La parte superiore dei nostri oceani minaccia di cambiare per sempre

Le attuali condizioni della superficie oceanica potrebbero scomparire completamente entro 80 anni. Ma non è ancora una conclusione scontata.

Gli oceani globali esistono già Significativamente influenzato dai cambiamenti climatici. Le nostre emissioni di anidride carbonica, ad esempio, stanno causando l’aumento della temperatura dell’acqua e l’acidificazione. in un Nuovo studio I ricercatori hanno scoperto esattamente come queste cose influenzano la superficie dell’oceano. E secondo loro, la stragrande maggioranza potrebbe non essere mai più la stessa.

superficie dell’oceano
La superficie dell’oceano è una striscia di acqua marina che arriva dal punto in cui l’aria incontra l’acqua fino a una profondità di circa 100 metri. È una parte del mare che interagisce direttamente con elevati livelli di anidride carbonica nell’atmosfera. Quell’acqua di mare assorbe l’anidride carbonica nell’aria fino a quando i due non si bilanciano. Quindi più anidride carbonica c’è nell’atmosfera, più è sulla superficie dell’oceano.

studio
I ricercatori di un nuovo studio erano curiosi di sapere come la superficie dell’oceano globale fosse cambiata a causa dei cambiamenti climatici. Per scoprirlo, hanno usato i dati atmosferici per l’anidride carbonica. Hanno quindi modellato come potrebbe apparire il clima oceanico globale entro il 2100 in due diversi scenari. Il primo scenario è uno scenario più favorevole, con un picco di emissioni nel 2050 per poi diminuire. Il secondo scenario è il temuto scenario “business as usual”, in cui non vengono imposte misure restrittive a livello globale per ridurre strutturalmente le emissioni di CO2 e si continua al ritmo attuale, con un picco di emissioni nel 2100. Inoltre, i ricercatori hanno anche esaminato The time ha ragione e studiano come è cambiata la parte superiore dei nostri oceani tra il XIX secolo e il primo decennio del XXI secolo.

READ  Spedizione artica: “Il punto di svolta del riscaldamento globale irreversibile potrebbe essere già finito” | Ambiente

cambiato per sempre
I risultati mostrano che il clima oceanico non è cambiato in modo significativo durante il XIX e il XX secolo. Ma entro il 2100, le condizioni della superficie oceanica potrebbero essere per sempre diverse. Se non facciamo nulla per le nostre emissioni di anidride carbonica, la superficie dell’oceano sperimenterà temperature significativamente più elevate e un valore di pH sempre più basso entro la fine di questo secolo. Questo è particolarmente sfavorevole per le ostriche. In acque più acide, è difficile per la maggior parte dei crostacei, come ostriche e lumache, e per i coralli estrarre il calcio dall’acqua. Questo perché la calce si dissolve più velocemente in acqua acida. “I climi che scompaiono sono quelli in cui il pH aumenta”, spiega la ricercatrice Katie Lauterhus. “E queste sono proprio le condizioni in cui gli organismi possono creare conchiglie più facilmente”.

Durante ottant’anni
Nel loro studio, i ricercatori affermano che, nel peggiore dei casi, il 95% delle attuali condizioni prevalenti sulla superficie oceanica potrebbe scomparire completamente entro ottanta anni. Ciò significa che se non facciamo nulla per le emissioni di anidride carbonica, l’oceano superiore potrebbe non essere più lo stesso. Ciò è particolarmente triste per gli animali che vivono lì e incontreranno condizioni che non hanno mai visto prima. Inoltre, le ostriche possono avere grandi difficoltà a formare i loro gusci calcarei in acque più acide. “Nel peggiore dei casi, i gusci che formano gli esseri viventi possono dissolversi istantaneamente nell’acqua di mare”, afferma Loterhaus.

Non è mai troppo tardi
Sebbene questa sia un’immagine molto oscura del futuro, i ricercatori sostengono che non è troppo tardi per fare qualcosa al riguardo. Questa non è ancora una conclusione scontata, sottolinea Lotterhus. Nello scenario più favorevole, si prevede che circa il 35% delle attuali condizioni della superficie oceanica scomparirà. “È abbastanza sorprendente che ci sia una tale differenza nelle aspettative”, afferma Loterhus. “Mitigare è molto importante e può davvero fare una grande differenza”.

READ  Secondo la ricerca, le case di cura difficilmente implementano alcun tipo di rilassamento proprio adesso

variabile
Sebbene le condizioni della superficie dell’oceano siano effettivamente mutevoli, le cose sono generalmente relativamente buone. “Anche se abbiamo già visto il riscaldamento e l’acidificazione, è sproporzionato rispetto a ciò che le specie hanno sperimentato negli ultimi duecento anni”, conclude Lotterhus. “È stato solo nei successivi 80 anni che abbiamo iniziato a vedere l’emergere di nuovi climi. E questo dà un barlume di speranza”.

Tuttavia, al momento, molto rimane sconosciuto su come esattamente gli animali oceanici rispondono ai cambiamenti nel loro ambiente. “Alcuni potrebbero non essere influenzati negativamente”, ha detto Loterhus. Ad esempio, alcune specie, come il fitoplancton, possono beneficiare di maggiori livelli di anidride carbonica perché la usano per la fotosintesi. O forse alcune specie sono in grado di evolversi abbastanza velocemente da sopravvivere in nuove condizioni. “Quando si parla di cambiamento climatico, ci sono vincitori e vinti”, continua il ricercatore. Può essere dannoso per alcune specie e possiamo aspettarci di cambiare. Ma se tutti i cambiamenti saranno anche negativi … non è necessariamente così. “

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24