La figlia del presidente camerunese dopo il coming out: spero che cambi la legge anti-gay Notizie RTL

Cinque anni di carcere con l'accusa di omosessualità

Scritto da Julius Paty··Una media:

da destra a sinistra

Emozione in Africa: Brenda Biya, figlia del presidente del Camerun, ha fatto coming out su Instagram la scorsa settimana. In Camerun puoi finire in prigione fino a cinque anni per omosessualità. In un'intervista con una rivista francese, Pia ha detto che spera che la legge “ingiusta” anti-gay venga modificata in seguito al suo coming out.

E se la principessa ereditaria Amalia fosse lesbica? Potrebbe essere una novità, ma la principessa ereditaria sarà accettabile per la maggior parte degli olandesi. Questo varia in molti paesi dell’Africa. Ciò è in parte dovuto al modo in cui noi occidentali la vediamo.

L'omosessualità è punibile dalla legge in Camerun

Come funzionerà verrà spiegato più avanti. Innanzitutto da cosa affascina esattamente l’Africa. Ciò ha a che fare con la famiglia del presidente camerunese Paul Biya. Ha 91 anni ed è presidente dal 1982. “Il Camerun ha uno dei regimi più autoritari del continente”, afferma la corrispondente Sophie van Leeuwen. “L’omosessualità è un reato penale. La pena in Camerun può arrivare fino a cinque anni di reclusione”.

Ma la figlia di Paul Bea, Brenda, ha recentemente fatto coming out. Lo ha fatto pubblicando una foto su Instagram in cui bacia la sua amica brasiliana. Brenda Biya non vive in Camerun, ma in Svizzera. Da allora la foto è stata cancellata dal suo account Instagram.

Paul Biya, Presidente del Camerun, in occasione della Giornata Nazionale del Camerun.© Agenzia France-Presse
Paul Biya, Presidente del Camerun, in occasione della Giornata Nazionale del Camerun.

Ieri Pia ha rilasciato un'intervista al quotidiano francese Le Parisien. In esso, ha affermato che il coming out era una “opportunità” per “inviare un segnale forte”. Ha anche osservato di ritenere “ingiusta” la legislazione anti-LGBT del Camerun.

READ  Un appello internazionale alla calma in Israele e nei territori palestinesi

Il fratello è arrabbiato e i genitori tacciono

Ha detto che il rapporto tra lei e la sua famiglia non era più buono. Ad esempio, suo fratello l'avrebbe chiamata con rabbia e l'avrebbe costretta a cancellare il post di Instagram. I suoi genitori non hanno ancora commentato. Una fonte governativa ha detto alla radio francese RFI: “La vita privata di qualcuno che vive all’estero non ha nulla a che fare con il Camerun o con il presidente”.

Un fratello arrabbiato e una situazione imbarazzante con i suoi genitori sono una cosa. Una parte della popolazione del Camerun è addirittura arrabbiata. Alcuni politici conservatori vogliono che Biya vada in prigione perché “nessuno è al di sopra della legge”.

I genitori di Brenda Biya, con il presidente del Camerun a sinistra.© Agenzia France-Presse
I genitori di Brenda Biya, con il presidente del Camerun a sinistra.

“Il Camerun è un Paese in gran parte cristiano”, afferma il corrispondente Van Leeuwen. “Ci sono molte chiese qui e lì è proibito. Inoltre, gran parte della legislazione anti-LGBT si basa sulle leggi dei colonizzatori europei. Ma anche se questa legislazione non esiste più in molti paesi europei, esiste ancora in molti Paesi africani: “Il Camerun non ha ancora nemmeno la legislazione più severa”.

La vita di lusso infastidisce i camerunensi

Ciò che rende la posizione di Bea ancora più scioccante è la vita lussuosa che vive. “Molte persone in Camerun vivono in povertà. Questo non si può certamente dire di Brenda Biya. La vedono come la figlia di un capo di partito che ha frequentato la scuola in Svizzera, fa molto shopping ed è facile parlare di omosessualità. . Biya appartiene”, dice Van Leeuwen: “Per l’élite e probabilmente non finiranno mai in prigione”.

READ  L'abitante di Pompei non è sfuggito all'eruzione del vulcano tubercolare | Scienze

Poi c’è la resistenza contro l’Occidente e contro paesi come i Paesi Bassi o la Francia che sono più tolleranti nei confronti dell’omosessualità. Ha aggiunto: “C'è una retorica antioccidentale e anticoloniale in Africa. Lo vedete in Zimbabwe, Mali, Burkina Faso, Senegal e anche in Camerun. Il messaggio all'Europa è: 'Ci avete represso e ora ci direte come dovremmo vivere?” Questa è l’Africa e non abbiamo niente a che fare con i tuoi discorsi sui diritti umani o sull’omosessualità”.

Probabilmente ci vorrà molto tempo prima che gli africani possano uscire allo scoperto senza problemi. Sebbene ci siano una serie di punti luminosi. “In Angola, Botswana e Mozambico, ad esempio, l’omosessualità non è vietata”, afferma Van Leeuwen. “E in quei paesi dell’Africa meridionale soffiano venti più progressisti”.

Il Sudafrica è il più avanzato

“In Sud Africa anche il matrimonio tra persone dello stesso sesso è legale. Qui si festeggia l’orgoglio e si può andare in vacanza con ragionevole sicurezza. Ce n’è uno, ma nelle periferie più povere l’accettazione è meno presente e c’è un’accoglienza (sessuale) regolare. violenza contro la comunità LGBT.” E le persone LGBT, anche questa è la norma oggi, ci vorrà molto tempo prima che l’omosessualità venga rimossa dal regno dei tabù.

Accoppiamenti omosessuali di avvoltoi e accoppiamenti di elefanti: il comportamento omosessuale è già stato identificato in circa 1.500 specie animali. Ogni anno durante la Pride Parade, le guide dell'Artis Zoo dimostrano quanto sia sessualmente diversificato il regno animale.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24