La crisi del Corona non è la svolta di cui il clima ha disperatamente bisogno

Le emissioni sono di nuovo in aumento. La “ripresa verde” che molti avevano sperato dopo questa crisi di vasta portata non si vede.

Quando è scoppiata la crisi del Corona e il mondo si è fermato, molti hanno visto anche in questo terribile periodo un nuovo inizio. Gli scienziati hanno suggerito che dovremmo cercare di far crescere di nuovo l’economia “più verde” dopo Corona. Questo può essere fatto, ad esempio, combinando piani per fermare il cambiamento climatico con piani per riportare in vita l’economia. Lentamente ma inesorabilmente, il mondo si sta muovendo di nuovo in questo momento. Ma non c’è ancora alcun segno di una simile “ripresa verde”.

COVID-19
Lui lei Nuovo rapporto United in Science Viene fornito con risultati inconfondibili. Ad esempio, gli autori sostengono che il COVID-19 non ha rallentato l’incessante progresso del cambiamento climatico. Non vi è alcun segno che i paesi stiano diventando “più verdi” poiché le emissioni di anidride carbonica sono tornate ai livelli precedenti dopo un calo temporaneo dovuto alla chiusura economica. “Durante la pandemia, abbiamo sentito che dobbiamo ricostruire meglio per mettere l’umanità su un percorso più sostenibile ed evitare i peggiori effetti del cambiamento climatico sulle società e sulle economie”, ha affermato il segretario generale dell’OMM Petteri Taalas. “Il nuovo rapporto mostra che non stiamo ancora andando nella giusta direzione nel 2021”.

Che cos’è il Rapporto United in Science?
Lo United in Science Report è una raccolta di scoperte chiave della scienza climatica delle principali organizzazioni di ricerca globali sui cambiamenti climatici. Il rapporto United in Science 2021 è il terzo di una serie ed è coordinato dall’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM), con contributi del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP), dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e dell’Intergovernmental Panel on Climate Modificare. (IPCC), il Global Carbon Project (GCP), il World Climate Research Program (WCRP) e il Met Office (UK).

I dati mostrano che le concentrazioni di gas serra nell’atmosfera continuano a salire a livelli record. Questo costringe il pianeta a un pericoloso riscaldamento futuro. I ricercatori affermano che queste alte temperature globali alimenteranno a loro volta le condizioni meteorologiche estreme distruttive. Questo, a sua volta, avrà un impatto sulle economie e sulle società. Si stima che nel 2019 siano state perse oltre 103 miliardi di ore uomo – rispetto al 2000 – solo a causa del caldo.

READ  Il telescopio Hubble può individuare di nuovo le stelle

Insufficiente
Ciò significa che i fattori trainanti e gli impatti del cambiamento climatico sono in aumento e che non si sta facendo abbastanza per raggiungere gli obiettivi di emissione. “Il nuovo rapporto dipinge un quadro desolante e preoccupante”, ha affermato il ricercatore Gueri Rugeli. “Stiamo assistendo a un cambiamento climatico senza precedenti e l’abbiamo causato noi stessi. Le nostre azioni finora sono in gran parte insufficienti per evitare che peggiori”.

Conclusioni
I ricercatori hanno tratto alcune conclusioni preoccupanti nel rapporto. Ad esempio, le concentrazioni dei due più importanti gas serra – anidride carbonica (CO2), metano (CH4) e protossido di azoto (N2O) – continueranno ad aumentare senza ostacoli nel 2020 e nella prima metà del 2021. Inoltre, la temperatura media oltre La Terra negli ultimi cinque anni è tra le più alte mai registrate, stimate tra 1,06 e 1,26°C al di sopra dei livelli preindustriali (il periodo tra il 1850 e il 1900). Pertanto, aumenta la possibilità che la temperatura superi temporaneamente 1,5 gradi nei prossimi cinque anni.

Conclusioni del rapporto United in Science. Foto: Organizzazione meteorologica mondiale

Inoltre, nel 2021 abbiamo già assistito ad alcuni devastanti eventi meteorologici e climatici estremi (pensa al caldo intenso che ha spazzato il Nord America e alle inondazioni dell’Europa occidentale); Una caratteristica importante del cambiamento climatico causato dall’uomo. Sebbene sia incoraggiante che un numero crescente di paesi dichiari di essere impegnato a raggiungere obiettivi di emissioni nette pari a zero, per essere realizzabili e credibili, questi obiettivi devono urgentemente essere riflessi nella politica.

COP26
Speriamo che la COP26, la prossima conferenza sul cambiamento climatico a Glasgow, sia un punto di svolta. “Ma questo richiederà a tutti i paesi di impegnarsi a zero emissioni nette entro il 2050”, ha affermato il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres. “Questo deve essere supportato da strategie concrete a lungo termine che ridurranno le emissioni globali del 45% entro il 2030”. La COP26, che si terrà il prossimo novembre, mostrerà se possiamo effettivamente impedire che il cambiamento climatico diventi sempre più fuori controllo, come stanno effettivamente lavorando i paesi e quanto siano ambiziosi gli obiettivi.

READ  Le lunghe settimane di lavoro sono mortali e flessibili e non fanno che peggiorare la situazione

“Abbiamo bisogno di una svolta”, continua Guterres. “Dobbiamo proteggere i mezzi di sussistenza delle persone costruendo resilienza e aiutando le persone ad adattarsi. Abbiamo bisogno di più solidarietà, compresa la piena attuazione degli impegni a lungo termine per aiutare i paesi in via di sviluppo a intraprendere azioni per il clima. Non c’è alternativa se vogliamo un ambiente più sicuro, più sostenibile e più prospero”. futuro. Tutti. Il rapporto è chiaro e il tempo stringe”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24