La coalizione di Urban mira al diritto dell’UE قانون

Forze della Destra Radicale in Europa rimontare. Sedici partiti nazionalisti hanno presentato, venerdì, una dichiarazione sul futuro dell’Unione europea. Tra questi ci sono nomi famosi: il Raduno Nazionale di Marine Le Pen, il Partito Polacco Diritto e Giustizia di Kaczynski e Morawiecki, la Lega italiana Matteo Salvini, i Fratelli dell’Italia post-fascista della sua connazionale Giorgia Meloni, oltre alla spagnola Fox . Dal Belgio, Vlaams Belang e dai Paesi Bassi partecipano al Forum JA21.

Il nuovo uomo forte di questo gruppo è il primo ministro ungherese Viktor Orban. Il suo ritiro dal Partito popolare europeo (PPE) di centrodestra questa primavera segna un punto di svolta nelle relazioni politiche dei partiti europei. Per anni il partito di Kohl, Merkel, Barroso, Juncker e von der Leyen ha tenuto una mano sopra la testa. Era meglio avere Orbáns Fidesz dentro la tenda piuttosto che fuori, l’idea era. La volontà di potenza ha la meglio sui principi democratici fondamentali.

Durante la crisi dei migranti del 2015-2016, il leader ungherese sperava di poter assumere la guida del Partito popolare europeo (PPE) trasformando il centrodestra in una destra nazionalista. Anche nell’Europa occidentale, Orbán può contare sulla simpatia come valori conservatori e crociati anti-arabi. Dopo di che, ha attraversato così tante linee rosse – con attacchi alla libertà di stampa, ai giudici, agli immigrati, all’università e ai suoi colleghi politici – che le concessioni al PPE sono diventate inopportune. Poco prima di essere licenziato ufficialmente, Urban è giunto alle sue conclusioni. Ora sta cercando una combinazione di forze nazionaliste europee. Almeno questo è chiaro.

Un autocrate che appartiene ancora alla famiglia di centrodestra è il primo ministro sloveno Janš Jansa, un tuttofare Orbán che nel suo paese è soprannominato “Minnie Trump”. Il suo paese è presidente dell’Unione europea dal 1 luglio, cosa Minare la democrazia e lo stato di diritto un altro giornoLeggero. Jansa sta anche giocando con l’idea di lasciare il PPE: “Abbiamo altre opzioni”, ha detto in risposta alla dichiarazione di Orban e Le Pen.

READ  Come reagiranno i paesi delle vacanze ai numeri di infezione olandesi?

La scorsa settimana, l’apertura ufficiale della presidenza slovena ha fatto subito scalpore: durante un incontro con 27 commissari europei, il primo ministro Jansa ha mostrato una foto di un alto giudice sloveno accompagnato da un membro del parlamento socialista come prova di parzialità politica. Frans Timmermans, il massimo socialdemocratico sotto i 27 anni, si è rifiutato di fare una foto con Jansa, a cui gli sloveni lo hanno insultato.

Non è un caso che l’indipendenza dei giudici stessi abbia portato a questa scaramuccia a Lubiana. I governanti nazionalisti dell’Europa centrale e orientale stanno gradualmente sopprimendo il potere legale compensativo nei loro paesi. I tribunali filo-governativi sono sempre più coinvolti in una controversia con la Corte dell’Unione Europea in Lussemburgo.

Anche il manifesto dei partiti nazionalisti fa un buon punto: “Tutti i tentativi di trasformare le istituzioni europee in organismi che prevalgono sulle istituzioni costituzionali nazionali stanno creando il caos”. Questo non ha senso. Dagli anni ’60, il diritto dell’UE è “primato” sul diritto nazionale. Ciò è stato fatto su base pragmatica: se i giudici nazionali interpretassero diversamente le regole (economiche) dell’UE, non si potrebbe costruire un mercato interno, che è ciò che vogliono gli Stati membri. È una regola pratica di precedenza per evitare il caos nelle transazioni legali, non un’espressione di sovranità politica.

La Corte suprema tedesca, in particolare, si è sempre opposta all’interpretazione estensiva di questo principio. Secondo i giudici di Karlsruhe, la priorità è stata concordata sulla legislazione ordinaria dell’UE, ma non sulla costituzione tedesca, sulla democrazia e sui diritti fondamentali. Poiché l’Unione non è uno Stato, la Corte dell’UE non può effettivamente designarsi come Corte Costituzionale Suprema o come controparte a pieno titolo della Corte Suprema degli Stati Uniti. Ciò richiede dialogo. Tuttavia, nel maggio 2020, il tribunale tedesco ha fatto un ulteriore passo avanti nel contestare la sentenza del tribunale dell’UE sulla politica di crisi della Banca centrale europea.

READ  Honda soddisfatta dopo venerdì in Spagna: 'giornata semplice, tutto è filato liscio'

Non tempismo innocente. I tribunali più alti di Polonia, Romania e Ungheria erano rumorosi: con il sostegno del fratello maggiore di Karlsruhe, anche loro stavano ignorando sempre più le disposizioni dell’Unione europea – relative allo stato di diritto. Il commissario europeo Didier Reynders (Giustizia) ha recentemente affermato di temere la continuità dell’esistenza dell’UE se la regola della priorità non viene rispettata. Mostra come le più alte corti sono attratte dalla lotta politica.

L’uscita di Orbán dal PPE non solo fornisce chiarezza politica di parte, ma potrebbe anche indurre la Commissione a intraprendere azioni legali più dure, poiché Ursula von der Leyen a Bruxelles – e il suo ex presidente, Merkel a Berlino – non devono più proteggerlo come partito. membro.

Luca Nespolo Filosofo politico, storico e professore di diritto dell’Unione europea (Leida).

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24