La Germania riconosce il genocidio in Namibia e si impegna in aiuti per 1,1 miliardi di euro

Uno dei teschi dei Nama e degli Herero rimpatriati in Namibia durante una cerimonia tenutasi a Belen nel 2018. I resti umani delle vittime della violenza del colonialismo tedesco tra il 1904 e il 1908.Foto di Reuters

Tra il 1904 e il 1908, le forze tedesche uccisero decine di migliaia di persone dei popoli Nama e Herero. La Namibia era una colonia tedesca all’epoca.

La Germania non vede 1,1 miliardi di euro come compensazione, ma come contributo a un futuro migliore per la Namibia. I soldi dovrebbero fondamentalmente finire con i Nama e gli Herrero, che all’epoca soffrirono di più sotto il dominio coloniale tedesco.

La Namibia fu assegnata alla Germania alla Conferenza di Berlino nel 1884. I tedeschi la chiamavano allora Africa sudoccidentale tedesca. Grace e gli herrero si ribellarono contro il dominio coloniale all’inizio del ventesimo secolo. I tedeschi risposero con la forza: l’80% degli Herero e il 50% dei Nama erano stati uccisi. I sopravvissuti sono stati rinchiusi nei campi di concentramento, in condizioni spaventose. Nel 1985, le Nazioni Unite hanno classificato la violenza tedesca come il primo genocidio del ventesimo secolo. Namibia e Germania negoziano un risarcimento dal 2015.

READ  Piccolo miracolo: il figlio più grande del mondo festeggia il suo primo compleanno contro ogni previsione | una famiglia

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24