La Cina è arrabbiata per le critiche dei Paesi Bassi e di altri paesi | All’estero

La Cina è stata a lungo accusata di reprimere la minoranza musulmana uigura nello Xinjiang. L’inviato francese ha letto una dichiarazione alle Nazioni Unite a nome dei 43 paesi interessati. La dichiarazione congiunta ha citato “rapporti credibili” sull’esistenza di campi di rieducazione politica nello Xinjiang. Si dice che vi siano detenute più di un milione di persone.

Gli Stati hanno affermato che anche le segnalazioni di violazioni diffuse e sistematiche dei diritti umani nella regione sono motivo di preoccupazione. Ciò include la tortura, la sterilizzazione forzata, la violenza sessuale e la rimozione forzata dei bambini dai genitori. Inoltre, la libertà di religione e la libertà di movimento dei residenti dello Xinjiang saranno severamente limitate.

Gli Stati chiedono alla Cina di adempiere ai suoi obblighi internazionali in materia di diritti umani. Questa richiesta non è stata ben accolta con Pechino. L’inviato cinese delle Nazioni Unite Zhang Jun ha definito le accuse “infondate” e ha lamentato che i diritti umani vengono utilizzati dai paesi come pretesto per interferire negli affari interni della Cina.

La missione cinese delle Nazioni Unite ha successivamente pubblicato una scheda informativa che descrive in dettaglio le violazioni dei diritti umani presumibilmente commesse da Stati Uniti, Regno Unito e Francia. Ad esempio, gli Stati Uniti accusano la polizia di brutalità contro i neri americani. La Cina ha affermato che la Francia avrebbe “macellato” decine di migliaia di persone durante il periodo coloniale.

READ  Gli Stati Uniti vogliono portare a casa gli haitiani sotto il Texas Bridge

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24