La donna guarisce dall’HIV grazie alle cellule staminali del cordone ombelicale

Nessuna traccia di HIV è stata trovata in una donna con HIV e leucemia dopo aver subito un trapianto di midollo osseo utilizzando cellule staminali del sangue del cordone ombelicale. È la prima paziente sieropositiva al mondo a perdere il virus dopo un trapianto di cellule staminali: tre uomini l’hanno preceduta. Istituto nazionale di ricerca degli Stati Uniti (NIH) Ho menzionato nell’indagine di martedìDopo aver presentato i primi risultati in un convegno scientifico.

Se non trattato, il virus dell’immunodeficienza umana (HIV) distrugge il sistema immunitario del corpo, causando la malattia mortale AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita† La terapia combinata con farmaci antivirali consente alle persone con HIV di controllare la propria infezione, ma non esiste ancora una cura. Nel mondo, 38 milioni di persone convivono con il virus.

Più ampiamente disponibile

Le cellule staminali sono i precursori delle cellule che compongono il sangue e il sistema immunitario. I tre uomini che erano stati precedentemente guariti dall’HIV hanno ricevuto un trapianto di midollo osseo con cellule staminali adulte resistenti all’HIV. Il trapianto di cellule staminali non è adatto come trattamento standard contro l’HIV. È una procedura rischiosa ed è offerta solo ai malati di cancro che non hanno altre opzioni.

Le cellule staminali possono essere ottenute dal sangue del cordone ombelicale o dal midollo osseo. Il grande vantaggio del sangue del cordone ombelicale è che è molto più ampiamente disponibile rispetto alle cellule staminali del sangue adulto: è il sangue che rimane inutilizzato nel cordone ombelicale dopo la nascita del bambino. Inoltre, le cellule non devono corrispondere accuratamente al ricevente per essere utilizzate nel trapianto.

READ  La NASA scopre detriti metallici su Marte

Quando lo fanno i genitori Dona il sangue del cordone ombelicale del loro bambinoLe cellule staminali sono incluse in un database globale e possono essere utilizzate per curare un paziente.

ponte

La donna è risultata positiva all’HIV nel 2013 e ha utilizzato una combinazione di inibitori del virus (terapia antiretrovirale, ART) che hanno tenuto il virus sotto controllo. Quattro anni dopo, ha sviluppato la leucemia mieloide acuta, un cancro dei globuli bianchi. Dopo la chemioterapia, ha ricevuto un trapianto di cellule staminali dal sangue del cordone ombelicale. Poiché il corpo impiega sei settimane affinché le cellule trapiantate nel midollo osseo funzionino, ha anche ricevuto globuli bianchi da un membro adulto della famiglia per colmare il divario.

Le cellule staminali del sangue del cordone ombelicale utilizzato portano una mutazione naturale nel DNA che protegge dall’infezione da HIV: la cosiddetta mutazione CCR5-delta32. Anche le cellule staminali adulte utilizzate per curare i tre uomini provenivano da donatori portatori di questa mutazione.

Dopo cento giorni, le cellule staminali del cordone ombelicale avevano attecchito bene e non c’era più traccia di HIV nel suo sangue. Tre anni dopo il trapianto, la donna ha deciso di interrompere l’assunzione degli inibitori del virus. Nei 14 mesi successivi non è stato più misurato l’HIV, tranne per un brevissimo periodo dopo 14 settimane.

A differenza dei pazienti precedenti, la donna ha avuto pochi effetti collaterali e ha avuto una reazione di rigetto minore dopo il trapianto.

La prima persona ritenuta guarita dall’HIV è stata il “paziente di Berlino”, Timothy Ray Brown. È rimasto privo di virus per 12 anni fino alla sua morte per cancro nel 2020. Nel 2019 è stato annunciato che anche un secondo portatore di HIV, il “paziente londinese”, è diventato privo di virus in questo modo. Adam Castillejo, morto un anno e mezzo fa rivelare la sua identitàSono passati ormai trenta mesi. Alla fine dello scorso anno un terzo si è dichiarato: Mark, “Düsseldorf Malato”.

READ  Impensabile ultimamente, ma realtà ora: l'idrogeno verde costa meno del grigio, a causa della guerra in Ucraina

Leggi anche: È la terza persona al mondo ad essere curata dall’HIV

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24