Jumbo-Visma domina il Dauphiné l’ultima giornata: Vingegaard vince la tappa, vittoria assoluta di Roglic

Jumbo-Visma ha vinto in modo impressionante il Critérium du Dauphiné. Nella tappa finale del Plateau de Solaison, ha visto la formazione olandese Primož Roglič e Jonas Vingegaard dividere il bottino dopo un vero spettacolo ciclistico. Vingegaard è stato il primo a tagliare il traguardo e ha strappato la vittoria sul palco, incoronando Roglic vincitore assoluto.

Nella fase finale del Critérium du Dauphiné ci aspettavamo la scena necessaria. Nel 2017, quando il concorso ha raggiunto l’ultima volta il Plateau de Solaison, ne è seguito uno scenario che avrebbe fatto ingelosire anche il famoso regista britannico Alfred Hitchcock. È stato il giorno in cui Jacob Vogelsang ha ottenuto la vittoria assoluta dopo una corsa pazzesca su Richie Porte dalla maglia del leader. Abbiamo avuto di nuovo una tale tendenza oggi? Con il Col de Plainpalais, il Col de Leschaux, il Col de la Colombière e la recente salita al Plateau de Solaison come carnefici, molto è stato possibile lungo il percorso.

Ciò è diventato evidente all’ora di apertura, a causa di una raffica di attacchi. Pierre Roland ha già assicurato la maglia della montagna nella tappa di sabato a Vaughani, ma ciò non ha impedito all’esperto scalatore di cercare di nuovo l’attacco oggi. Rolland è stato molto attivo nei primi chilometri e ha sfruttato appieno la prima salita di giornata, il Col de Plainpalais. Il pilota di B&B Hotels-KTM è stato indirettamente il grande istigatore del bel giro. Quindici corridori molto forti sono riusciti a separarsi al Col de Plainpalais e hanno ricevuto un passaggio gratuito dagli uomini della Jumbo-Visma, il capitano della squadra Primož Roglič.

Treno di classificazione Jumbo-Visma – Foto: Cor Vos

Un forte gruppo pionieristico con un tocco olandese e belga
Con Eddie Dunbar, Lawrence de Plus (Inios Grenadiers), Matthew Fabro (Bura-Hansgrohe), Bruno Armerell, Michael Storer (Groupama-FDJ), George Bennett (UAE), Antonio Tiberi, Kenny Elisondi, Antoine Tolhoek (Trek-Segafredo) , Simon Geschke (Cofidis), Alexis Vuillermoz (TotalEnergies), Jan Hirt (Intermarché-Wanty-Gobert), Franck Bonnamour, Pierre Rolland (B&B Hotels-KTM) e Gorka Izagirre (Movistar) In contropiede, siamo saliti sul palco Poi sali la pista. Al Col de Leschaux, Roland è stato, ovviamente, il primo a superare la corsa in montagna.

READ  Verstappen condivide i piani per le vacanze invernali: "Ora sono seduto qui con i postumi di una sbornia"

I quindici primi non hanno avuto molta libertà di movimento nel loro percorso verso l’ultima salita all’Altopiano del Solisson, con un anticipo massimo di meno di due minuti. Con Kenny Elesundi come capolista nel gruppo di testa, a 5min 33sec da Roglic in maglia gialla, non c’era pericolo immediato per gli uomini Jumbo-Visma. Tuttavia, la Brigata Gialla e Nera ha deciso di imporre un ritmo serrato al gruppo, in modo da mantenere la fuga a portata di tiro. Ai piedi del Col de la Colombière, penultima salita di questa tappa, il dislivello tra i due gruppi era di circa due minuti.

I primi fuggiaschi – Foto: Cor Vos

Col de la Colombière provoca una scelta seria
Ai lati del Colombiere è esploso il gruppo di testa ei migliori arrampicatori hanno saputo separarsi. Il Re della Montagna Roland lo lasciò correre su questa penultima salita: si scopre che il Re della Montagna non ha un arsenale di forza inesauribile. Armirail, Dunbar, Storer e Bennett avevano ancora le riserve necessarie e si allontanarono dai loro amici. Senza brontolare, Armirail ha deciso di sacrificarsi per il suo compagno di squadra Storer e ha deciso di sfrecciare verso la vetta. Con tre chilometri da percorrere, l’Armirail era fatto e quattro corridori sono rimasti al culmine della corsa.

