La Guardia Costiera britannica si allena per rimpatriare i migranti in alto mare

I cosiddetti “blowback” in mare fanno parte dei controversi piani del ministro dell’Interno Patel, che vuole intraprendere un’azione più dura dopo aver battuto un record la scorsa settimana per il numero di migranti che arrivano sulla costa britannica.

Nella settimana prima del 10 settembre 1959 le persone arrivarono nel Regno Unito attraverso la Manica. Il totale per quest’anno è 14.461, il doppio di quello che era in tutto il 2020.

La formazione della guardia costiera deve essere completata entro la fine del mese in modo che le tecniche possano essere applicate prima della fine dell’anno. Tuttavia, non è chiaro come i migranti verranno consegnati alla Guardia costiera francese dopo il ritorno.

Secondo alcune fonti, i britannici intendono informare gli ufficiali francesi quando è necessario un salvataggio di imbarcazioni nelle loro acque territoriali, ponendo la responsabilità legale dei migranti dalla parte francese.

Criminalizzazione dei richiedenti asilo

Secondo i politici francesi, queste azioni violano il diritto marittimo internazionale e possono portare a situazioni pericolose in mare. Il ministro dell’Interno francese Gerald Darmanin ha scritto su Twitter che i piani di Patel “minano l’amicizia” tra i due paesi. Darmanin ha parlato anche di “ricatto” e “vantaggio politico”.

Priti Patel, che ha raggiunto lo status di celebrità e ha promesso di esercitare un maggiore controllo sui confini della Gran Bretagna – una questione chiave nella Brexit – è sotto pressione politica per fare qualcosa per i problemi nel canale.

Oltre ai respingimenti, Patel sta lavorando da tempo a un controverso disegno di legge per riformare l’attuale sistema di asilo. Propone, tra l’altro, di criminalizzare i richiedenti asilo illegali, o di accoglierli all’estero, sul modello dell’Australia.

READ  Biden si aggrappa alla data della partenza di Kabul: 'prima è, meglio è'

I piani di Patel hanno attirato pesanti critiche da parte delle organizzazioni per i diritti umani. Il fatto che il numero di migranti che cercano di attraversare sia ora in aumento potrebbe avere qualcosa a che fare con la politica futura: vorrebbero raggiungere il Regno Unito prima che tale legge entri in vigore.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24