La raccolta del peperone è ritardata nella regione italiana della Campania

“La nostra stagione dei peperoni è in ritardo di 20 giorni a causa di diverse tempeste di neve in primavera, che hanno rallentato la crescita degli ortaggi. Attualmente stiamo raccogliendo solo piccole quantità. Inizieremo più lavori questa settimana”. Lo ha affermato Antonio Coletti, presidente, direttore aziendale e responsabile delle colture di Ortoprimizie, cooperativa con sede nella provincia di Caserta.

“In genere la stagione di tutte le verdure estive, in particolare zucchine, cetrioli e melanzane, è ritardata a causa del maltempo primaverile, ma al momento la qualità è buona e le quantità adeguate”.

La famiglia Colette, che opera nel settore da più di 30 anni, ha costituito la Società Cooperativa nel 2009 insieme ad altri agricoltori. Ortoprimizie è specializzato in 4 verdure disponibili tutto l’anno: melanzane, peperoni, zucchine e cetrioli. L’azienda commercializza circa 12.000 tonnellate di questi prodotti ogni anno.

“Vendiamo l’80% dei nostri ortaggi in Italia e il resto nel Nord e Est Europa”, afferma Antonio Colette. “Il nostro cliente più importante è il settore della vendita al dettaglio e forniamo anche una piccola area nel settore della ristorazione”.

Oltre ai quattro prodotti principali, la cooperativa coltiva anche diversi ortaggi di stagione: legumi come fagiolini e fave in estate, cavolfiori in inverno, romanesco, broccoli e cime di rapa. La coltivazione delle ortoprimizie è certificata da GlobalGAP, GRASP e IFS.

“Riteniamo importante che la nostra coltivazione sia il più sostenibile e rispettosa dell’ambiente possibile. Credo fermamente nell’efficacia delle strategie integrate di protezione delle colture”, continua Colette. “Attualmente stiamo passando alla coltivazione naturale per le nostre verdure in serra. Da gennaio 2023 avremo melanzane, peperoni, zucchine e cetrioli certificati naturali. In futuro vogliamo fornire verdure senza residui”.

READ  Tribunale israeliano: bimbo di 6 anni sopravvive a incidente in funivia per tornare in Italia

Una delle funzioni delle ortoprimizie è quella di interagire con l’ambiente e restituire al suolo quanto necessario per mantenere il ritmo colturale di stagione in stagione. La filosofia dell’azienda è radicata nella tradizione senza perdere i progressi tecnologici. La Cooperativa si impegna ogni giorno per sviluppare prodotti di qualità rispettosi dell’ambiente, senza l’uso di sostanze nocive.

Subito dopo la raccolta, le verdure vengono portate al centro di confezionamento dalla serra o spazio aperto, dove vengono lavate, smistate e confezionate a piacimento del cliente. La stazione di confezionamento si estende su una superficie di 3.400 mq e dispone di 2 celle frigorifere, 2 linee di lavorazione e un’unità di lavaggio e asciugatura automatica. La logistica è controllata da sistemi innovativi, che garantiscono atemporalità e rapidità nell’evasione degli ordini.

“Nel frattempo, l’azienda ha investito in nuove macchine per pannelli solari e depositi di lavorazione per soddisfare al meglio le esigenze del settore retail”, conclude Colette.

Per maggiori informazioni:
Sociale. Cooperativa. agr. ortoprimizie
Strata Dimostra. Sparanise Mondragone, snc
81050 Francolis (CE) – Italia
Telefono: +39 (0) 823 740200
[email protected]
www.ortoprimizie.it

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24