La fiducia del pubblico nella scienza viene abusata

in Colonna della scorsa settimana Ho fatto notare che le sciocchezze senza fatti stanno diventando sempre più normali nella scienza. Questo esempio riguarda la sostenibilità dell’agricoltura, ma la situazione è anche triste quando si parla di genere, inclusività e “decolonizzazione”.

La risposta dei lettori al mio articolo della scorsa settimana è stata che non rendo giustizia agli innumerevoli scienziati che fanno coscienziosamente il loro lavoro ogni giorno.

Questo lettore ha ragione.

In una versione precedente di questo articolo, ho incluso un paragrafo in cui si afferma che la scienza è ancora la cosa migliore che abbiamo per proteggere il mondo in futuro e speriamo di renderlo ancora migliore. Ma poi ho cancellato quel paragrafo perché mi sembrava troppo ovvio scriverlo! Se pensassi che la scienza fosse solo un’opinione, non mi preoccuperei troppo dei brutti punti in un sistema essenzialmente bello.

Argomenti di conversazione

Naturalmente, nei miei trent’anni di giornalismo scientifico, ho parlato con centinaia di ricercatori di quasi tutte le discipline, da giovani dottorandi a professori acclamati. Quasi nessuno ha assaporato questo discorso a modo proprio, quella riluttanza ad affrontare i fatti e il perseguimento di un’agenda nascosta comune nella politica e nei media. I giovani ricercatori in particolare sono il 95 per cento dei modelli di integrità e apertura mentale.

Questa percentuale scende leggermente man mano che si sale più in alto nella roccia delle scimmie accademiche, ma non di molto, anche se più nelle scienze sociali che nelle scienze esatte. Le scienze sociali rimangono argomenti ampiamente dibattuti, lasciando spazio a comportamenti privi di fatti. Anche se sei un premio Nobel, non puoi farla franca nelle scienze esatte.

Lo studente alzò la mano

Non dimenticherò mai la prima volta che ho visto qualcuno vincere un premio Nobel. Ha ricevuto il premio per la sua ricerca sulle particelle elementari e ha tenuto una serie di conferenze presso il Kamerlingh Onnes Laboratory di Leiden. Tutti quelli che significavano qualcosa a Leida erano fisici nella stanza affollata, ma c’erano anche studenti come me e dottorandi.

Il premio Nobel iniziò la sua conferenza e presto la lavagna da parete a parete dietro di lui si riempì di formule. Poi un alunno di seconda ha alzato la mano e ha fatto una domanda. Il premio Nobel ci ha pensato un attimo, ha risposto e poi ha ripreso a scrivere le formule alla lavagna. Ma quando dopo un po’ tornò in aula, lo studente era di nuovo seduto con il dito alzato. “Ora non lo capisco più”, diceva questa equazione (in inglese), “perché ora hai tre equazioni con solo due condizioni al contorno, e…”

READ  Gli studi hanno dimostrato che i vaccini danno ai sopravvissuti a Covid-19 un importante impulso immunitario

Il premio Nobel ha detto: “Non lo so”.

I dettagli tecnici qui non sono importanti e li ricordo a malapena. Ma quello che accadde dopo fu indimenticabile. Il premio Nobel rimase immobile e silenzioso, a guardare le sue formule, non per pochi secondi, ma per almeno un minuto, molto tempo in una stanza affollata, silenziosa, affollata. «Questa è un’ottima domanda», disse, e riprese a fissare la lavagna. Alla fine, quando la tensione nell’aula divenne quasi insopportabile, si rivolse allo studente e disse: “Non lo so. Ci penserò più tardi a casa e ti darò una risposta nella prossima lezione. Ora continuo la mia storia”.

sorprendentemente umile

Chiunque sia condizionato dai litigi senza fine su talk show e dibattiti politici vedrà questo come un fallimento per il premio Nobel: uno studente lo supera, ovviamente! Ma non era affatto questo il punto, e sono sicuro che né lo studente né il laureato l’hanno vissuto in quel modo. Questa è una pratica quotidiana in fisica e in altre scienze esatte: tutti commettono errori e nessuno ha subito tutte le risposte, nemmeno i premi Nobel. Sanno molto bene che anche uno studente a volte vede qualcosa che lui stesso ha trascurato, e questo generalmente li rende sorprendentemente umili.

La riduzione delle emissioni è principalmente una considerazione politico-economica

Questa umiltà di solito è difficile da trovare in coloro che vogliono mettere la scienza dalla loro parte. L’affermazione che la “scienza” sostiene la propria agenda di lavoro, o che le persone “seguano solo la scienza” è per sempre obsoleta. Ogni gruppo di interesse o politico che vuole fare qualcosa con il clima, l’ambiente o la salute ora si rende conto che il pubblico ha ancora una grande fiducia nella scienza. La tragedia è che questa fiducia pubblica è fondamentalmente giustificata, ma è ampiamente abusata.