Poco prima della vetta di Colombierre, de Bliss e Hurt si sono uniti ai quattro concorrenti che sono riusciti a rientrare dalle retrovie. Inoltre ha anche catturato la maggior parte dei punti montuosi in cima al Col. Poi l’attesa è stata di un minuto e mezzo per il passaggio del gruppo, nel frattempo piuttosto debole. A causa del ritmo serrato dei ragazzi della Jumbo-Visma, il gruppo dei favoriti si è ridotto a una quarantina di corridori, ma abbiamo dovuto aspettare ancora un po’ per i veri fuochi d’artificio. La vetta del Colombiere era a 38 chilometri dalla fine, al di sotto dell’ultima salita a un’altitudine di undici chilometri.

READ  Verstappen saluta il modo in cui la Red Bull sta affrontando il budget in questa stagione | proprio adesso

Ovviamente subentra Jumbo-Visma, ecco come piaceva al “maestro maggiordomo” di Kruesvik
Nell’affondamento di Colombier, Van Aert ha fatto la parte del leone nel pool di candidati e il detentore della maglia verde belga ha tagliato quasi a metà il vantaggio del primo girone. Alla fine della salita finale mancava solo un minuto, quindi non c’era molto ritardo in attacco. Hurt ha visto il pericolo e ha deciso di decollare da solo per dieci chilometri per tagliarlo. Nel frattempo, Jumbo-Visma era impegnata ad allentare le cose. Il potente Stephen Kruesvik ha dato il ritmo a Roglic e Vinggaard: è andato davvero veloce per piloti come David Gawdo, Brandon McNulty e Tobias Johansen.

Kruijswijk ha un impatto – Foto: Cor Vos

Il pool di candidati, che ora comprende solo sette corridori, è riuscito a recuperare un’ultima pausa anticipata con George Bennett a sei chilometri dalla vetta. Poi è arrivato il momento di attendere con ansia un duello tra i corridori che facevano ancora parte del gruppo d’élite: Roglic, Vingguard, Ben O’Connor. Esteban Chaves e Jack Haig. Il potentissimo Kruijswijk ha fatto un ultimo giro e poi è toccato ai miei piloti Jumbo-Visma finirlo. Vingegaard ha accelerato, Roglic lo ha seguito, ma per O’Connor, Chavez e Haig questo si è rivelato un attacco molto grande.

Roglic e Vinggaard rubano la scena
Vingegaard e Roglič, i due lottatori Jumbo-Visma, hanno percorso a vapore gli ultimi chilometri verso la vetta. Il potente O’Connor è riuscito a mantenere la differenza entro i limiti ed è salito sul podio, ma non ha potuto nemmeno competere con il dominio di Jumbo-Visma. Nel frattempo, il leader della classifica Roglic e Vingguard si dividono la testa e iniziano insieme l’ultimo chilometro. Roglic sapeva che la vittoria totale non poteva più sfuggirgli e ha lasciato la vittoria di tappa a Vinggaard. Due corridori Jumbo-Visma hanno tagliato il traguardo fraternamente, dopo un’impressionante dimostrazione di forza nella salita finale.

Vingegaard e Roglič verso l’1-2′ – Foto: Cor Vos

Poi abbiamo dovuto aspettare O’Connor, che ha dovuto cedere alla coppia Jumbo-Visma solo per 15 secondi al traguardo e così si è assicurato l’ultimo punto sul podio al Dauphiné. Due piloti EF Education-EasyPost, Chaves e Ruben Guerreiro, hanno tagliato il traguardo al quarto e quinto posto. Per Roglic, la sua vittoria assoluta al Critérium du Dauphiné è una grande spinta sportiva in vista del Tour de France. Vingegaard ha anche dimostrato nella preparazione francese di essere pronto La Grande Boucleche inizierà tra sole tre settimane a Copenaghen, in Danimarca.

READ  Lo sport in breve: Joost Luiten fuori dai primi dieci nel Made in Himmerland | sport

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24