La Commissione europea chiede sanzioni contro la Polonia per la controversa camera disciplinare

La Commissione europea si rivolge alla Corte di giustizia europea per chiedere una multa alla Polonia. Secondo la commissione, il Paese non ha dimostrato che porrà fine alla controversa camera disciplinare per i giudici.

La Polonia e la Legazione erano in conflitto da tempo per l’indipendenza della magistratura polacca. La Camera disciplinare dovrebbe essere composta principalmente da giudici che hanno criticato il governo e le riforme. Questa è una spina nel fianco della Commissione europea, che si batte per l’indipendenza della magistratura. All’inizio di quest’anno, la Corte di giustizia europea ha stabilito che la Camera disciplinare violava il diritto europeo.

Il fatto che la Commissione stia facendo questo passo mostra come le relazioni con la Polonia si siano deteriorate negli ultimi anni. Di solito, quando un paese infrange le regole, la commissione cerca di trovare una via d’uscita attraverso una via diplomatica. Ma sembra che il tempo delle chiacchiere sia finito e la commissione ha inventato i cannoni più pesanti per difendersi dalla Polonia.

smontato

Il mese scorso, la Polonia ha detto di ritrattare, che la camera disciplinare sarà smantellata. Ora sembra che il Comitato non sia soddisfatto di questo. La Polonia non avrebbe spiegato adeguatamente come sarebbe stata smantellata la Camera disciplinare.

Inoltre, il Paese continuerà a violare le regole europee. Ad esempio, secondo la commissione, la Polonia ha recentemente avviato un procedimento disciplinare contro un giudice. Il commissario europeo Didier Reynders ha dichiarato: “Ho sempre affermato che la Commissione non esiterà a prendere le misure necessarie per attuare le leggi europee”.

READ  Un falso sondaggio risolve il doppio omicidio del 1976

Importo eccezionale della penale

La Corte di giustizia europea esaminerà nuovamente il caso e potrebbe imporre una sanzione. La Polonia riceverà quindi una multa che aumenta ogni giorno finché non si conformerà alla legislazione europea. Nel determinare l’importo della sanzione, il giudice tiene conto della gravità della violazione e del PIL del paese.

Secondo il viceministro della Giustizia polacco Sebastian Kalita, la Commissione europea sta bloccando illegalmente i fondi in Polonia. Lo chiama “Atti di aggressione” su Twitter. Ha detto che dopo l’approvazione del bilancio congiunto, le istituzioni dell’UE avrebbero intrapreso un “attacco illegale”.

Spesso non viene inflitta alcuna sanzione a un paese dell’Unione europea. La prima e l’ultima volta è stata anche la Polonia. Lo stato ha dovuto pagare una multa per Abbattimento di alberi nella foresta primaria. La Polonia è stata poi multata di 100.000 per ogni giorno in cui è stato tagliato.

Ancora una volta, la Commissione vuole che la Polonia venga multata quotidianamente. Nelle prossime settimane sarà chiaro se e quanto sarà inflitta la sanzione.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24