La Danimarca affitta celle in Kosovo a stranieri condannati

La Danimarca affitta 300 celle in Kosovo. L’intento è quello di mandare le persone condannate in Danimarca che devono comunque lasciare il Paese dopo essere state condannate.

In questo modo, il Ministero della Giustizia danese spera di ridurre il carico sulle carceri nel suo paese. Quindi non si tratta di danesi, ma di presunti stranieri dichiarati persona non grata provenienti da paesi al di fuori dell’Unione Europea. Il governo danese pagherà al governo del Kosovo circa 210 milioni di euro per i prossimi anni in cambio dell’accoglienza dei prigionieri. Il governo sta investendo anche in altri progetti nel Paese, come le energie rinnovabili.

I due governi hanno firmato lunedì una lettera di intenti politica per una partnership quinquennale. Il Kosovo, uno dei paesi più poveri d’Europa, ha circa 700-800 celle rimaste, mentre la Danimarca ha un surplus e una carenza di guardie. Nelle celle del Kosovo si applicheranno le regole danesi.

Contanti

Oggi, il ministro della Giustizia danese Nick Hekrupp ha fatto visita a una prigione nella città di Gilan, dove sono ospitati i prigionieri. Ha detto che “alcune cose devono ancora cambiare” ma è stato generalmente soddisfatto.

L’accordo è stato molto criticato da avvocati e altri. “Sono molto preoccupato per questa idea”, ha detto l’avvocato Christian Brad, un ex procuratore generale. “Il risultato potrebbe essere che non hanno ottenuto i diritti che avrebbero dovuto avere, ad esempio nel campo dei diritti umani”.

Secondo Haykrupp, i prigionieri saranno trattati allo stesso modo in cui sono trattati nelle carceri danesi. La Danimarca non è il primo Paese europeo a voler trasferire i prigionieri. Nel 2015, la Norvegia ospitava da tre anni 200 detenuti nei Paesi Bassi e la Danimarca aveva precedentemente pianificato di ospitare detenuti in Romania.

READ  I talebani affermano di aver catturato la seconda città più grande del paese e controlla già 12 capoluoghi di provincia | all'estero

rigorosa politica di immigrazione

La Danimarca ha da anni una politica di immigrazione restrittiva. Nel 2018, ad esempio, si prevedeva di accogliere un centinaio di stranieri indesiderati in a piccola isola danese. Con questo, il governo ha voluto inviare un segnale che il paese ha le politiche di asilo e immigrazione più severe in Europa e scoraggiare i richiedenti asilo dal rimanere nel paese.

Quest’anno il Parlamento ha approvato una legge che lo rende possibile Per accogliere richiedenti asilo fuori dall’Europa. Il paese è stato oggetto di molte critiche da parte della Commissione europea per questo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24