Jorge Mendes, il portoghese fuori dalle righe

Ore dopo che Jorge Mendes è stato nominato “Ufficiale del secolo” ai Globe Soccer Awards di Dubai, Wolverhampton Wanderers e Tottenham Hotspur si affrontano in Premier League a poche migliaia di miglia a nord-ovest. Non sembra una partita speciale: allo stadio desolato di Molino, entrambe le squadre devono accontentarsi del pareggio l’ultima domenica del 2020. Tuttavia, Mendes sta guardando la partita con grande interesse. Nei “lupi” ci sono almeno sette portoghesi alla base. Inoltre, il regista portoghese Vitina potrebbe sostituire il suo allenatore e connazionale Nuno Espirito Santo nei minuti di recupero. Successivamente, il boss del Tottenham Jose Mourinho ha accolto calorosamente il manager del club ospitante.

L’invasione portoghese della Premier League inglese – in particolare dei Lupi – è attribuita all’agente Jorge Mendes. È il super agente che è stato coinvolto in diversi importanti trasferimenti avanti e indietro, ed è una delle personalità più potenti del calcio che può assumere il pieno controllo dei club in pochissimo tempo. Chi è e quanta influenza ha nel calcio?

mercatino

Jorge Mendes (55 anni) è cresciuto a Lisbona. Da ragazzo lavorava nella fabbrica di Corneto e vendeva vecchi vestiti in un mercatino delle pulci. Il suo grande sogno era diventare un brillante ala sinistra, ma si è rivelato avere più talento come imprenditore: ha aperto un negozio di video di successo, un bar e una discoteca – dove occasionalmente suonava anche come DJ. Lì ha incontrato il portiere portoghese Nuno Espirito Santo. Questo incontro avrebbe cambiato la vita di Mendez. I due diventano amici e Nonoo decide di lasciare che l’affascinante proprietario di una discoteca gestisca i suoi affari. Mendes è andato in Spagna e ha organizzato il trasferimento del portiere al Deportivo La Coruna. Da allora è un agente ufficiale.

La sua prima grande mossa è stata da Hugo Viana al Newcastle United nel 2002, ma l’agente si è fatto un vero nome internazionale quando ha portato il giovane Cristiano Ronaldo, il suo capolavoro della squadra stabile, al Manchester United l’anno successivo. La crescente influenza di Mendes e il fatto che i giocatori lasciassero il loro agente e si rivolgessero a lui a volte causavano cattivo sangue: famosa è la storia del confronto tra Mendes e Jose Vega. All’aeroporto di Lisbona, c’è stata una lite tra i due agenti, e si dice che Mendes abbia colpito il suo collega alla nuca con un cellulare: ne portava sempre tre con sé.

READ  Gli italiani evitano la pizza a muro | Instagram

Leggi anche: La politica ama fuori dal campo

Scritto nel 2012 guardiano Inoltre, l’agente Gonçalo Reis ha sporto denuncia alla FIFA perché Jorge Mendes ha rubato un giocatore che accompagnava Reis, Bebé, poco prima del lucroso trasferimento. Il giorno dopo che Pepe si è separato da Reis, ha firmato con Mendes, che alla fine avrebbe guadagnato € 3,6 milioni dal trasferimento del giocatore al Manchester United. L’importo era troppo alto in parte perché l’agente possedeva parte dei “diritti economici” dell’attaccante.

All’inizio di questo secolo, Gestifute nell’ufficio di Mendes iniziò ad allenare giocatori e allenatori sempre più famosi. Il vento era favorevole all’agente: il calcio portoghese era in buona forma a livello internazionale dopo che l’FC Porto ha vinto la Champions League nel 2004. Molti dei clienti di Mendes erano ricercati nei grandi club, ad esempio l’allenatore Jose Mourinho – e diversi giocatori portoghesi in la sua scia – firmato con il Chelsea. Una volta che l’agente mette piede nella porta del club, di solito non si ferma a un giocatore. “Vuole avere un rapporto diretto con i club e in qualche modo colonizzarli”, ha detto Bebo Russo, giornalista e sociologo italiano che ha scritto un libro su Mendes nel 2016. “Questo non serve a tutti, il Chelsea, ad esempio, al momento non ha più giocatori di Gestifute”.

sorriso bianco come la neve

Mendes appariva sempre di più nelle Heaven Boxes di tutto il mondo: abbronzato, con un sorriso bianco scolpito sul viso. Ha già lasciato il segno in patria da tempo: secondo Mendes, secondo according New York Times Dopo aver partecipato al 68 percento dei trasferimenti dei “Tre grandi” del Portogallo – Sporting, Benfica e Porto – tra il 2001 e il 2010. “Molti club locali dipendono da lui per mantenere le proprie finanze. Il presidente del Vitoria Guimarães, Vitoria Guimarães, una volta ha affermato che il Portogallo dovrebbe essere particolarmente grato a Mendes perché garantisce che i fondi arriveranno”, ha detto il giornalista sportivo Marcos Alves di Lisbona.

