La pandemia fa perdere l’equilibrio ad altri virus

I pediatri sono rimasti scioccati a giugno per la straordinaria epidemia di RS tra i bambini: è un virus invernale. L’hanno gestita le unità di terapia intensiva pediatrica olandesi Picco a fine luglio A malapena toccare. Ciò solleva preoccupazioni sul fatto che anche altri virus respiratori, come l’influenza, si comporteranno in modo irregolare a quasi due anni dall’inizio della pandemia.

“In vent’anni non ho visto un paziente con RS in estate”, afferma Louis Pont, MD, pediatra e professore di infezioni respiratorie all’UMC di Utrecht. “Finora è stata esclusa un’epidemia estiva. Ora il picco di infezioni da virus RS quest’estate nei Paesi Bassi è superiore al picco più alto dei sei inverni precedenti. Fur è specializzato in RS (virus respiratorio sinciziale), che può causare una grave polmonite. , soprattutto quando i bambini molto piccoli

Pont afferma che l’epidemia di RS ha causato enormi problemi. “A fine luglio a Utrecht avevamo l’acqua sulle labbra e non potevamo più ricevere i bambini. Tutte le unità di terapia intensiva pediatrica nei Paesi Bassi erano piene. C’erano ancora posti nei Paesi Bassi per i pazienti al di fuori della terapia intensiva, ma c’erano pochissime auto Ambulanza per portarli lì. A volte, il pediatra stava nel letto di emergenza tutta la notte perché il bambino non poteva andare in ospedale o in un altro ospedale. Poi doveva rimanere al pronto soccorso. “

Fortunatamente, i problemi di capacità dei circuiti integrati a livello nazionale sono ora superati

Louis Pont Professore di Malattie Respiratorie

Pont: “Fortunatamente, i problemi nazionali con la capacità di terapia intensiva, così come i flussi pesanti ai reparti ospedalieri, ad eccezione di Rotterdam e Groningen, sono ora superati”.

Pont afferma che l’assistenza all’infanzia non è stata influenzata di conseguenza. “Tutti coloro che avevano bisogno di ossigeno, un letto IV o un letto di terapia intensiva sono stati dati in tempo. Nessun bambino è morto. Ma non è una buona idea che un bambino rimanga al pronto soccorso”. Nei paesi senza CI, i bambini muoiono di RS, cosa molto rara nei Paesi Bassi.

READ  FOTO UNICHE: per la prima volta i filmati dei droni marini di un uragano dall'interno | Scienza

Raddoppia il numero di bambini

L’aumento insolito è probabilmente dovuto all’incapacità del virus RS di diffondersi durante il blocco dello scorso inverno e alla mancanza di difese delle persone, e perché queste misure rigorose sono state ora revocate. “Queste due cose insieme hanno portato a questo”, dice Pont. “Vedi RS ora apparire anche nel Regno Unito.”

In un’estate normale, il virus, che può essere trasmesso con un bambino dell’emisfero australe, non sarà in grado di diffondersi facilmente qui, perché non infetta in tempo un’altra persona che non ha un sistema immunitario. Allora non ci sarà nessuna epidemia. Ma quest’estate sarà possibile, perché ora ci sono il doppio dei bambini rispetto ai bambini che non hanno ancora costruito il loro sistema immunitario a causa del lockdown.

Non si tratta solo di bambini piccoli che non hanno ancora visto il virus RS a causa dell’epidemia. “Perdi la tua immunità alla RS dopo due anni, quindi altre persone la trasmettono più facilmente. Soprattutto gli adolescenti che improvvisamente iniziano a vedersi di nuovo”.

Sorprendentemente, non c’è un solo ceppo di RS in circolazione nell’epidemia di questa estate. “È iniziato a Rotterdam e poi si è spostato in tutti i Paesi Bassi”, afferma Punt. Ciò suggerisce che un singolo ceppo fosse il seme di questa epidemia. Ma ci sono i ceppi A e B, sono completamente diversi. Indica più casi di ingresso del virus, proprio come al solito in inverno”.

equilibri travagliati

L’insolito picco di RS mostra che i normali equilibri virali sono stati interrotti dall’epidemia. Perché anche altri virus invernali compaiono più frequentemente quest’estate. Nelle stazioni Nivel Sentinel, dove i medici generici controllano casualmente la presenza di virus respiratori che si presentano nei loro pazienti con sintomi influenzali, metapneumovirus umano, alcuni altri coronavirus invernali e rinovirus. “Di solito in estate si vedono principalmente rinovirus”, afferma Mariette Houfeld, un’epidemiologa che guida la sorveglianza dei virus respiratori a Neville.

