Kimberly ha perso il suo bambino a causa del parvovirus: “Si poteva prevenire” | Notizie RTL

Il parvovirus è innocuo per quasi tutte le persone, ma può essere fatale per i bambini non ancora nati. I medici del LUMC avvertono di una “epidemia senza precedenti”. Kimberly e Julianne hanno perso il loro bambino a causa del virus. Raccontano la loro storia a RTL News.

“All'inizio di quest'anno ero incinta del nostro secondo figlio”, dice Kimberly Bospoulas. “Ero incinta di 19,5 settimane e ho fatto un'ecografia alla 20a settimana il 15 febbraio. Quel giorno abbiamo scoperto che il cuore aveva smesso di battere. Mi ha colpito come una bomba.”

Dicono che lei e il suo compagno, Julian Hillybreakers, siano finiti sulle “montagne russe”. Il giorno dopo la notizia, si recarono da un ginecologo, dove la triste notizia fu confermata. Due giorni dopo, fu indotto il travaglio e Lewin fu portato dentro.

“Perché il cuore si è fermato?”

“Per noi, il grande punto interrogativo era perché il suo cuore si fosse fermato”, dice Kimberly. “Poi è iniziata la nostra ricerca e avevamo molte domande. Poi abbiamo deciso di fare una risonanza magnetica, un esame del sangue e un test della placenta.”

Il parvovirus si trova nel sangue e nella placenta. I medici del Leiden University Medical Center (LUMC) hanno messo in guardia contro questo virus questa settimana. Negli esseri umani, la quinta malattia è causata da un virus, che è quasi sempre innocuo. Ma per i bambini non ancora nati, se non trattati, possono essere fatali.

Kimberly sottolinea che non avevano mai sentito parlare della quinta malattia prima di questo dramma. Quando ho letto questo, ho appreso dei sintomi che gli adulti spesso sperimentano dopo l'infezione. “Soffrivo di formicolio alle mani e ai piedi e avvertivo anche un forte intorpidimento degli arti. Questi disturbi continuarono per diverse settimane.”

READ  Il numero di dosi del vaccino HPV può variare da tre a due

La coppia ha un figlio di 3 anni, Masin. Kimberly potrebbe aver contratto la quinta malattia da lui o dal rifugio, ma non lo sanno per certo. “Nostro figlio non aveva macchie, come si vede normalmente nella quinta malattia. Nemmeno lui era malato.”

Immagine © Immagine propria
Masine con Kimberly e Julian

Julian dice di aver visto i risultati dello studio online. “Noi sosteniamo per più tempo nel settore sanitario. Si ha la sensazione che le liste dovessero essere spuntate rapidamente durante l'ecografia. Con l'ecografia a 13 settimane, anche tutto doveva essere fatto rapidamente. Ci auguriamo che gli ecografisti abbiano “Più tempo per questo tipo di esami da ora in poi.”

“Si poteva evitare”

Kimberly: “Semplicemente non c’è abbastanza tempo per sottoporsi al test correttamente. Credo che la conoscenza su questo virus debba essere migliore. Ho menzionato più volte che ho sofferto di dolori ai piedi e alle mani. È qui che dovrebbero suonare i campanelli d’allarme suonato.” Ci sarà più consapevolezza negli asili nido. “I genitori incinti dovrebbero essere allertati più rapidamente se ci sono bambini all'asilo affetti dalla quinta malattia.”

Secondo Julian la crescente attenzione ai pericoli del virus mette in difficoltà la coppia. “Ora tutto viene rimesso in discussione. Stiamo cercando di convivere con questo. Ora che leggiamo che si sarebbe potuto prevenire con i giusti test e conoscenze, sembra un colpo alla nuca.” Un articolo del professore Ho letto che molti bambini sopravvivono con un intervento tempestivo. Questo è doloroso per noi. “Ma se possiamo aiutare altre coppie a prevenire questo, siamo felici di condividere la nostra storia.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24