La capitale italiana del violino si riprende con la musica del Covid-19

Lima vive a Cremona da sedici anni e ha frequentato la scuola di liuteria di Antonio Stradivari. Sopra Stradivari Cremona deve la sua fama di città di liutai. Se il padre del violino è Amadi, il maestro dello Stradivari. Nessun costruttore ha mai accordato il suono di questo strumento quanto Stradivari, nato a Cremona nel 1644 e lì morto 93 anni dopo. Nel frattempo ha prodotto più di mille violini perfetti, per alcuni Fino a sedici milioni di dollari Sono venduti.

Un nuovo Conservatorio

Fortunatamente, i visitatori di Cremona non devono essere ricchi per vedere o ascoltare uno dei capolavori di Stradivari. In modo impressionante Museo del violino Di fronte alla piazza lignea Marconi sono gli strumenti realizzati da Stradivari. C’è anche un auditorium dove suona i suoi violini seguendo brani da solista.

Il museo espone le collezioni del comune di Cremona e della Fondazione Walter Staffer. Quest’ultimo sistema aiuta a recuperare Gromona aprendo lo Staffer Center for Strings il 1 ottobre. Pavlo Pedrocelli, direttore del centro, ha affermato che gli studenti possono accedere a tutti i programmi gratuitamente grazie alla borsa di studio completa. Questo è uno dei passi per preservare il futuro del patrimonio musicale cremonese.

Pur pesantemente colpita dall’epidemia di Cremona, la fondazione non ha mai pensato di costruire il centro altrove. “Eccoci qui”, ha detto Petrocelli. Si riferisce così alla città e al centro di Palazzo Stradiotti, palazzo ristrutturato a partire dal XVII secolo.

Mentre lo Staffer Center si prepara ad aprire, alcune delle scuole di liuteria stabilite a Cremona hanno la fortuna di essere ancora attive. Quando sono andato in città prima dell’epidemia, The Academia chromonensis Pieno di entusiasmante liuteria da parte di studenti provenienti da Europa, Asia e Stati Uniti. Il co-fondatore, Massimo Lucci, si è guardato intorno nel grande campus mentre spiegava con entusiasmo i piani per l’espansione. Questo mese Lucy mi ha detto che era sfuggita alla sua epidemia scolastica.

READ  L'Italia attira meno a Wembley che Roma, ma scappa contro l'Austria

Il reddito della scuola è crollato perché molti studenti non possono trasferirsi a Cremona. La scuola era aperta durante la maggior parte delle epidemie, quindi gli studenti stranieri non sarebbero rimasti soli nel loro appartamento. “Siamo stati felici di vedere i nostri studenti provenienti da tutto il mondo aiutarsi a vicenda e creare una piccola comunità nella desolata e infestata Cremona”, afferma Lucy.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24