È molto difficile prevedere cosa significheranno gli equilibri fluttuanti del virus dell’influenza il prossimo inverno, dice Hoifeld. “L’anno scorso non c’era quasi nessuna influenza: le persone non si sono infettate a causa delle misure Corona e i deboli sono stati vaccinati”.

READ  Se una roccia spaziale minaccia la Terra, una bomba nucleare può fornire conforto

Indica che ci sono tre diversi scenari possibili. Se le misure della corona continuano, ci sarà ancora un po’ di influenza in circolazione. Potrebbe anche essere lo stesso degli anni precedenti, con una stagione influenzale lieve o più grave. “Questo varia da inverno a inverno, a seconda del tipo di virus influenzale in circolazione e di quanto bene il vaccino antinfluenzale protegge contro quell’inverno”, afferma Hoifeld.

Foto di Oliver Midendorp

set colorato

Nel terzo scenario, come con il virus RS, ci sono molti tipi diversi di virus influenzali rispetto al solito. “Se un certo tipo di virus dell’influenza, ad esempio il tipo A, circola nei Paesi Bassi, di solito si vede lo stesso tipo nei paesi vicini. Ma se c’è poco traffico tra i paesi, un tipo di virus può comparire in un paese e nell’altro in un altro paese e ogni paese avrà un equipaggio diverso”. Questo può diventare un problema per l’efficacia del vaccino antinfluenzale.

Il vaccino antinfluenzale è già stato preparato per il prossimo inverno. Ogni febbraio, l’OMS consiglia quale combinazione di vaccini dovrebbe essere per il prossimo inverno nell’emisfero settentrionale. Stanno esaminando i tipi di virus che circolavano nell’emisfero australe sei mesi fa, quando era inverno. Il vaccino si basa su quattro principali tipi di virus. È sempre emozionante vedere che la previsione si avvera: a volte una specie diversa ha il sopravvento del previsto. In un anno il vaccino protegge leggermente meglio dell’altro.

Queste informazioni dall’emisfero australe erano a malapena disponibili quest’anno, grazie alla pandemia. Il virus dell’influenza era presente solo nello 0,2 percento dei campioni testati in tutto il mondo, rispetto a una media del 17 percento nei tre anni precedenti. note dell’OMS. Pertanto, è più incerto se l’attuale combinazione di vaccini sarà sufficiente. Se c’è un tipo di virus che non si adatta bene a un vaccino, più persone diventeranno più pericolose.

READ  Un'enorme stella "lampeggiante" scoperta vicino al centro della Via Lattea

Leggi anche: Dov’è l’influenza quest’inverno?

allagato

Le dinamiche del virus dell’influenza sono diverse da quelle del virus RS, dice Houfeld. Il sistema immunitario contro l’influenza non scompare dopo due anni. La maggior parte della popolazione è infettata regolarmente dall’influenza e quindi ha un’immunità sufficiente. E i più vulnerabili possono essere vaccinati».

Tuttavia, la pelliccia tiene il suo cuore per l’imminente influenza invernale. “I virus arrivano sempre in sequenza, alternandosi. Di solito, un’epidemia di influenza arriva subito dopo il virus RS. Se accadesse tutto una volta, da qualche parte tra novembre e gennaio, potremmo assistere a enormi epidemie in alcuni luoghi e il nostro sistema sanitario verrebbe aggirato. “

Questo scenario Paura anche di altri esperti. Bont prevede un picco sia nei bambini con RS che nei bambini con influenza nell’unità di terapia intensiva pediatrica. “Potrebbe essere una cattiva combinazione. Penso che stiamo navigando troppo vicino al vento nei Paesi Bassi con la capacità dell’IC per bambini. Deve essere ampliato, così come è stato aumentato per l’IC per adulti intorno a Covid- 19. Allora potremo andare in inverno con più comodità”.

Leggi anche: Se Corona resta con noi per anni

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24