La partnership con Mendes potrebbe spingere il club a tempo di record. Un buon esempio è Famalicão. Nel 2018, il Quantum Pacific Group del miliardario Idan Ofer ha acquistato una quota di maggioranza nel club diminutivo, allora numero 14 nel secondo livello del Portogallo. L’israeliano, che è anche azionista dell’Atlético de Madrid, era in giro con Mendes; Insieme, hanno assicurato che Famalicão fosse promosso in Prima Divisione un anno dopo. Con i rinforzi di Valencia, Wolves, Atletico Madrid e Benfica, ad esempio – quattro club della vasta rete di Mendes – è iniziato il “Fama Show”: poche settimane dopo, Famalicao era in vetta. Alla fine, il nuovo arrivato ha preso il sesto posto, un’impresa che ha attirato l’attenzione di tutta Europa.

READ  La stagione dell'uva italiana sta andando meglio del previsto

Si pone regolarmente la domanda se il portoghese non indossi più cappelli in alcuni club. Lo stesso vale per i Wolverhampton Wanderers, dove la sua influenza è forse più evidente. Secondo il rapporto, il club è stato acquistato nel 2016 dalla cinese Fosun International, la cui filiale ha azioni della holding Gestifute di Mendes. donna. Negli anni successivi all’acquisizione, i Lupi, come Famalicao, si sono arricchiti di giocatori di Atletico, Benfica e Porto, grazie allo straordinario consigliere Mendes. La conquista portoghese è culminata con la nomina di un nuovo allenatore nel 2017: Nuno Espirito Santo, primo cliente di Mendes. Da allora gli è succeduto il connazionale Bruno Lage.

Leggi anche: Come la famiglia Zuidas tiene sotto controllo gli uomini d’affari controversi

L’influenza di Mendes è anche un argomento di discussione con la nazionale portoghese. Nel 2008, il suo cliente, l’allenatore della nazionale Luis Felipe Scolari, gli ha concesso l’accesso illimitato all’hotel dei giocatori durante il Campionato Europeo. Alcuni mesi fa, Mendes ha visitato l’allenatore della nazionale presso l’hotel dei giocatori per parlargli della mancanza di tempo per giocare per uno dei suoi clienti, secondo i media locali. Nella scuderia di Mendes c’erano i due Ct della nazionale dopo Scolari, Carlos Queiroz e Paulo Pinto. Pinto è stato regolarmente interrogato sull’influenza del suo agente a causa del gran numero di giocatori di Gestifute nel roster, ma ha negato che l’agente abbia interferito in alcun modo con la squadra.

L’attuale allenatore Fernando Santos, che è diventato campione d’Europa con il Portogallo nel 2016, non è un cliente di Mendes. Ma questo non significa che il suo ruolo in nazionale sia finito. Più della metà della nazionale portoghese in questo Campionato Europeo è sotto contratto con Gestifute. Inoltre, ci sono ancora giocatori che Mendes non supervisiona ufficialmente, ma che hanno aiutato nei trasferimenti. Come mediatore, è intervenuto nel trasferimento di Bruno Fernandes al Manchester United, ovviamente contro una grossa commissione.

READ  Sessione positiva a Wall Street, a due giorni dalla sconfitta

carosello per i giocatori

Quanto guadagna un allenatore di Gestifute da un trasferimento non è sempre chiaro, a meno che non venga annunciato dal club. Ad esempio, si è scoperto che il trasferimento del difensore Ruben Dias dal Benfica al Manchester City ha portato Mendes a ricevere una commissione di cinque milioni di euro. Lo stesso giorno, Nicholas Otamendi ha preso la strada opposta. “Crea una sorta di cerchio in cui i giocatori si muovono”, afferma il sociologo e autore Rousseau. È anche paragonato a una giostra, in cui i giocatori di Gestifute si muovono costantemente in una selezione di club che spesso collaborano con il banco. Dal punto di vista calcistico: Mendes fornisce la croce e il gol.

L’agente portoghese probabilmente trascorrerà questa estate viaggiando, chiamando e riorganizzando. Come negli ultimi anni, Mendes metterà in scena ancora una volta una serie di importanti trasferimenti per i suoi clienti, a volte davanti, a volte dietro le quinte. Ora è attivo anche fuori dal mondo del calcio: il portoghese ha già rappresentato gli interessi del tennista Joao Sousa e del pilota di Formula 1 Charles Leclerc. Quest’anno è stato annunciato che entrerà nel ciclismo con la sua azienda, Polaris Sports. rivelato all’inizio di questo mese Attività commerciale Inoltre, Polaris parteciperà anche agli NFT, un metodo per associare la proprietà agli oggetti digitali tramite un token univoco.

Mendes amplia il suo campo di gioco. È l’unica scelta logica per chi ha giocato fuori dal mondo del calcio.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24