“La consapevolezza della nostra stessa mortalità può farci lavorare di più” | Chantal van der Leste

La psicologa comportamentale Chantal van der Liss esamina il nostro comportamento sul posto di lavoro: chi o cosa determina le nostre decisioni quotidiane? Oggi: pensando alla morte

Immagine di trincee, incisione di un cowboy che spara a qualcuno, ritratto spettrale. L’arte nell’azienda che sto visitando non è esattamente appariscente. Cerco di non vederla e di concentrare la mia attenzione sulla mia conversazione, ma mi distraggo. Perché qualcuno dovrebbe scegliere di impostare il proprio posto di lavoro in un modo così orribile, si chiede lo psichiatra dentro di me.

Una volta tornato a casa, sarò vicino al mio orecchio sulla teoria della gestione del terrore. L’idea è che noi umani dobbiamo convivere con una verità scomoda: moriremo un giorno. Per far fronte a questa paura, ricorriamo a qualcosa che dia senso alla nostra vita e ci faccia vivere dopo la morte. Cerchiamo di lasciarci qualcosa alle spalle – un bambino, un libro, un vaso di fiori che hai creato tu stesso – o di aggrapparci a un gruppo, movimento o cultura a cui apparteniamo che va oltre il nostro tempo limitato sulla terra.

Sanzioni più dure e donazioni più generose

E più ci viene ricordato la nostra mortalità, più è difficile per noi annullare queste convinzioni e questi costumi. Una grossa stronzata, secondo i partecipanti a questi studi. Ma il loro comportamento è cambiato. Se fai pensare alla morte i giudici, diventano più severi nei loro giudizi. Le persone a cui è stato chiesto di donare in beneficenza sono diventate più generose nei confronti di un’impresa di pompe funebri. Ma poi, quella carità doveva impegnarsi per persone come loro. Quindi pensare alla tua mortalità ha effetti positivi su chi ti circonda, ma in realtà diventi più difficile per le persone che non appartengono al tuo “gruppo”.

READ  Non aver paura di mostrare la tua paura: "Fingevo di essere una storia di successo"


citazioni

Pensare alla propria mortalità ha effetti positivi su coloro che ci circondano, ma in realtà diventi più difficile per le persone che non appartengono al tuo “gruppo”.

E allora il tuo lavoro? Dopotutto, i tuoi colleghi sono anche la tua tribù e tu appartieni alla tua azienda. Ti senti più coinvolto nel tuo lavoro quando ti viene in mente la morte? I ricercatori americani hanno messo alla prova quasi 100 studenti. Se hanno studenti che scrivono della loro morte, allora indicano che sono più appassionati ed entusiasti della loro università rispetto agli studenti che hanno scritto di cure odontoiatriche dolorose.

Nel Medioevo, i monaci mettevano un teschio sulle loro scrivanie per ricordare la loro morte. Ma questo potrebbe essere un po’ troppo lontano per i tuoi colleghi.

Vuoi saperne di più sulla psicologia e sul lavoro? Leggi i libri di Chantal Perché i perfezionisti sono raramente felici, 13 consigli contro la perfezione (2021) e Our Mistaken At Work (2018).



Guarda tutti i nostri video di lavoro e carriera qui:



We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24