La concorrenza non giova a questa conoscenza

Una foglia ricerca Organizzazione olandese per la ricerca scientifica Nel numero estivo “La scienza come miglior sport”. In molti contributi, questa metafora è elaborata come, ad esempio, “il desiderio di vincere”,la sopravvivenza del più forte‘, e ‘Cercando il meglio’ Introduzione del CEO Marcel Levy La spinta a ottenere risultati sempre migliori deriva dall’ambizione dei ricercatori di essere “i migliori nel loro campo”. Il premio è un “posto sul podio” sotto forma di attenzione mediatica al primo vincitore che ha realizzato una grande invenzione.

vario ricercatori Commenta questa prospettiva. Perché lei lo fa nessun diritto Preoccuparsi di essere troppo grande Carico di lavoro, scarsità di posti di lavoro e finanziamenti per la ricercaE sta crescendo Stress e stanchezza tra i giovani ricercatori. Ignora anche il fatto che comune Standard Chi è “migliore” Non quasi come un obiettivo È come spesso si pensa. Inoltre, le immagini contraddicono le scoperte scientifiche Ricerca, dimostrando che i ricercatori considerano il loro lavoro invitante e prosperano in una cultura di collaborazione, creatività e inclusione.

metafora sportiva top top

La competizione scientifica evocata dalla metafora dello sport d’élite non è solo dannosa per i singoli ricercatori. Ci sono anche effetti collaterali indesiderati per la scienza nel suo insieme, e sono spesso Ricerca Documentato.

Leggi anche: Non dare soldi solo alle stelle

In primo luogo, l’attenzione alla competizione e il desiderio di “vincere” sembrano interferire con lo scambio di conoscenze e informazioni importanti. Questo mina cooperazione All’interno e tra le discipline, la creatività limita i ricercatori. Non è sempre appropriato inventare qualcosa di “prima”. Ma alimentare questa ambizione significa che i ricercatori oi gruppi di ricerca hanno maggiori probabilità di attirare l’attenzione su una nuova scoperta e di esagerare il suo valore di notizie.

READ  La scienza dietro un giornalista ubriaco

Forse lo fanno troppo in fretta, perché li rende anche meno desiderosi di verificare la qualità o l’utilità delle “nuove scoperte”.

L’enfasi sulla concorrenza alimenta la cattiva condotta scientifica

In secondo luogo, l’ordine dei ricercatori o dei gruppi di ricerca sembra incoraggiare un comportamento strategico. Le persone si concentrano principalmente sui risultati con cui possono “segnare”. Tutto ciò che non può essere facilmente misurato riceve meno attenzione. Tuttavia, vi è un crescente consenso sul fatto che a Ampia gamma di standard Necessario per risultati e contributi significativi alla scienza riconoscimento e apprezzamento. Come la formazione e la supervisione di giovani ricercatori.

Chiunque trovi importante questo genere di cose si frustra e scompare dalla scienza troppo tardi Ricerca tra gli studiosi olandesi. Questo non è coerente con l’internazionale sforzi Migliorare i criteri di valutazione del lavoro scientifico e minare l’impegno diversità di persone e punti di vista.

Leggi anche il commento di NRC: L’integrità non è in un blog ma in una cultura

In terzo luogo, l’attenzione alla concorrenza sembra ridurre la sicurezza sociale sul posto di lavoro e Cattiva condotta scientifica Per lavorare a portata di mano. La scarsità di risorse e posizioni e la pressione per portare “grandi premi” possono essere così grandi che le persone iniziano a fare cose che non accetterebbero mai in altre circostanze. Ciò include esempi più che ovvi di plagio o fabbricazione di dati. Se le persone fanno “tutto” per vincere (da sole o in squadra), questo si traduce anche in risultati di lucidatura, sabotaggio dei “concorrenti”, interferendo con il processo di revisione tra pari o manomettendo i nomi dei ricercatori partecipanti. Questo è evidente anche dal diverso Ricerca. Enfatizzare la competizione scientifica e presentare la scienza come uno sport di punta è in contrasto con il desiderio prevalente di aumentare la sicurezza sociale e l’integrità scientifica.

READ  Spazio rimanente nei padiglioni GGD: sempre più 60enni si aspettano di invitare | Corona virus

buono al vapore

Questo è tutto persona ben nota Svantaggi dei sistemi competitivi. Ma la “scienza come sport migliore” potrebbe dare risultati migliori? Purtroppo nemmeno quello. Ad esempio, i ricercatori non lo sono può essere dimostrato È più produttivo nei paesi in cui il sistema di distribuzione delle risorse di ricerca li costringe a competere tra loro rispetto ai paesi in cui ciò non avviene. E all’età in cui finisce la carriera sportiva media senior, molti scienziati si accontentano solo della velocità.

Leggi anche questo articolo: Il carico di lavoro è maggiore che mai e per il momento non cambierà nulla

Il progresso scientifico beneficia della condivisione aperta della conoscenza, della diversità di visioni, dell’integrità sociale e dell’integrità scientifica. Questi sono tutti temi su cui NWO vuole investire e che richiede un clima aziendale appropriato. La curiosità scientifica e l’urgenza dei problemi sociali sono ragioni più che sufficienti per la maggior parte dei ricercatori per impegnarsi pienamente e voler lavorare per lungo tempo alle migliori soluzioni.

La scienza riguarda ciò che ancora non sappiamo. A volte solo anni dopo diventa chiaro quale fosse il significato di alcune scoperte, o chi vi abbia dato il maggior contributo. Le sfide che i ricercatori devono affrontare richiedono un clima aziendale in cui “punteggio”, “vincita” e “posto sul podio” siano soggetti alla condivisione delle conoscenze e possano attingere a principi scientifici condivisi. Il clima competitivo alimentato dalla grande metafora sportiva fa più male che bene.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24