chilometri. La grande parte interna ruota più velocemente di quella esterna e gli strati esterni ruotano più velocemente all’equatore che ai poli. Il risultato è una miscela di campi magnetici, che appaiono come macchie solari e peggiorano quando emergono.

READ  Diretto | Gli Stati Uniti forniscono consigli di viaggio negativi a 130 Paesi "La libertà di stampa è drammaticamente peggiorata" | Corona virus

Ogni secondo, le reazioni termonucleari al centro del Sole bruciano da 600 milioni di tonnellate di idrogeno a 596 milioni di tonnellate di elio. I quattro milioni di tonnellate perse, convertite in pura energia, sono l’ipoteca per tutta la vita sulla Terra e forse altrove nel sistema solare. Quando l’energia emerge dal Sole, sale rispettivamente attraverso gli strati di gas più freddi e meno densi per uscire finalmente, dopo 100.000 anni, dalla fotosfera o superficie, dove la temperatura è di soli 5.700 K (5.426 °C).

Il Sole è sorprendentemente coerente nell’adempiere alle rate dei mutui. Alcuni anni fa, un esperimento in Italia ha confermato che la nostra stella non sembra aver alterato la sua produzione di energia negli ultimi 100.000 anni, il tempo che impiega quell’energia per viaggiare dal nucleo del Sole. I ricercatori sono stati in grado di calcolare la quantità di energia in cui entra il sole Attualmente Sono prodotti misurando particelle subatomiche chiamate neutrini. Prodotte da reazioni nucleari al sole, fuggono in pochi secondi e raggiungono la Terra in soli otto minuti.

Ma a volte le cose vanno male – e può significare un disastro per la nostra civiltà

Il lavoro non si ferma alla superficie del sole. La fotosfera gialla bolle come il porridge e si riempie di tempeste magnetiche oscure (le famigerate macchie solari) che scoppiano, ruotano e squarciano lo spazio come piogge di particelle elettriche e radiazioni. Questa corona è costituita da sottili strisce estremamente calde di gas elettrificato che possono essere viste solo durante un’eclissi solare, e questa corona si estende per milioni di miglia dalla superficie incandescente.

READ  La terapia cognitiva può aiutare a sbarazzarsi degli antidepressivi

A volte le cose vanno male, anche se su scala molto più ridotta rispetto alle esplosioni di Proxima Centauri. Quando i campi magnetici di tutti questi vortici, gas elettrizzati appaiono sulla superficie del Sole, si deformano e si deformano. Infine, scattano e si riconnettono in anelli, rilasciando enormi quantità di radiazioni e particelle cariche: un brillamento solare esplosivo che può essere più potente di milioni di bombe atomiche.

A volte questi brillamenti fanno esplodere intere parti degli strati esterni del Sole nello spazio, in eventi chiamati espulsioni di massa coronale. La madre di tutte le tempeste solari conosciute fino ad oggi si è verificata il 1 settembre 1859, quando una massa del Sole ha colpito la Terra. Scintille sono scoppiate dai sistemi telegrafici in Europa e Nord America, causando incendi. L’aurora boreale si estese alle Hawaii meridionali e a Cuba quella notte ed era così luminosa che le persone potevano leggere i giornali alla loro luce.

Nel 2012, un’altra espulsione di massa coronale ha mancato di poco la Terra. Un precedente studio della National Academy of Sciences ha concluso Un colpo diretto da una tale tempesta potrebbe causare quasi $ 2 trilioni di danni, causare guasti alla rete e satelliti ciechi almeno temporaneamente. Internet: merda. Molte persone non sarebbero nemmeno in grado di pulire i propri servizi igienici senza accendere l’elettricità per alimentare le pompe dell’acqua. Sarebbe un evento che trasformerebbe la pandemia di coronavirus in caos.

Meno secondo la NASA, più secondo altri astrofisici

Tali tempeste sono più comuni durante le vette del misterioso ciclo di attività di 11 anni del Sole rispetto alle macchie solari, con una che sta iniziando. Ma: Ultimamente, i cicli delle macchie solari si sono indeboliti. Durante l’ultimo ciclo sono state osservate 101 macchie solari nel 2014, anno di massima attività; Questo era ben al di sotto della media storica di 160-240.

READ  Problemi con la programmazione delle iniezioni per gli anni 1967-1968, leggi qui Come metterle online | Corona virus

L’anno scorso, un gruppo di scienziati della NASA e della National Oceanic and Atmospheric Administration ha predetto che il prossimo ciclo sarebbe stato simile all’anemia, con un picco nel 2025 a circa 115 macchie solari.

Ma come dicevo, su questo la comunità scientifica è divisa. Ci sono astrofisici che hanno fatto previsioni radicalmente diverse su più di 200 macchie solari al loro apice. Dicono che il ciclo di 11 anni delle macchie solari, basato su un’analisi di 140 anni di misurazioni solari, contrasti con il ciclo di Hill di 22 anni, che prende il nome dal suo scopritore, George Ellery Hill. Durante quel periodo, il campo magnetico del sole inverte la polarità e poi ritorna nuovamente.

Ogni ciclo termina o inizia quando due bande magnetiche, migrando da alte latitudini opposte al Sole, si incontrano all’equatore e si distruggono a vicenda. Ogni fase del ciclo dura in media 11 anni, ma può variare. Ora si scopre che più lungo è il ciclo, più debole è il successivo e viceversa. Il ciclo attuale, che è il 24° dall’inizio della registrazione, è più breve della media, il che significa che il prossimo dovrebbe essere forte.

Dovremo aspettare e vedere se questo è vero. Ma al di là dei potenziali pericoli, capire come funziona il ciclo delle macchie solari è fondamentale. Il campo magnetico terrestre è in gran parte la ragione per cui esiste la vita sul nostro pianeta. Marte, per esempio, non ha molta atmosfera o campo magnetico. E se il tuo pianeta non ha un campo magnetico, puoi comunque avere tutta l’atmosfera che desideri, ma il sole può cancellarla in un batter d’occhio. In effetti, gli astrofisici sospettano che un tale destino sia toccato a Marte, che un tempo era molto più caldo e umido di quanto lo sia oggi.

(Javed)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24