La crisi energetica causa più problemi psicologici

“A causa dei problemi economici, sempre più persone stanno vivendo difficoltà psicologiche”, afferma il presidente di CM Luc Van Gorp. In un’intervista a De Morgen. Uno studio condotto dal CM Healthcare Trust ha mostrato una disuguaglianza nel rischio di problemi mentali: le persone che hanno difficoltà a sbarcare il lunario hanno maggiori probabilità di sviluppare problemi psicologici.

“Delle persone con un reddito di 750 euro al mese, più del 17% ha disturbi d’ansia e il 10,7% ha la depressione”, afferma Van Gorbe. “Per chi ha un reddito superiore a 2.500 euro al mese, questo è solo il 7,4 e il 2,5 per cento, ci dicono i dati di Sciensano”.

Di conseguenza, gli esperti temono che l’aumento dei prezzi dell’energia spingerà più persone al ribasso. Povertà, afferma Heidi Degeriks, Coordinatrice Generale della Rete.

Ancora più preoccupante, i prezzi dell’energia più elevati sono in linea con la crisi del Corona. “Poi la richiesta di aiuto è aumentata notevolmente”, afferma Quinn Lewitt, portavoce della VVKP Psychological Association. Ora è previsto che accada di nuovo. Inoltre, secondo Sarah Williams, professoressa di disuguaglianza sociale in sanità (UGent), la crisi energetica sta avendo un effetto su di lei. “Oltre a quella ridotta flessibilità, ora arriva lo stress finanziario delle bollette non pagate”, afferma. Quindi sia Lowet che Willems definiscono le preoccupazioni di CM “altamente giustificate”.

protezione

Le persone povere (svantaggiate) hanno già maggiori probabilità di sviluppare problemi psicologici. “È sempre un’interazione tra vulnerabilità (innata) e fattori ambientali”, afferma Lowet. “Pensalo come un equilibrio: se si accumulano molti fattori di stress – come ora con i prezzi dell’energia più elevati – allora si capovolgono dall’altra parte”.

Questo gruppo trova anche più difficile trovare aiuto. A complicare ulteriormente le cose c’è la crisi energetica. “Perché cosa fanno le persone che non riescono a sbarcare il lunario? Si salvano”, dice Williams. “L’assistenza sanitaria, e certamente la cura della salute mentale, è una delle prime cose che smettono di fare”.

Pertanto, Van Gorbe sostiene ulteriori investimenti nell’assistenza sanitaria preventiva. “Si evita la sofferenza e il sistema sanitario – che è già a corto di personale – è meno gravoso”, afferma.

È anche aiutato da esperti. “Idealmente, dovremmo spendere dal 10 al 12% della spesa sanitaria per la salute mentale”, afferma Lewitt. “In Belgio arriviamo a malapena al 6-7%, quindi è quasi la metà di quanto dovremmo spendere. Investiamo la maggior parte di quel budget in letti d’ospedale. Ma molto poco del budget va alla prevenzione”.

READ  "La scienza mostra che c'è di più tra cielo e terra?" Sì, dice questo filosofo

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24