James Madison – Presidente degli Stati Uniti

DrIl quarto presidente degli Stati Uniti, James Madison, che fu alla Casa Bianca dal 1807 al 1819, non è incluso nella storia come il più famoso o il miglior presidente americano. Non molte persone hanno mai sentito nominare il suo nome, mentre Madison è considerato uno dei padri fondatori degli Stati Uniti. Chi era James Madison come persona e politico? Com’è stata la sua presidenza in termini di politica interna ed estera? In questo articolo biografico puoi leggere le informazioni più importanti su questo presidente americano.

In termini di personalità, James Madison era noto per il suo ragionamento e il senso delle sfumature. Era un essere umano eccezionalmente istruito e cosmopolita che leggeva molto e lavorava sodo. Madison non era noto per la sua eloquenza o abilità sociale, ma aveva forti idee politiche. Per le persone che non lo conoscevano, sembrava una persona solitaria, fredda e timida.

Infanzia, istruzione e istruzione di James Madison

James Madison nacque il 16 marzo 1751 a Port Conway, in Virginia. È nato nella casa di sua nonna da sua madre. Suo padre era un importante proprietario terriero aristocratico, James Madison Sr., che possedeva proprietà immobiliari nella contea di Orange. La madre di James si chiamava Eleanor Rose Conway (“Nelly”) ed era la figlia di un ricco proprietario di una piantagione. James è cresciuto a Montpellier, vicino alle Blue Ridge Mountains, dove ha vissuto il resto della sua vita. Madison rilevò dalla famiglia la colonia di piantagioni locale, un’area di oltre 10 chilometri quadrati (2.600 acri) dove teneva un centinaio di schiavi. Dopo la morte di Madison, la fattoria fu venduta.

James Madison ai tempi di Princeton

Fino all’età di sette anni, James Madison è stato istruito a casa da sua madre e sua nonna e ha frequentato la scuola nella tenuta di suo padre. Dal 1758, Madison frequentò la Robertson School. Durante questo periodo, l’obiettivo dell’istruzione era l’inglese, il latino, il greco, il francese e l’italiano e su argomenti come la storia, la geometria, l’aritmetica, l’algebra e la geografia. Ha poi frequentato il College of New Jersey dal 1769 al 1771, un’università che in seguito (dal 1896) divenne nota e popolare come Princeton University. Qui si immerse nella storia e nel diritto e Madison ricevette un’ulteriore istruzione in una varietà di materie, come logica, latino, retorica, geografia e filosofia. A Princeton, Madison si è immerso nelle opere di Adam Smith, David Hume e Charles Montesquieu, tra gli altri. In seguito studiò anche gli scritti, tra gli altri, del filosofo illuminista britannico John Locke e del pensatore italiano Niccol Machiavelli, un filosofo politico che, come Madison, sosteneva una forte autorità centrale.

READ  Borse europee chiuse in ribasso | IEX.nl

È importante sottolineare che nel New Jersey, Madison ha stretto amicizia con personaggi illustri, contatti che, in particolare con William Bradford (in seguito il secondo procuratore generale sotto George Washington), li hanno sfruttati in seguito durante la sua carriera politica. Madison si ammalò nel 1771 – presumibilmente affetta da epilessia – e rimase a Princeton per un po’ e tornò a casa nell’aprile 1772.

Interesse amministrativo: Madison entra in politica (1776-1809)

Thomas Jefferson
Thomas Jefferson

Dopo aver completato la sua istruzione, Madison non è entrata direttamente in politica. Durante la prima metà degli anni ’70, il suo interesse per le questioni politiche aumentò e Madison decise che stava andando in quella direzione. Nel 1776 fu nominato delegato per redigere la Convenzione della Virginia (1776) al Congresso continentale. Da allora in poi è stato attivo nella politica della Virginia per molti anni come rappresentante del popolo. Madison poi prestò servizio come delegato alla Camera dei delegati della Virginia dal 1789 al 1797.

