La banca centrale tedesca mette in guardia le banche contro le promesse di rimborso “trascurate” mentre l’economia rallenta

Si è unito ad altri regolatori della Banca centrale europea nel chiedere agli istituti di credito di conservare il loro capitale – un messaggio che ha turbato i banchieri mentre cercano di attirare gli investitori nelle loro azioni malridotte.

“Mettiamo in guardia le banche in linea di principio dal fare promesse a medio termine agli investitori sui pagamenti dei dividendi”, ha dichiarato in un’intervista Wuermeling, membro del consiglio di sorveglianza della Banca centrale europea e supervisore dei maggiori finanziatori della zona euro.

“Se mantieni queste promesse, anche se l’ambiente cambia drasticamente, ti troverai di fronte a un dilemma molto difficile”.

Le banche stanno registrando profitti record, annunciando dividendi e riacquisti di azioni proprie, sostenute da tassi di interesse in forte aumento e da un boom commerciale dopo oltre un decennio di rendimenti per lo più scarsi.

L’UniCredit italiana ha fissato una cifra difficile per la remunerazione degli azionisti nell’ambito di un piano fino al 2024, nonostante la preferenza della Banca centrale europea per i rapporti di pagamento. E Andrea Orsel, amministratore delegato della società, si è impegnato a raggiungere l’obiettivo di 3,75 miliardi di euro di interessi il prossimo anno.

In Germania, dove la Bundesbank si aspetta una lieve recessione il prossimo anno, Deutsche Bank vuole aumentare il suo prossimo dividendo del 50% come parte di un piano per pagare 8 miliardi di euro (8,22 miliardi di dollari) entro il 2025.

Commerzbank pagherà un dividendo il prossimo anno per la prima volta dal 2020.

Wuermeling ha affermato che nei propri piani, le banche tedesche hanno aumentato solo modestamente i propri coefficienti di pagamento e che la maggior parte delle banche dovrebbe essere in grado di mantenere i coefficienti patrimoniali anche a fronte di grandi aumenti di profitto in termini assoluti.

READ  L'industria esce dalla Corona Valley dopo un anno • Pump NL

Ma ha aggiunto che gli enormi guadagni di quest’anno non dovrebbero portare a “negligenza”.

“Il prossimo anno potrebbe essere un po’ più freddo, motivo per cui raccomandiamo di mantenere il capitale in banca in modo che sia disponibile per compensare eventuali perdite”, ha affermato.

“La situazione attuale che è ancora buona non dovrebbe portare all’incuria”.

Ha aggiunto che la Bundesbank era “poco entusiasta” della decisione della Commissione europea di ritardare l’attuazione delle regole di Basilea III fino al 2025, ma ha affermato che si trattava di “solo una deviazione temporanea” dagli standard concordati a livello globale.

($ 1 = 0,9740 euro)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24