Jonas Vingegaard si sorprende nella seconda tappa del Tour: “Dubitavo anche di me stesso, non è una bugia”

Domenica 30 giugno 2024 alle 18:17

video La grande domanda era quanto sarebbe stato bravo Jonas Wingegaard al Tour de France, ma il danese del Visma | Lease a Bike è riuscita a difendere con successo l'attacco di Tadej Pogacar alla Côte de San Luca. Questo è un sollievo per il due volte vincitore del Tour. “Anch'io dubitavo di me stesso, e non è una bugia”, ha detto dopo la seconda fase.

“Oggi è stata una giornata molto positiva per me”, afferma Vingegaard. “Era uno dei giorni precedenti in cui mi aspettavo di perdere un po' di tempo su Pogacar, quindi poterlo seguire mi sembra una vittoria.”

Vingegaard ha permesso a Tiesj Benoot di aumentare il ritmo ai piedi del San Luca per rimanere fuori dai guai in testa al gruppo. “Abbiamo impostato un ritmo elevato fin dall'inizio della salita e UAE ha preso il sopravvento. Quando Pogacar ha attaccato, fortunatamente sono riuscito a seguirlo. “In cima ho deciso di pedalare con lui”, analizza il 27enne scalatore.

Ad un certo punto della gara, Vingegaard ha pensato al suo incidente al Giro dei Paesi Baschi. “Il mio pedale ha toccato terra da qualche parte lungo la strada e ho pensato per un momento agli infortuni. Ma non direi che mi sono spaventato sul pianerottolo.”

Jonas Vengegaard alla guida di Matteo Jorgenson – Foto: Cor Vos

La prestazione nella seconda fase sembra un sollievo per il danese. “È difficile iniziare una gara senza sapere quanto sei bravo. Mi sono allenato per un mese e mezzo, quindi è stato molto difficile decidere dove sarei stato.

READ  Sportcourt: Doma e Lau si sfidano per il titolo olandese della 10 km | gli sport

“Anch'io ho dubitato di me stesso, e non è una bugia”, continua. “Ma ora posso dire che sono tornato e spero che trascorreremo tre buone settimane qui”, ha concluso Vingegaard.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24