Juliaan van Acker – Incombe un punto di svolta nel pensare all’universo

Grazie a Copernico, Galileo e Newton, sappiamo che la storia della creazione nella Bibbia è una storia di fantasia e che la maggior parte dei fenomeni naturali può essere spiegata dalla legge di gravitazione. Con Copernico iniziò il pensiero scientifico sull’universo, mentre in precedenza le persone davano per scontato ciò che la Bibbia diceva sulla creazione. La scienza sta facendo sempre più progressi. Secondo Darwin, l’uomo è il prodotto dell’evoluzione precedente alle grandi scimmie. Freud ha spiegato la religione come una trascendenza dei desideri istintivi repressi. La natura e l’uomo si comprendono meglio. Le leggi furono scoperte in modo da ridurre la necessità di interpretazioni magiche o religiose. La religione doveva diventare sempre più difensiva, ma il materialismo ha trionfato nel ventesimo secolo. Dopo quattrocento anni di progresso scientifico, questo culminò nella secolarizzazione delle masse negli anni ’60.

Una persona razionale non crede più in Dio e rifiuta i dogmi religiosi sulla rivelazione, l’incarnazione di Dio e altri pii articoli di fede. L’uomo razionale basa la sua visione dell’universo e dell’uomo su scoperte e intuizioni scientifiche. È questa la fine della religione o è ingenuo come l’annuncio della fine della storia di Fukuyama?

Nel libro pubblicato questo mese Dio e la scienza ne sono la prova Da Michel-Yves Bolloré e Olivier Bonnassies si sostiene l’esatto contrario di quanto sopra. Boluri è un ingegnere e informatico. Bonnassies è un imprenditore che ha studiato teologia, oltre che educazione artistica. Se guardiamo alle scoperte scientifiche degli ultimi decenni, allora secondo questi autori non ha più senso negare l’esistenza di Dio. Sono proprio gli atei che ora sono irrazionali e chi è ateo è semplicemente ingenuo. Gli atei e gli agnostici ignorano le ultime visioni scientifiche.

READ  diretto | NS consente ai treni notturni di ripartire, uomo (21) con piena aura di coccole nel club dopo l'errore del risultato del test | Corona virus

Questo libro non è un invito alle religioni o alla verità delle scritture. Gli autori si limitano alla questione dell’esistenza di Dio. Dio è da loro definito come “un’entità non spaziale, inesistente nel tempo, non materiale ed è l’origine della creazione dell’universo e che ha permesso all’uomo di esistere”. Secondo Bolloré e Bonnassies, siamo a un punto di svolta nel pensiero delle masse, dove si conciliano pensiero scientifico e religioso.

Mi limito qui a quattro prove tratte da questo enorme libro. In realtà, non si tratta di prove, ma di teorie che vengono confermate da sempre più fatti. Secondo gli autori, le verità assolute esistono solo in matematica (la somma dei tre angoli di un triangolo è di 180 gradi; questo sarà ancora vero tra mille anni). Possiamo solo sviluppare teorie sul mondo e sugli esseri umani che possono o meno essere confermate da nuove ricerche. Secondo gli autori del materialismo, è sempre più difficile preservarlo (cioè non ci sarà anima, né dentro l’universo né fuori di esso).

La prima “prova” riguarda la teoria della morte termica dell’universo. Il sole esiste da quattro miliardi di anni e tra cinque miliardi di anni il sole sarà completamente spento. Poi il carburante si esaurisce e il sole diventa nero e freddo. Questo sarà il caso di tutte le stelle dell’universo. Quindi verrà un giorno, miliardi di anni da oggi, in cui tutte le stelle si estingueranno e lo spazio sarà freddo e vuoto. Se l’universo esistesse per sempre, l’universo si sarebbe estinto molto tempo fa. Quindi la teoria della morte termica ci costringe a credere che ci sia un inizio e che qualcosa o qualcuno sia la sua origine, perché la creazione non può solo dal nulla. Logicamente parlando, quest’ultima sarebbe un’assunzione ridicola.

READ  8 trucchi psicologici per la perdita di peso per un'alimentazione sana

La seconda teoria che conferma l’esistenza di Dio è la grande esplosione-teoria. Questa teoria è contro-intuitiva, perché l’universo è sempre stato ritenuto stabile. Il la grande esplosione-La teoria dice che l’universo si sta espandendo. Questa teoria non era inizialmente considerata scientifica ed è stata derisa. Tuttavia, le osservazioni spettroscopiche della galassia hanno mostrato che l’universo si sta espandendo e che è stata misurata anche la velocità dell’esplosione. Quindi c’è stato un inizio e qualcuno ha creato lo spazio. Confermare la grande esplosioneLa teoria da diverse angolazioni ci costringe a pensare a come tutto questo sia iniziato.

La terza teoria riguarda l’organizzazione precisa dell’universo. L’universo è così complesso che non può essere apparso per caso. Gli autori confrontano quest’ultimo con l’ipotesi che il Boeing 747 possa essere stato creato per caso dalla polvere cosmica. alla velocità appena menzionata la grande esplosione Qualsiasi leggero cambiamento di velocità avrebbe significato che non ci sarebbero stati pianeti e stelle. Lo stesso vale per il clima terrestre: un aumento di due gradi della temperatura significa che la vita non ha mai avuto origine sulla Terra. Se una spiegazione per caso è impossibile o del tutto illogica, deve esserci stato qualcuno che l’ha sistemata in quel modo.

Infine, c’è la teoria dell’origine della vita. Nel secolo scorso, gli scienziati hanno cercato di creare cellule viventi. Dopo la scoperta dell’ADN, dei cromosomi e delle proteine, questi esperimenti furono interrotti. Una cellula vivente è così complessa (e questo è noto solo da vent’anni) che la possibilità che una cellula del genere appaia spontaneamente è tanto piccola quanto la possibilità che una vinca il premio principale di una lotteria ogni settimana per due anni in cui tutti partecipa. Condividi la terra. Richard Dawkins pensava di poter rifiutare l’idea di Dio sulla base della teoria che ci fosse una possibilità che la vita potesse essere apparsa da qualche parte per caso su miliardi di pianeti. Ci sono 10 pianeti nella forza 23. Tuttavia, ora sappiamo grazie alla ricerca ADN che la possibilità che una cellula vivente emerga per caso è inferiore a 1 su 10 su 100.000. Quindi è completamente illogico pensare che la vita sia nata per caso.

READ  Humberto Tan risponde ai commenti "razzisti e omofobi" di Thierry Baudette sull'AIDS

Per Bolori e Bonassis siamo agli albori di una rivoluzione. Le ultime scoperte della scienza stanno convergendo verso la realizzazione che c’è una mente altamente intelligente e creativa all’origine dell’universo e della vita sulla terra e l’uomo che può pensare e ora sembra essere in grado di scoprire Dio.

Un sondaggio mostra che al momento i giovani scienziati credono di nuovo in Dio. Questo è vero, perché recenti scoperte scientifiche puntano in questa direzione.

Avevo un amico che era stato monaco nell’abbazia cistercense per sessant’anni. Era una delle persone più sagge e fortunate che abbia mai conosciuto. Irradiava un’armonia vicina alla verità. Questo monaco sapeva già cosa iniziarono a scoprire le scienze più avanzate del nostro tempo. Tuttavia, potrebbero volerci altri cento anni prima che questa comprensione raggiunga le masse. I lettori di questo articolo ora lo sanno meglio e possono considerarsi fortunati.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24