La porta per alzare i tassi di interesse dalla Banca Centrale Europea di 50 punti base è spalancata

ABM
Giovedì 9 giugno 2022 14:56

In questo articolo troverai informazioni su: ING GROUP,

La porta rimane aperta per un aumento del tasso di 50 pb da parte della Banca centrale europea. Lo ha affermato l’economista di ING Carsten Brzeski in risposta alla decisione sui tassi di interesse giovedì pomeriggio.

Giovedì la Banca centrale europea ha mantenuto i tassi di interesse, ma ha annunciato che il tasso di riferimento sarebbe aumentato di 25 punti base a luglio. La banca centrale prevede anche di aumentare i tassi di interesse a settembre. L’importo dipende dall’inflazione dello sviluppo in quel momento.

“Con l’inflazione che si illumina di rosso, ma nello stesso momento in cui l’economia dell’eurozona rallenta e affronta una recessione o addirittura una recessione, le possibilità della BCE di normalizzare la politica monetaria si stanno riducendo quasi di giorno in giorno”, ha affermato Brzeski.

“La decisione odierna mostra che è stato raggiunto un compromesso tra piccioni e falchi”, ha affermato l’economista. “Sembra che un aumento del tasso di 50 punti base a luglio sia stato evitato aprendo la porta a 50 punti base a settembre”.

“L’era dei tassi di interesse negativi finirà prima dell’autunno. In poche parole, la Banca centrale europea ha appena annunciato la fine di una lunga era. E se questo sarà anche l’inizio di una nuova era di tassi di interesse costantemente elevati è ancora lungo lontano, di sicuro”, ha detto Brzeski.

Secondo l’economista Hetal Mehta dell’asset manager Legal & General Investment Management, “La Banca centrale europea si trova in una posizione difficile con un’inflazione molto alta, una crescita in rallentamento e un mercato del lavoro teso”.

READ  Sportcourt: i cronometristi percorreranno la stessa distanza degli uomini alla prossima Coppa del Mondo | gli sport

L’economista stima il rischio di una recessione nell’eurozona al 60 per cento. Inoltre, l’Eurozona ha un “problema italiano”, visto che la Banca Centrale Europea alza i tassi di interesse a luglio e settembre.

Gli alti tassi della Banca Centrale Europea ei costi di finanziamento italiani sollevano dubbi sulla sostenibilità del debito italiano. Di conseguenza, la BCE dovrà essere più “prevedibile” nell’aumentare i tassi di interesse, molto più di quanto ci aspetteremmo da altre banche centrali come la Federal Reserve o la Bank of England”, ha affermato Mehta.

Giovedì, l’analista Salah Bouhamidi di IG ha visto un “impatto diretto” sui titoli di stato italiani dopo la decisione sui tassi di interesse “che continua la sua tendenza al ribasso”.

Giovedì pomeriggio il tasso decennale italiano era al 3,56 per cento e la variabile tedesca all’1,46 per cento.

EUR/USD è salito a 1,0760.


Il prezzo delle azioni di ING GROUP è quotato direttamente sull’EUR con una differenza † Il prezzo più alto della giornata è di € con basso €


Scopri di più sugli argomenti in questo post:

Rapporto sui tassi di interesse, BCE, inflazione degli interessi, vista del mercato azionario

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24