La cattiva pubblicità è anche pubblicità: il film porta a Gucci quasi 100…

Lady Gaga Patricia Reggiani ne “La casa di Gucci”. © AP

Scandali e litigi all’interno della famiglia consolidata, con il triste culmine di un omicidio. Non c’è da stupirsi che alla famiglia della moda italiana non sia piaciuto il film “La casa di Gucci”. Ma la stessa casa di moda, dove non lavorava più nessuno della famiglia, era molto più positiva. Dopotutto, la cattiva pubblicità è anche pubblicità.

Gucci HouseIl film di Lady Gaga che ha colpito gli schermi la scorsa settimana arriva in un buon momento per la casa di moda di lusso italiana. Mentre i rivali francesi LVMH – meglio conosciuti come Louis Vuitton e Dior – e Hermès sono emersi dalla crisi di Corona e si sono rafforzati, Gucci sta affrontando tempi difficili. Un volume d’affari simile nel terzo trimestre è aumentato per gli italiani solo del 3,8 percento, poiché LVMH ha aggiunto quasi il trimestre (+24 percento) e Hermes ha visto aumentare le sue vendite del 31 percento.

Leggi anche. La famiglia dietro la casa di moda di fama mondiale non ha voluto guardare la casa di Gucci: “Mio nonno era un uomo molto bello, e non era una persona brutta come un attore” (+)

E mentre il film non dipinge un bel quadro della famiglia della moda italiana che ha fondato Gucci nel 1921 ma ha lasciato del tutto l’azienda nel 1993, sono stati più che felici nella sede di Milano di mostrare alcuni dei siti e dei manufatti della sua stessa storia . La collezione a disposizione dei registi. Gratuitamente e gratuitamente, perché l’amministrazione sa anche che un film del genere – e sicuramente con attori del genere – genera pubblicità inestimabile.

L’agenzia di branding Launchmetrics, specializzata nella moda, ha calcolato che da settembre sono stati inviati online più di 25.000 messaggi su Gucci House In primo piano su siti di notizie e social media. Il suo valore da solo è stimato intorno ai 93 milioni di euro. A ciò si aggiunge il valore del lancio del prodotto: le aziende generalmente pagano da € 50.000 a € 250.000 – a seconda del successo previsto del film – per ogni prodotto chiaramente filmato, scrive il quotidiano economico olandese. alimentato. Dal momento che il film è una grande festa per la moda e gli accessori Gucci, il conto sarebbe stato ben gonfiato se Gucci avesse dovuto pagarlo da solo. Complessivamente, il film offre alla casa di moda una vasta gamma di pubblicità gratuita.(pavimento)

READ  Dal cane al cavallo: questi gli animali da spettacolo del 2021

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24