La dieta salutare per il cuore non contiene un “pizzico” di sale

Un nuovo studio dimostra definitivamente il legame tra basso contenuto di sale e un minor rischio di malattie cardiovascolari. Quindi le prove che non dovresti cospargere di sale extra il tuo cibo stanno aumentando.

Probabilmente non è la prima volta che senti che il sale fa male alla salute. Ci sono prove evidenti che mangiare troppo sale può portare all’ipertensione, un importante fattore di rischio per le malattie cardiovascolari. Tuttavia, gli studi epidemiologici che hanno esaminato l’associazione hanno prodotto risultati contrastanti. E così sono entrati gli studiosi Nuovo studio Alla ricerca di una risposta a questa domanda: Quanto fa davvero male il sale per il tuo cuore?

Stabile
“Gli studi sulla relazione tra l’assunzione di sodio e le malattie cardiache sono ancora controversi”, ha detto al giornale il ricercatore Lu Qi. saintias. Inoltre, secondo lui, il metodo di misurazione negli studi precedenti non era a tenuta stagna. Ciò è dovuto principalmente alla mancanza di metodi pratici per studiare l’assunzione di sodio nella dieta a lungo termine. “Il nostro studio è il primo a testare un indicatore comportamentale: l’aggiunta di sale al cibo per monitorare l’assunzione abituale di sodio”, afferma Qi. Studi recenti hanno suggerito che la frequenza con cui una persona aggiunge sale al proprio pasto può essere utilizzata anche per prevedere l’assunzione individuale di sodio nel tempo. Pertanto, a un massimo di 180.000 partecipanti è stato chiesto di completare questionari sulla frequenza con cui cospargono di sale il loro pasto. Inoltre, i ricercatori hanno avuto accesso alle loro cartelle cliniche e hanno raccolto dati su malattie cardiache, ricoveri e cause di morte. Il team ha quindi determinato se la frequenza dell’aggiunta di sale al cibo fosse associata a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari per tutti i partecipanti.

READ  Gli astronomi scoprono una misteriosa mutazione nata dalle stelle

un pizzico di sale
La ricerca conferma ciò che gli scienziati già pensavano. Ciò significa che meno sale porta effettivamente a un minor rischio di malattie cardiovascolari. “Nel complesso, abbiamo scoperto che le persone che non spargono sale extra sul loro cibo hanno un minor rischio di malattie cardiache, indipendentemente dai fattori dello stile di vita e dalle malattie preesistenti”, ha detto Chi. Questi risultati non sono troppo sorprendenti, però. “Sebbene questo sia il primo studio a mostrare una chiara associazione, i risultati potrebbero non essere così sorprendenti”, afferma Qi. “Studi precedenti hanno dimostrato che un’elevata assunzione di sodio aumenta il rischio di vari fattori di rischio per le malattie cardiovascolari, come l’ipertensione”.

La connessione più forte
I ricercatori hanno scoperto che l’associazione tra l’aggiunta di sale al cibo e il rischio di malattie cardiovascolari era più forte tra i partecipanti con uno stato socioeconomico inferiore e i fumatori attuali. Qualcosa che Qi potrebbe spiegare. “Lo stato socioeconomico basso e il fumo sono entrambi fattori di rischio per le malattie cardiache”, spiega. “I nostri risultati suggeriscono che, insieme a questi fattori di rischio, l’aggiunta di sale alla dieta aumenta il rischio di malattie cardiovascolari”.

Pubblicità
Insomma, una dieta a basso contenuto di sale fa bene al cuore. E questo mentre tutti nel mondo mangiano più sale di quanto dovrebbero. Ciò può essere dovuto al fatto che molte persone potrebbero non essere sufficientemente consapevoli del fatto che un’assunzione eccessiva di sale può essere molto dannosa per la salute e aumentare il rischio di malattie cardiache. Così Qi spiega perché. “Oltre ad aumentare la pressione sanguigna, consumare troppo sale porta a valori infiammatori più elevati”, ha affermato il ricercatore. Aumenta il rischio di sovrappeso e influisce negativamente su altri fattori di rischio che possono portare a malattie cardiache. Pertanto l’attuale raccomandazione è di consumare non più di 2.300 mg al giorno.