Durante i suoi anni alla Camera dei Rappresentanti, Madison scrisse una costituzione per la Virginia con il politico George Mason. In questa posizione, incontrò anche Thomas Jefferson, il terzo presidente americano dal 1801 al 1809, con il quale era in buoni rapporti. Madison e Jefferson sarebbero diventati amici per la vita.

documenti federali
documenti federali

Nel 1786, James Madison fu l’iniziatore della costituzione nazionale quando chiamò un comitato costituzionale. Quando l’anno successivo, maggio 1787, la Convenzione costituzionale (Convenzione costituzionaleA Filadelfia, fu Madison a redigere la maggior parte della Costituzione degli Stati Uniti. Insieme ai pensatori politici John Jay e Alexander Hamilton, Madison lavorò anche dal 1787 al cosiddetto documenti federali. Si trattava di una raccolta di 85 articoli politici legali destinati a influenzare l’opinione pubblica al fine di accelerare la ratifica della nuova costituzione. Madison ha scritto 26 di questi articoli. Infine, ha anche svolto un ruolo fondamentale nella creazione Carta dei diritti (1791), I primi dieci emendamenti alla Costituzione degli Stati Uniti che includevano i diritti civili. In ogni caso, per il suo grande contributo politico-intellettuale, Madison può essere considerato uno dei “padri fondatori” degli Stati Uniti. Nel 1792, ha co-fondato il Partito Democratico Repubblicano con Jefferson, che avrebbe svolto un ruolo di primo piano per diversi decenni.

Il 15 settembre 1794, il 43enne James Madison si sposò all’età di 26 anni Dolly Payne Todd (1768-1849). Dolly era una donna socialista che era stata precedentemente sposata e vedova. Era bellissima e vestita elegantemente. Madison e Todd non hanno avuto figli, ma insieme hanno cresciuto John Payne Todd (1792-1852), il figlio di Dolly dal suo precedente matrimonio. Dolly Madison in seguito divenne molto popolare tra la popolazione americana come First Lady.

READ  La riapertura limita il fatturato di GrandVisi Optics ...

Nel maggio 1801, il quarto presidente degli Stati Uniti, Thomas Jefferson, nominò Segretario di Stato di Madison. Madison mantenne questa posizione fino al 1809. Nel 1800, l’economia americana stava ancora andando bene, perché i paesi europei avevano ormai fatto la pace. Ma le guerre napoleoniche (1803-1814) e il sistema continentale (1806) che frustrarono il commercio internazionale cambiarono le cose. Mantenere buoni rapporti sia con la Gran Bretagna che con la Francia come ministro degli Esteri si rivelò impossibile.

Per questo Jefferson e Madison decisero di rispondere con il Ban Act (dicembre 1807), in cui gli Stati Uniti imposero un divieto a tutte le navi straniere nei porti americani. Tuttavia, non ci furono risultati: le economie britannica e francese furono duramente colpite; Il commercio americano è più di questo, ma molti commercianti americani sono anche riusciti a aggirare la legge. Il 1 marzo 1809, pochi giorni prima della fine del mandato di Jefferson, sostituì il Prohibition Act con il No Intercourse Act. Ma anche questo fu inefficace e portò a crescenti tensioni tra America, Gran Bretagna e Francia.

Presidenza di James Madison (1809-1817): Caratteristiche principali

Ritratto di James Madison - Gilbert Stewart, circa 1821
Ritratto di James Madison-Gilbert Stewart, 1821 circa (CC0 – wiki)

Nelle elezioni presidenziali del 1808, James Madison, che si era candidato per il Partito Democratico-Repubblicano, emerse come vincitore. Dietro Thomas Jefferson. George Clinton è stato vicepresidente al fianco di Madison per conto dello stesso partito. Il nuovo presidente ha sconfitto il suo avversario, Charles Pinckney, un rappresentante del Partito Federalista, per 122 voti su 175 nel Collegio Elettorale.

Il capo della giustizia John Marshall ha prestato giuramento su Madison come quarto presidente degli Stati Uniti il ​​4 marzo 1809. Il deterioramento delle relazioni con la Gran Bretagna e la Francia era tipico delle politiche di Madison, che portarono alla guerra nel 1812 e al declino dell’economia nazionale conseguenza delle guerre napoleoniche.

