La polizia brasiliana vuole incriminare 19 persone che hanno ucciso più di 270 nel disastro della diga | All’estero

La polizia federale brasiliana vuole accusare di omicidio premeditato 19 persone che lavorano per la società mineraria brasiliana Vale e la società di ispezione tecnica tedesca TÜV SÜD. Vale possedeva la diga nel Minas Gerais, che è scoppiata nel gennaio 2019. Ha ucciso 270 persone. TÜV SÜD era responsabile delle ispezioni sulla sicurezza delle dighe.




Gli imputati sono accusati di aver costruito una struttura che rappresentava un pericolo comune per l’ambiente e da cui era difficile o impossibile per le vittime difendersi. Questi sono consulenti, ingegneri, direttori e direttori di entrambe le società.

La polizia federale vuole anche che le compagnie siano accusate di reati ambientali diversi dai “vari reati legati all’inquinamento” e ai crimini contro “piante e animali selvatici e acquatici” che sono risultati dal disastro della diga.

L’anno scorso, 16 dipendenti di entrambe le società erano già stati incriminati in tutto lo stato, ma c’è ancora un braccio di ferro tra le autorità federali e statali. I pubblici ministeri federali ora decideranno, sulla base delle raccomandazioni della polizia federale, se le accuse saranno mosse anche al più alto livello.

La diga in una miniera di ferro nella Valle Il 25 gennaio 2019 Inondazioni di parti della città di Brumadinho vicino a Belo Horizonte, nello stato di Minas Gerais. Gli esperti hanno stabilito che il progetto della diga era difettoso e che la barriera era troppo ripida e non aveva un drenaggio sufficiente. I funzionari della valle e l’ispettore hanno preparato documenti fuorvianti sulla sicurezza della diga.

270 persone sono morte nel disastro. Mancano ancora sette vittime.

Guarda i nostri video di notizie nella playlist qui sotto:

READ  Presidente Xi: la Cina non costruirà più centrali elettriche a carbone all'estero

I soccorritori cercano sopravvissuti. © Reuters

Le maree di detriti e fango scorrevano per decine di miglia nell'entroterra.

Le maree di detriti e fango scorrevano per decine di miglia nell’entroterra. © Agenzia per la protezione dell’ambiente

Per diversi mesi dopo il disastro, i soccorritori con cani da fiuto hanno cercato le vittime.

Per diversi mesi dopo il disastro, i soccorritori con cani da fiuto hanno cercato le vittime. © AFP

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24