La moglie di Schumacher: Michael ci manca, ma è con noi

Netflix rilascerà il nuovo documentario “Schumacher” il 15 settembre. Si concentra sul pilota Michael Schumacher, ma anche sulla persona dietro il pilota. Ci sono state speculazioni sul fatto che questo documentario ci aiuterà già a saperne di più sulla performance dell’eroe, soprattutto perché la famiglia è stata strettamente coinvolta nel progetto. L’argomento non è del tutto inespresso. Questo è evidente dagli estratti del film.

Corinna Schumacher fornisce alla moglie di Michael alcuni dettagli su come è la vita ora: “Certo che Michael mi manca ogni giorno. Ma non mi manca solo lui: i suoi figli, la sua famiglia, suo padre, tutti intorno a lui sentono la sua mancanza”. Corina Schumacher cita, tra gli altri: da corsa. “Manca a tutti, ma è qui con noi. È diverso, ma è qui e questo ci dà tutta la forza, è così che la vedo io”, continua, poi notando che le cure di Schumacher continuano: “Siamo insieme. sono tornati insieme a casa e sono in cura”.

“Facciamo tutto il possibile per migliorare Michael e assicurarci che sia a suo agio e che faccia parte della famiglia, del legame che abbiamo. Qualunque cosa sia, faccio tutto ciò che è in mio potere. Lo facciamo tutti”.

“Continueremo come famiglia nel modo in cui Michael amava e gode ancora. Continuiamo le nostre vite e ‘la privacy è privata’, come ha sempre detto Michael. È molto importante per me che possa mantenere la sua vita privata. Lei ci protegge sempre in questo zona, e ora la stiamo proteggendo.”

Nel documentario parla anche il figlio Mick Schumacher, che parla di una “situazione ingiusta”: “Dall’incidente non abbiamo più il tipo di momenti familiari che molte persone trascorrerebbero con i genitori, o almeno in misura minore e in i miei occhi sono un po’ ingiusti”.

READ  L'Ajax è il primo candidato contro il Besiktas: squadra pericolosissima, Tadic è una leggenda

Schumacher, ora pilota di Formula 1, non voleva altro che condividere queste esperienze con suo padre: “Penso che io e mio padre ci capiremo in modo diverso, perché ora parliamo lo stesso linguaggio del motorsport. Altro da discutere. “

Il pilota della Haas F1 ha dichiarato: “Probabilmente è quello che mi viene in mente di più, pensando a quanto sarebbe bello. Rinuncerei a tutto per quei momenti con lui”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24