La politica estera di James Madison

Il 18 giugno 1812 gli Stati Uniti dichiararono guerra alla Gran Bretagna. A causa della cattiva situazione economica, gli americani stabilirono anche contatti commerciali con la Francia napoleonica. Uno degli obiettivi degli Stati Uniti durante la guerra del 1812 fu l’annessione del Canada, colonia britannica. Per una serie di ragioni – il Canada è enorme, la leadership militare ha commesso errori, i franco-canadesi non hanno collaborato con gli americani nonostante le probabilità – questo progetto militare è fallito. Nel 1814, le forze britanniche entrarono a Washington e bruciarono la Casa Bianca. Poi Dolly, la moglie di Madison, poco prima dell’incendio doloso salva un grande dipinto raffigurante il primo presidente degli Stati Uniti, George Washington….

READ  Stellantis aumenta le vendite di quasi la metà

Na Di salame gentiluomo Dal 24 dicembre 1814, gli Stati Uniti adottarono una politica di isolazionismo e si ritirarono dalla scena mondiale fino al 1900 circa. La Dottrina Monroe del 1823 era tipica di questa politica, con gli americani che dichiaravano espressamente che non sarebbero stati coinvolti nella politica e militare europea problemi.

Politica interna di James Madison

Fino al 1814, la politica interna di James Madison era caratterizzata da un’economia stagnante. Dopo il Trattato di Gand che pose fine alla guerra del 1812 con Francia e Gran Bretagna, l’economia americana riprese drammaticamente. Sorprendentemente, il messaggio di pace non raggiunse gli Stati Uniti fino a poche settimane dopo, così che un’altra grande battaglia ebbe luogo a New Orleans mentre la pace era già ufficiale. Oltre alla crescita economica negli anni dal 1815 al 1817, il nazionalismo americano aumentò anche negli ultimi anni della presidenza di Madison.

Monumento a Madison a Montpellier
Monumento a Madison a Montpellier (CC BY-SA 3.0 – Billy Hathorn – wiki)

Oltre la presidenza: gli ultimi anni e la morte di Madison

Dopo che Madison si ritirò dalla politica, non condivideva spesso le sue opinioni e idee politiche nei media. Nel 1820, il suo amico Jefferson contribuì a fondare l’Università della Virginia. Dal 1826 fino alla sua morte nel 1836, Madison fu strettamente coinvolto nei dettagli di questa università, incluso come secondo preside.

Nel 1830, quando Madison superò gli 80 anni, la sua salute peggiorò drasticamente. Così nel 1831 e nel 1832 era quasi completamente costretto a letto e mentalmente fragile. Madison morì il 28 giugno 1836, all’età di 85 anni, per insufficienza cardiaca nella sua casa di Montpellier.

in tazze

Visualizza il nostro Elenco dei presidenti degli Stati Uniti
Leggi anche: Dolly Madison ha recuperato un dipinto dalla Casa Bianca nel 1814
Consiglio per il libro: I primi fondatori. Padri Fondatori degli Stati Uniti – Frans Verhagen

Video sulla presidenza di James Madison

risorse

il libro
-Paolo Johnson, Storia del popolo americano (New York: HarperCollins Publishing, 1997) 257-267.
– Frans Verhagen, I primi fondatori. Padri Fondatori degli Stati Uniti (Quinta ed.; Utrecht: Omniboek, 2017 [2016]) 149-185.
-Articolo online della New York Historical Society,’La storia della vita di James Madison(2016).

Internet
-https://www.britannica.com/biography/James-Madison
-https://www.whitehouse.gov/about-the-white-house/presidents/james-madison/
-https://nl.mahnazmezon.com/articles/humanities/biography-of-james-madison-4th-president-of-the-united-states.html
– https://www.history.com/topics/us-presidents/james-madison
-https://www.britannica.com/biography/Dolley-Madison
-https://people.smu.edu/religionandfoundingusa/james-madisons-memorial-and-remonstrance/influences-on-madisons-memorial-and-remonstrance/
-https://www.archives.gov/founding-docs/bill-of-rights/what-does-it-say
-https://en.wikipedia.org/wiki/James_Madison

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24