READ  Questo rende qualcuno una persona noiosa - Wel.nl

La dieta DASH
Se vuoi davvero farlo bene, Qi consiglia di combinare la riduzione dell’assunzione di sale con quella che viene chiamata la dieta DASH. La dieta DASH (Approcci dietetici per fermare l’ipertensione) È, come suggerisce il nome, una dieta per abbassare la pressione sanguigna mirata a uno stile di vita sano cardiovascolare. Le quantità raccomandate e le scelte di prodotto per la dieta DASH sono generalmente in linea con la Ruota dei Cinque. Implica la limitazione dell’assunzione di carne rossa e lavorata incoraggiando al contempo il consumo di verdura, frutta, cereali integrali, latticini a basso contenuto di grassi, noci e legumi. Inoltre, sia la dieta DASH che la Five Wheel raccomandano di aggiungere meno o meno sale possibile a cibi e bevande. “Abbiamo scoperto che quando i partecipanti hanno aderito rigorosamente alla dieta DASH e hanno aggiunto meno sale alla loro dieta, il loro rischio di malattie cardiovascolari è diminuito maggiormente”, afferma Qi. “Questo è importante perché ridurre il sale in eccesso, non eliminare completamente il sale dalla dieta, è un modo abbastanza semplice per ottenere benefici che non richiedono molti sacrifici”.

Meno sale negli alimenti trasformati
Il sale da cucina si trova in molti prodotti. Puoi cospargerlo tu stesso sul cibo, ma si può trovare anche in piatti pronti, pane, snack e pizza, per esempio. E anche queste quantità Secondo RIVM Deve essere ridotto. Nei Paesi Bassi, la malattia coronarica e l’ictus sono tra le condizioni con il maggior carico di malattia. Ma riducendo il contenuto di sale degli alimenti trasformati o scegliendo alternative a basso contenuto di sale, si possono ottenere significativi benefici per la salute quando si tratta di malattie cardiovascolari. Quando il contenuto di sale degli alimenti trasformati viene dimezzato (un livello tecnicamente fattibile), l’assunzione giornaliera di sale dagli alimenti trasformati scende di 2,1 grammi (per le donne) a 2,9 grammi (per gli uomini), con una diminuzione rispettivamente del 37% e del 38%. In questo scenario, nei prossimi 20 anni potrebbero essere prevenuti circa 30.000 infarti e più di 53.000 ictus (una diminuzione rispettivamente del 4,4 e del 6%).

Nel complesso, lo studio mostra che se si sceglie di cospargere un po’ di sale sul cibo d’ora in poi, questo gioverà davvero alla salute del cuore. Se hai ancora problemi con esso, un sostituto del sale può essere un buon compromesso. I ricercatori hanno precedentemente dimostrato, ad esempio, che il sale di potassio (in cui parte del cloruro di sodio, che costituisce tutto il sale da cucina, è sostituito dal cloruro di potassio) è un buon sostituto. Se il sale da tavola viene sostituito dal sale di potassio in tutto il mondo, Questo potrebbe persino salvare milioni di vite ogni anno.

READ  Secondo l'Health Council, la possibilità di contrarre MIS-C diminuisce se il bambino è già affetto da COVID-19

Tuttavia, secondo Qi, è meglio ridurre del tutto l’assunzione di sale. Ci siamo già abituati nel tempo al sapore salato del cibo. Infatti dobbiamo “riabituarci” di nuovo, per il bene della nostra salute. “Perché ora abbiamo una forte evidenza che l’integrazione di sale aumenta il rischio di malattie cardiovascolari e morte prematura”, conclude Chi.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24