Joe Biden è impaziente: vuole salvare il diritto di voto. Ma è un po’ in ritardo

Il presidente Joe Biden alla Casa Bianca prima di partire per Atlanta, dove martedì ha pronunciato un feroce discorso.BILD ANP / The New York Times Syndicate

Joe Biden è stanco. Il presidente degli Stati Uniti vuole proteggere i diritti di voto degli americani con due nuove leggi, ma non le può approvare. Perché i repubblicani hanno torto. “Vogliamo che il popolo governi”, ha detto Biden durante un discorso martedì ad Atlanta. “Vogliono che il caos regni”.

Biden è frustrato da molte cose. È arrabbiato con i repubblicani per aver bloccato le sue leggi elettorali del Senato usando “stallo”. Questo è un grande trucco in cui i senatori impediscono un voto su un disegno di legge parlando per ore, a volte anche giorni. Porre fine alla procrastinazione richiede il sostegno di 60 senatori su 100. La legge potrebbe già essere approvata con una maggioranza di 51 voti.

Martedì ha detto che negli ultimi mesi il presidente aveva avuto colloqui “silenziosi” con i membri del Congresso. Voleva convincerli dell’importanza delle leggi elettorali, ma il discorso non è bastato. Ora la pazienza del presidente è esaurita. “Non starò più zitto”, ha detto Biden mentre accarezzava il podio. In un certo senso, anche il presidente americano deve essere arrabbiato con se stesso. E il suo carisma arriva un po’ tardi: anche molti americani sono stanchi che Biden rimanga in silenzio per così tanto tempo.

Il voto è sempre più difficile

Biden è entrato in carica un anno fa. Molto è cambiato da allora nel campo dei diritti elettorali. I repubblicani in 19 stati hanno approvato dozzine di leggi che rendono difficile il voto degli elettori. Le votazioni per posta e anticipate saranno limitate, i seggi elettorali in alcune aree saranno chiusi e l’orario di lavoro sarà ridotto.

Il motivo dei repubblicani è: combattere le frodi elettorali. Molti repubblicani credono che le ultime elezioni presidenziali siano state ingiuste e dicono di voler evitare che si ripetano. Questo tipo di sentimento è alimentato da Donald Trump.

Il presidente degli Stati Uniti è frustrato dal danno che i repubblicani hanno arrecato alle leggi elettorali. Apposta, dicono gli esperti, nei luoghi in cui vivono gli elettori democratici neri: saranno particolarmente colpiti dai cambiamenti.

Non è un caso, quindi, che Biden tenga il suo discorso ad Atlanta, la capitale dello stato della Georgia meridionale, cuore del movimento nero per i diritti civili. “Difenderò il tuo diritto di voto e la nostra democrazia”, ​​ha detto Biden. Contro nemici interni e stranieri.

Annulla filibustiere

Nel suo discorso ad Atlanta, Biden ha parlato con forza contro lo strumento di disturbo. Era la prima volta; Durante la sua campagna, Biden non voleva nulla. Gli appelli del Partito Democratico a proteggere quella democrazia minacciata eliminando le interruzioni sono cresciuti nell’ultimo anno. Biden esitò, non voleva prendere una decisione di parte.

Inoltre, il disattivatore funziona in entrambi i modi, ovviamente. E se i repubblicani avessero presto la maggioranza al Senato? Allora anche i Democratici non possono usare questo trucco. Ma molti critici sono convinti che se i repubblicani vinceranno le elezioni di medio termine, cercheranno anche di annullare lo stallo.

La scorsa estate, Biden si è detto pronto a inasprire le regole di interruzione. Martedì, ad Atlanta, si è arreso completamente. Tutto ciò che protegge le sue nuove leggi elettorali. Si tratta del cosiddetto Freedom of Voting Act, che amplia le opzioni di voto, e del John Lewis Voting Rights Enhancement Act, dal nome di un politico morto l’anno scorso, con l’obiettivo di combattere la discriminazione durante il voto.

Parole storiche in un luogo storico

Il leader democratico del Senato Chuck Schumer ha detto che prevede di riportare i due progetti di legge al Senato questa settimana. Se il Senato non accetta almeno di discutere le leggi – che impedisce anche il blocco – non abbiamo altra scelta che cambiare le regole del Senato, compreso lo sblocco, ha detto Biden.

Quelli erano testi storici, in un ambiente storico, che è il luogo di nascita dell’icona dei diritti civili Martin Luther King. L’unica domanda è se non sono in ritardo. I senatori democratici Joe Manchin e Kirsten Senema hanno espresso la loro opposizione all’abrogazione della disattivazione. Anche all’interno del partito di Biden, non tutti sono d’accordo.

Gli attivisti per i diritti civili sono frustrati dal fatto che Biden non abbia agito prima; Alcuni sono rimasti lontani dalla visita del presidente. Resta quindi da vedere se questo discorso produca qualcosa di concreto, o se sia solo retorica. Il reverendo Al Sharpton ha incontrato Biden dopo il suo discorso e ha detto: “Ho detto al presidente che ha tenuto un discorso massiccio e, anche se lo ho sfidato per mesi, è meglio tardi che mai”.

READ  diretto | I certificati di vaccinazione CoronaCheck vacillano ancora | interni

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24