READ  Daya perde sua figlia a causa dell'anemia falciforme e il suo secondo figlio (2) ora è malato

La scienza potrebbe dire qualcosa di ragionevole in uno scenario di emissioni in cui il mondo presumerebbe un aumento del livello del mare di 1 metro nel 2080, ma non ne consegue affatto che i Paesi Bassi avrebbero dovuto “quindi” emettere il 25% di gas serra in meno nel 2020 rispetto a nel 1990, come afferma la sentenza Urgenda dove il giudice sosteneva che fosse basata sulla climatologia. La misura in cui i Paesi Bassi sono coinvolti nella riduzione delle emissioni, piuttosto che semplicemente aumentare i propri argini, è principalmente una considerazione politica, economica e, in definitiva, puramente etica.

Che le cose stiano andando “troppo male” con la natura olandese è solo una bugia

In molti casi, credo che i politici siano tanto vittime quanto istigatori di questo tipo di abusi. Partiti come Milieudefensie e Greenpeace, ma anche una certa scuola di scienziati ambientali, sono seduti al tavolo ovunque nei Paesi Bassi amministrativi e sono considerati affidabili quando affermano che secondo la scienza, le emissioni di azoto nei Paesi Bassi dovrebbero essere nuovamente dimezzate entro il 2030 – un data dagli anni ’90 – Perché ora le cose vanno “troppo male” con la natura.

Questa è la frase standard per Tjeerd de Groot, azoto crocifero D66, il quale suggerisce che questo è un fatto scientifico indiscutibile che non è mai stato messo in discussione in quei talk show. Sebbene il termine “peccato” sia nella migliore delle ipotesi un’interpretazione molto selettiva dello stato di natura olandese, è francamente una bugia motivata dall’opportunità politica.

Rota non sapeva quanto fosse poco azoto

Lo stipendio di Jan Willem Erismann, professore di azoto nei Paesi Bassi, che ha costruito tutta la sua carriera scientifica sul suono dell’allarme sul problema dell’azoto, è stato pagato direttamente dal World Wildlife Fund per cinque anni. Quindi Erisman può ancora essere un ricercatore onesto, ma è chiaro che per lui si applicano criteri molto diversi rispetto ai critici della politica dell’azoto. Perché non c’è vergogna nel finanziamento di Erismann da parte di un gruppo di interesse, mentre i critici della politica dell’azoto che in precedenza facevano soldi nel settore agricolo vengono immediatamente liquidati come lobbisti corrotti per l’industria agricola.

READ  Questa è l'età in cui le persone dormono meno tempo

Politici come Van der Wal o Jetten leggeranno qualcosa di professionale sulla loro materia, a parte note e bozze di documenti politici consegnati loro dai loro funzionari? Questo è in risposta alla copertura televisiva della conversazione sul tavolo della cucina di Mark Rutte con un contadino. Ha poi detto di aver chiesto a Rutte se sapeva quanto azoto fosse minuscolo, perché lo standard di licenza era ancora ben al di sotto di 1 mole.

Secondo il contadino, Rutte ha detto che non ne aveva idea, ma l’avrebbe cercata. Questo è tipico del modo in cui i Paesi Bassi sono governati al più alto livello: da avvocati professionisti e manager senza conoscenze professionali di base e senza alcun senso delle proporzioni numeriche.

I giudici sanno anche cos’è una talpa?

Il ministro dell’azoto van der Waal ora sa cos’è una talpa e che sono solo 14 grammi di azoto, la quantità nella cacca di un grosso cane? Sapete a memoria quanto azoto viene pompato nei Paesi Bassi e depositato qui? Oltre 2 miliardi di moli all’anno, Vostro Onore, non avete più bisogno che i vostri funzionari lo cerchino (esportiamo 8 miliardi di moli all’anno).

Ma ovunque, progetti di costruzione, progetti industriali e feste ora non sono consentiti perché non fanno precipitare nemmeno una singola molecola di azoto. Questo è sproporzionato in quanto il giudice ha vietato il Pride Canal Tour ad Amsterdam quest’anno perché riscalda troppo la terra. I giudici che hanno approvato la storia del litigante seriale Johann Wollenbrück e hanno dichiarato illegale la politica dell’azoto, sapevano anche cosa fosse una talpa? O hanno semplicemente seguito la bandiera?

giornalista scientifico Arnot Jaspers Pubblicato settimanalmente alla Wynia Week. Wynia Week è supportata dai donatori. sei con noi? Grazie!

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24