La controversa marcia della bandiera a Gerusalemme è stata annullata e la polizia si rifiuta di marciare

Giovedì è stata annullata una marcia con bandiere israeliane attraverso la Città Vecchia di Gerusalemme. La polizia non ha acconsentito alla strada. I manifestanti ultranazionalisti volevano attraversare il cancello delle colonne e attraversare il quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme est, dove quattro famiglie palestinesi sono a rischio di sfratto. Hamas ha minacciato di rinnovare le violenze se la marcia avesse avuto luogo.

Il raduno era originariamente previsto per il 10 maggio, giorno in cui Israele celebra l’occupazione di Gerusalemme Est del 1967. I palestinesi l’hanno vista come una provocazione, soprattutto alla luce degli sgomberi imminenti. A causa delle tensioni, la rotta è stata cambiata all’ultimo minuto e la marcia è stata interrotta. Ma Hamas ha aperto il fuoco quel giorno Missili su Gerusalemme. Questo è stato seguito da 11 giorni di raid aerei su Gaza da parte dell’esercito israeliano e da ulteriori lanci di razzi da parte di Hamas.

I manifestanti ora volevano che la marcia si svolgesse di nuovo lungo il percorso originale. Organizzatori e politici di estrema destra ora accusano la polizia di “arrendersi al terrore”, afferma Itamar Ben Gvir del partito di estrema destra Otzma Yehudit. Un portavoce di Hamas ha detto all’agenzia di stampa Reuters che Hamas considera la decisione una prova che Israele ora “vede i pericoli di attraversare questa linea rossa”. Il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz aveva già chiesto alla polizia di non consentire la marcia, per non rinnovare le tensioni tra ebrei israeliani e palestinesi.

Corte Suprema

Allo stesso tempo, l’evacuazione delle quattro famiglie palestinesi potrebbe essersi avvicinata a Sheikh Jarrah. Quella questione è stata una delle cause della tensione tra Israele ei palestinesi, che in seguito ha portato al conflitto armato nella Striscia di Gaza.

READ  Un'indagine su come il primo ministro britannico Johnson ha finanziato la ristrutturazione della sua casa

La Corte Suprema israeliana sta valutando la possibilità di impugnare lo sfratto delle famiglie palestinesi. Affrontare questo caso È stato posticipato il mese scorsoDopo che il procuratore generale israeliano Avichai Mandeblit ha detto che potrebbe voler intervenire nel caso. La speranza era di alleviare questa pressione. Ora Mandelblit dice che non interferirà nel caso. Questo apre la strada a un’udienza in tribunale.

Guarda questo video del nostro giornalista Ties Brock sullo sfondo della controversia:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24